Rassegna stampa di luglio

Rassegna stampa di luglio

notizie beni culturali

Versione PDF del documento

  • STANZIATI 18 MILIONI DI EURO PER I COMUNI
Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato il programma pluriennale degli interventi strategici per i beni culturali 2006-2008, che prevede lo stanziamento di 18 milioni di euro per i progetti di valorizzazione artistica e culturale degli enti locali. Il provvedimento punta a garantire il diritto alla cultura, potenziare la conservazione e la fruizione dei beni culturali, aumentare gli spazi in cui si “fa” cultura. Particolare attenzione è data al sistema dei musei, che in molte realtà locali manifestano mancanze di vario genere.
 
  • XII BIENNALE INTERNAZIONALE DI SCULTURA DI CARRARA
Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, promossa dal Comune di Carrara, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara e dalla Cassa di Risparmio di Carrara Spa, si è inaugurata a Carrara la XII Biennale Internazionale di Scultura fino al 24 settembre 2006.
 
  • IL MUSEO DI BOSTON RESTITUIRA’ OPERE ENTRO OTTOBRE
Accordo tra il governo italiano e il Museum of Fine Arts di Boston per la restituzione di alcune delle 16 opere trafugate dall’Italia. L’intesa verra’ finalizzata entro il 30 settembre e le prime opere verranno restituite pochi giorni dopo, il 4 ottobre. Lo ha detto il negoziatore italiano, Fiorilli, secondo cui la data del 4 ottobre ha forte valenza simbolica perche’ si aprira’ il processo di appello contro l’antiquario Giacomo Medici, condannato a 10 anni per traffico di opere d’arte.
 
  • UN DOCUMENTO PER SALVARE IL PATRIMONIO LIBANESE
Il Libano rischia di perdere la sua unica ricchezza, fatta di cultura ed arte. L’allarme è stato lanciato da Fabio Maniscalco, tra i massimi esperti di tutela del patrimonio culturale nelle aree di guerra e autore dell’Appello per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale del Libano e del Medio Oriente, partito da Napoli e indirizzato ai Capi dei Governi di Israele e Libano, raccogliendo le firme di oltre 1.000 studiosi internazionali. Anjar, Baalbek, Byblos, Tiro e la Valle Qadisha: sono i cinque siti libanesi riconosciuti dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità e ora il rischio è che, proprio in quanto uniche risorse del paese, siano proprio i beni culturali, paesaggistici e architettonici a diventare i primi obiettivi delle bombe israeliane nel conflitto che si sta svolgendo in questi giorni.
 
  • A ROMA VIA LIBERA ALLA MUSEALIZZAZIONE DELLE CHIESE
Le chiese romane con i loro tesori artistici sveleranno ai visitatori storie e segreti grazie al progetto della soprintendenza per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico del Lazio, diretta da Rossella Vodret, che installerà nei luoghi di culto della Capitale didascalie e pannelli illustrativi per descrivere e raccontare le opere che si trovano negli edifici sacri. Realizzato anche grazie al sostegno di Coldiretti, il progetto riguarderà per prime le chiese di Santa Prassede e San Pietro in Vincoli nel rione Monti, quelle di San Giovanni dei Fiorentini, Santa Maria dell’Anima e San Salvatore in Lauro nel rione Ponte e coinvolgerà anche l’Accademia di Belle Arti di Roma.
 
  • A SALERNO UN SITO PER LA RICERCA DEI BENI
E’ una novità per la regione campania l’applicazione dello strumento internet nella ricerca di opere acquistate e appartenute a un ente e da tempo scomparse. A lanciare questa sfida è la Provincia di Salerno che mette in rete il primo sito di ricerca dei beni culturali che risponde all’indirizzo www.muvit.it. Sottotitolo: “Chi l’ha visto?”.
 
  • BASILICATA, FIRMATO ACCORDO PROGRAMMA QUADRO
La Regione Basilicata, rappresentata dalla dirigente generale del Dipartimento Presidenza della Giunta, Maria Teresa Lavieri, ha firmato questa mattina a Roma un Accordo di Programma Quadro (Apq) in materia di Beni e attivita’ culturali. Presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze (Dipartimento per le Politiche di sviluppo e di coesione) il documento e’ stato sottoscritto anche dai Ministeri dell’Economia e dei Beni e delle attivita’ culturali.
L’Accordo, stipulato a seguito della delibera Cipe n. 35/2005, prevede il finanziamento a totale carico dello Stato ed a valere sui Fondi Aree Sottoutilizzate (Fas) di 27 interventi per un importo complessivo di 23 milioni di euro. Il programma e’ articolato sia per ambiti territoriali sia per tipologie di opere o filiere tematiche. Tra queste si distingue il progetto di rafforzamento delle infrastrutture culturali dell’Alto Potentino, con allestimenti multimediali e scenici nel Castello di Lagopesole, la riqualificazione e l’ampliamento del Parco storico della Grancia ed il Museo del Risorgimento e del Brigantaggio a Palazzo d’Errico a Potenza, per un importo complessivo di 4,9 milioni di euro.
 
  • 3 BORSE DI STUDIO PER ANALIZZARE GLI INVESTIMENTI DEL MINISTERO   
Tre borse di studio del valore complessivo di 50 mila euro e della durata di un anno, interamente finanziate da privati, finalizzate ad analizzare l’efficacia e le criticità degli investimenti da parte del ministero per i Beni Culturali. A darne annuncio, oggi a Bologna, il sottosegretario per i Beni e le Attivita’ Culturali, Elena Montecchi, in occasione dell’incontro con il presidente di Fmr-Art’è Marilena Ferrari. L’azienda bolognese leader nel mercato dell’arte contemporanea e dell’editoria di settore contribuira’ a finanziare le borse di studio, insieme ad altri 2 investitori: Giovan Battista Colombo, di Roma, e la Tecton di Reggio Emilia (azienda che si occupa di restauri e recuperi pittorici).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it