Smart working e congedi straordinari per i figli

di Redazione

Fino al prossimo 30 giugno il lavoratore dipendente, genitore di figlio convivente minore di anni 16, può ricorrere, se l’attività lavorativa lo consente, allo smart working per un periodo corrispondente alla DAD, alla durata dell’infezione da Covid -19 o alla quarantena del figlio.

In alternativa, è possibile chiedere un congedo indennizzato al 50% per i figli che non hanno compiuto 14 anni o non indennizzato per i figli da 14 a 16 anni. Sono le nuove misure predisposte dal Governo nel D.L. n. 30 del 2021 per fronteggiare le conseguenze delle nuove limitazioni di contrasto alla pandemia. Le aziende dovranno prestare la massima attenzione alla sua applicazione.

Il Governo, con il decreto legge n. 30 del 13 marzo 2021 riafferma, ampliandone la portata, alcuni diritti e indennità già introdotte nell’ordinamento nel corso della prima fase della pandemia (si veda l’art. 21bis del decreto Agosto, D.L. 104/2020 come modificato dall’art. 22 del decreto Ristori, D.L. n. 137/2020) allo scopo di sostenere i lavoratori con figli minori in didattica a distanza o in quarantena.

Smart working

L’art. 2 del decreto legge n. 30/2021, al comma 1, afferma il diritto per il lavoratore dipendente genitore di figlio convivente minore di anni 16, di poter svolgere attività lavorativa in modalità di lavoro agile per un periodo corrispondente alla sospensione della didattica in presenza del figlio, oppure per la durata dell’infezione da Covid – 19 del minore o per la durata del periodo di quarantena dello stesso figlio disposta dal dipartimento di prevenzione della USL competente per territorio.

Congedo straordinario indennizzato

Al comma 2 è poi previsto che, qualora la prestazione lavorativa (per sue proprie caratteristiche) non possa essere svolta in modalità di lavoro agile, il genitore, lavoratore dipendente, di figlio convivente minore di 14 anni possa astenersi dal lavoro, in alternativa all’altro genitore, per un periodo corrispondente alla sospensione della didattica in presenza del figlio, oppure per la durata dell’infezione da Covid – 19 del minore o per la durata del periodo di quarantena dello stesso figlio disposta dal dipartimento di prevenzione della USL competente per territorio.
Lo stesso diritto di astensione è riconosciuto ai genitori con figli per i quali sia stato accertato e riconosciuto uno stato di grave disabilità (indipendentemente dall’età di questi ultimi), iscritti a scuole di ogni ordine e grado per le quali sia stata disposta la sospensione della didattica in presenza o ospitasti in strutture o centri diurni a carattere assistenziali per i quali sia stata disposta la chiusura.
Il comma 3 dispone che nei casi di astensione dal lavoro di cui al comma 2 i genitori lavoratori dipendenti avranno diritto di percepire una indennità a carico INPS pari al 50% della retribuzione calcolata con le medesime modalità previste dal testo unito sulla maternità – paternità (art. 23 D.lgs. 151/2001). Per i periodi di astensione in trattazione è inoltre prevista la contribuzione figurativa ai fini pensionistici.

Congedi parentali da convertire

Il comma 4 prevede inoltre la possibilità, per le lavoratrici e i lavoratori che hanno fruito a far data dal 1° gennaio 2021 e fino al 13 marzo 2021, dei congedi parentali di cui agli art. 32 e 33 del D.Lgs. 151/2001, di poter richiedere la conversione di tali congedi parentali nel congedo straordinario di cui al comma 2 con diritto all’indennità di cui al comma 3, se i congedi parentali goduti, siano stati utilizzati nel corso di sospensione della didattica in presenza del figlio, di quarantena del figlio, o nel corso dell’infezione da Covid – 19 del figlio.

Congedo non indennizzato, ma tutelato

Il comma 5 dispone come, nei casi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità di lavoro agile, il lavoratore dipendente genitore di figlio di età compresa tra i 14 e i 16 anni, alternativamente all’altro genitore, possa astenersi dal lavoro, senza diritto alla retribuzione ne contribuzione figurativa, ma con diritto alla conservazione del posto di lavoro e divieto di licenziamento, per un periodo corrispondente alla sospensione della didattica in presenza del figlio, oppure per la durata dell’infezione da Covid – 19 del minore o per la durata del periodo di quarantena dello stesso figlio disposta dal dipartimento di prevenzione della USL competente per territorio.

Bonus baby sitter

In ultimo il comma 6 prevede come
· i lavoratori autonomi o co.co.co. iscritti alla gestione separata INPS;
· il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19;
· i lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alla categoria dei medici, degli infermieri, dei tecnici di laboratorio biomedico, dei tecnici di radiologia medica e degli operatori socio-sanitari,
per i figli conviventi minori di anni 14, possono scegliere la corresponsione di uno o più bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali. Il bonus viene erogato mediante il libretto famiglia di cui all’articolo 54-bis del decreto-legge 24 aprile 2017.
Il bonus è erogato, in alternativa, direttamente al richiedente, per la comprovata iscrizione ai centri estivi, ai servizi integrativi per l’infanzia di cui all’articolo 2, del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia.
Volume consigliato
SMART WORKING E TELELAVORO

SMART WORKING E TELELAVORO

Angelo Capalbo, 2020, Maggioli Editore

Il presente Ebook nasce dall’esigenza di far chiarezza sulle modalità di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni. Si parla di telelavoro e del lavoro agile o c.d. smart working, che oggi più che mai assume una grande importanza per fronteggiare l’emergenza di...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!