Somme non percepite dal lavoratore: il datore le può richiedere?

Scarica PDF Stampa
“La ripetizione delle somme indebitamente erogate al dipendente, quale “ripetizione dell’indebito” ai sensi dell’art. 2033 c.c., riguarda esclusivamente le somme da quest’ultimo effettivamente percepite, sicché il datore di lavoro non può pretendere di ottenere la restituzione delle somme al lordo delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali, posto che le stesse non sono mai entrate nella disponibilità patrimoniale del lavoratore”.

    Indice

  1. La vicenda
  2. La censura
  3. La questione
  4. La pronuncia della Suprema Corte

1. La vicenda

I giudici d’appello, confermando la decisione del Tribunale, accoglievano solo parzialmente la domanda proposta dall’INPS nei confronti di Tizio, ex dipendente, volta al recupero delle somme versate allo stesso, a titolo di risarcimento del danno da licenziamento illegittimo, di retribuzione relativa al periodo di riammissione in servizio e di spese legali a seguito dell’ordinanza dichiarativa dell’illegittimità dell’intimato licenziamento disciplinare recante l’ordine di reintegra di Tizio, ordinanza successivamente riformata dal Tribunale, che stabiliva la restituzione delle somme liquidate a Tizio a titolo risarcitorio, al netto delle ritenute fiscali, previdenziali ed assistenziali, nonché a titolo di spese legali. I giudici di merito avevano ritenuto ripetibili, a seguito della riforma dell’ordinanza dichiarativa dell’illegittimità del recesso, le somme versate al lavoratore a titolo di risarcimento del danno, mentre irripetibili le retribuzioni maturate e riscosse fino all’atto della riforma; infine, avevano ritenuto ammissibile la domanda riconvenzionale di Tizio riguardante il pagamento del TFS, ma insuscettibile di compensazione ex art. 1243 c.c. per non essere liquido il relativo credito.

2. La censura

L’INPS si rivolgeva alla Suprema Corte, deducendo la violazione e la falsa applicazione degli artt. 2099 e 2033 c.c., 38 d.P.R. n. 602/1973, come modificato dal d.lgs. n. 143/2005, 23 d.P.R. n. 600/1973 e 10 d.P.R. n. 917/1986, come modificato dal d.lgs. n. 314/1997. Parte ricorrente lamentava la non conformità a diritto della pronunzia resa dalla Corte d’Appello in relazione alla ripetibilità delle somme indebitamente erogate a Tizio al netto delle ritenute su queste operate dal datore di lavoro, dovendosi ritenere il diritto di questi alla restituzione delle somme al lordo coerente con il sistema normativo che ammette in capo al lavoratore/contribuente la deducibilità delle somme restituite al soggetto erogatore o il rimborso dell’imposta corrispondente all’importo non dedotto.


Volume consigliato:

DECRETO RILANCIO: LE MISURE IN TEMA DI LAVORO E FISCALITA’ – eBook

Aggiornato al testo definitivo, l’ebook analizza l’intero corpo normativo del Decreto Rilancio, occupandosi delle singole previsioni sia in materia fiscale che in materia di lavoro.La trattazione, chiara e puntuale, permette di comprendere la portata e le ricadute pratiche delle novità normative.Flavia SillaEsercita l’attività di avvocato e di dottore commercialista in Milano e Roma. È anche revisore legale, mediatore professionista e pubblicista. Si occupa prevalentemente di materie che ruotano intorno al mondo delle aziende, come l’ambito societario, fallimentare e tributario. Ha pubblicato diversi testi su tali argomenti ed è da tempo docente in corsi di formazione.Rocchina StaianoDocente in Diritto della Previdenza e delle Assicurazioni Sociali, presso l’Università di Teramo; Avvocato giuslavorista; è membro del collegio dei probiviri della Cisl Regione Campania; Docente in vari Corsi di formazione; Docente-formatore sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.M. 3 marzo 2013; Formatore mediatore autorizzato dal Ministero della Giustizia. Valutatore del Fondoprofessioni. Autrice di numerose pubblicazioni ed articoli in riviste anche telematiche, per le principali case editrici in materia di lavoro e di previdenza sociale.

Rocchina Staiano, Flavia Silla | 2020 Maggioli Editore

12.90 €  10.97 €


3. La questione

Il datore di lavoro può pretendere la restituzione delle somme al lordo delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali se non percepite dal dipendente?

4. La pronuncia della Suprema Corte

La Cassazione, ritenendo la censura infondata, stabiliva che “La ripetizione delle somme indebitamente erogate al dipendente, quale “ripetizione dell’indebito” ai sensi dell’art. 2033 c.c., riguarda esclusivamente le somme da quest’ultimo effettivamente percepite, sicché il datore di lavoro non può pretendere di ottenere la restituzione delle somme al lordo delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali, posto che le stesse non sono mai entrate nella disponibilità patrimoniale del lavoratore”.

Pertanto, il Tribunale Supremo rigettava il ricorso e condannava parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio.

Volume consigliato:

DECRETO RILANCIO: LE MISURE IN TEMA DI LAVORO E FISCALITA’ – eBook

Aggiornato al testo definitivo, l’ebook analizza l’intero corpo normativo del Decreto Rilancio, occupandosi delle singole previsioni sia in materia fiscale che in materia di lavoro.La trattazione, chiara e puntuale, permette di comprendere la portata e le ricadute pratiche delle novità normative.Flavia SillaEsercita l’attività di avvocato e di dottore commercialista in Milano e Roma. È anche revisore legale, mediatore professionista e pubblicista. Si occupa prevalentemente di materie che ruotano intorno al mondo delle aziende, come l’ambito societario, fallimentare e tributario. Ha pubblicato diversi testi su tali argomenti ed è da tempo docente in corsi di formazione.Rocchina StaianoDocente in Diritto della Previdenza e delle Assicurazioni Sociali, presso l’Università di Teramo; Avvocato giuslavorista; è membro del collegio dei probiviri della Cisl Regione Campania; Docente in vari Corsi di formazione; Docente-formatore sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.M. 3 marzo 2013; Formatore mediatore autorizzato dal Ministero della Giustizia. Valutatore del Fondoprofessioni. Autrice di numerose pubblicazioni ed articoli in riviste anche telematiche, per le principali case editrici in materia di lavoro e di previdenza sociale.

Rocchina Staiano, Flavia Silla | 2020 Maggioli Editore

12.90 €  10.97 €

Sentenza collegata

121413-1.pdf 133kB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento