STP, le novità nel decreto sulle semplificazioni fiscali

di Redazione

Lilla Laperuta

Lo scorso  30 ottobre  è stato approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva il decreto legislativo contenente  disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione della delega fiscale di cui alla L. 23/2014.  Fra le novità è prevista la cancellazione della norma relativa alle società tra professionisti, volta ad assimilare i redditi da queste prodotti a quelli delle associazioni senza personalità giuridica costituite per l’esercizio in forma associata di arti e professioni, con conseguente determinazione del reddito secondo il criterio di cassa. E’ stata , ancora,  abrogata la norma che ha introdotto, per gli appalti di opere o di servizi, la responsabilità solidale dell’appaltatore con il subappaltatore, nei limiti dell’ammontare del corrispettivo dovuto, del versamento all’erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente dovute dal subappaltatore in relazione alle prestazioni effettuate nell’ambito del rapporto di subappalto. In capo al committente, è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria – da 5.000 a 200.000 euro – nel caso in cui lo stesso provveda ad effettuare il pagamento del corrispettivo all’appaltatore senza che abbia ottenuto idonea documentazione circa la correttezza del versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente dovute dall’appaltatore e dal subappaltatore.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!