Quando il Tribunale reitera il provvedimento di affidamento?

Scarica PDF Stampa
In questa sede scriveremo delle situazioni nelle quali l’affido è a tempo indeterminato e quali conseguenze comporta.

Si deve sapere che nel momento nel quale mancano le condizioni che stabiliscano che un figlio possa fare rientro nella sua famiglia di origine, si parla di affido sine die, vale a dire, senza scadenza.

Per dirla in altri termini, il Tribunale reitera il provvedimento ogni due anni sino a quando il ragazzo diventa maggiorenne e acquisisce la capacità giuridica di potere decidere in modo libero come e con chi abitare.

In che cosa consiste l’affido?

L’affido è un istituto che la legge prevede nelle ipotesi nelle quali una famiglia non versi nelle condizioni più adatte  per potersi occupare del figlio minore.

Questo accade, ad esempio, per avere perso il lavoro, per il decesso di uno dei genitori, a causa di una separazione della coppia, e altri motivi.

In ognuno di questi casi, il bambino (italiano o straniero che sia) viene affidato ad un’altra famiglia che gli garantisca un ambiente idoneo alla sua crescita.

L’affido può essere a tempo pieno o residenziale oppure a tempo parziale.

Nel primo caso il minore abita con i soggetti affidatari, però, nello stesso tempo, mantiene rapporti costanti con la sua famiglia di origine secondo quello che è stato previsto da parte del Tribunale o dai servizi sociali;

Nel secondo caso il bambino trascorre con la famiglia affidataria esclusivamente una parte della giornata oppure alcuni giorni o brevi vacanze, sempre nel rispetto delle modalità fissate con il  provvedimento.

In quest’altra ipotesi, si parla anche di “appoggio familiare”.

Se c’è il consenso dei genitori del minore, il provvedimento di affido viene adottato dai servizi sociali ed è reso esecutivo con decreto del giudice tutelare. In caso contrario, l’affido è disposto direttamente dal tribunale per i minorenni e i servizi sociali territoriali provvedono all’attuazione e alla verifica del progetto.

In quali situazioni l’affido è a tempo indeterminato?

Se l’affido dura più di due anni, che rappresenta il tempo massimo previsto da parte della legge, si parla di affido sine die, vale a dire, senza scadenza, oppure a tempo indeterminato.

Questo accade quando, una volta scaduto il termine previsto nel provvedimento, la famiglia di origine non si trova ancora nelle condizioni per potere accogliere il proprio figlio.

Ad esempio, i genitori non hanno trovato un lavoro oppure non hanno risolto le loro vertenze  ed economiche di salute, ecc.

Il progetto di affido viene reiterato sino al compimento del diciottesimo anno del minore.

Quali soggetti possono diventare affidatari?

In rispetto alla relativa legge, possono diventare affidatari le persone single, le coppie sposate o i conviventi, con o senza figli, gli istituti di assistenza pubblica o privata, a condizione che il bambino non abbia un’età inferiore ai 6 anni, le comunità familiari.

A questo proposito, si deve precisare che gli affidatari verranno prima individuati tra i familiari del minore entro il quarto grado (affido intrafamiliare) ed esclusivamente se non ci sia nessuno, il bambino verrà accolto da altre persone (affido extrafamiliare).

La famiglia affidataria deve possedere la disponibilità di una casa, possibilmente in un luogo vicino a quello nel quale risiede stabilmente la famiglia d’origine del bambino, l’effettiva volontà di crescere, mantenere ed educare il minore per il tempo necessario.

I requisiti per potere diventare genitori affidatari consistono nell’avere compiuto diciotto anni, essere idonei dal punto di vista psicofisico e, soprattutto, capaci di occuparsi di un minore.

Gli aspiranti affidatari devono dichiarare la loro disponibilità ai servizi sociali del Comune di residenza.

È previsto un percorso conoscitivo, attraverso colloqui individuali, incontri di gruppo, visite domiciliari, finalizzato all’acquisizione di una determinata consapevolezza delle conseguenze che comporta un simile passo e all’accettazione dell’idoneità dell’istante a rivolgere le proprie attenzioni a un bambino da ogni punto di vista, economico, affettivo, educativo.

Nel provvedimento devono essere indicati i motivi e la durata dell’affido familiare, i poteri riconosciuti all’affidatario, le modalità attraverso le quali i genitori biologici possono mantenere i rapporti con il minore e il servizio sociale locale al quale viene attribuita la responsabilità del programma di assistenza, alla vigilanza durante l’affidamento.

In che cosa consistono i compiti degli affidatari

Nel progetto di affido familiare, gli affidatari devono collaborare con i servizi sociali e l’autorità giudiziaria (se coinvolta), accogliere il minore e provvedere allo stesso, al suo mantenimento, alla sua educazione ed alla sua istruzione usufruendo dei contributi economici erogati dal Comune, rispettare l’identità culturale, sociale e religiosa del bambino, mantenere i rapporti con la famiglia di origine e agevolare il rientro del bambino secondo le indicazioni contenute nel progetto di affido.

Si deve anche dire che la legge considera il rapporto significativo che si instaura tra il minore e gli affidatari riconoscendo agli stessi, in presenza di determinate condizioni, una priorità nell’eventuale domanda di adozione.

Questo deve rispondere all’interesse del bambino e il Tribunale deve decidere prendendo in considerazione la valutazione dei servizi sociali e dell’opinione del minore se ha compiuto 12 anni.

Volume consigliato

La tutela giuridica del minore

Il volume si propone di offrire una panoramica della normativa nel particolare settore che riguarda il diritto minorile, con approfondimenti in ordine alle problematiche delle scelte dei genitori che si ripercuotono sulla vita dei figli. Nel manuale vengono affrontate le tematiche afferenti a quei diritti che affondano le radici nei principi della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Tali diritti vengono messi in serio pericolo quando padri e madri affrontano la fine del loro rapporto e dovrebbero mantenere un costruttivo rapporto genitoriale; purtroppo, invece, la realtà ci mostra quanto sia difficile preservare le relazioni familiari. Tale difficoltà è stata recepita anche dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza che nella neonata “Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori” prevede in apertura il diritto dei figli di continuare ad amare ed essere amati da entrambi i genitori e di mantenere i loro affetti. Secondo tale documento, bambini e adolescenti hanno il diritto di essere informati e aiutati a comprendere la separazione (o fine del rapporto) dei genitori, il diritto di essere ascoltati e quello di ricevere spiegazioni sulle decisioni che li riguardano, per giungere poi all’individuazione dei diritti come quello all’ascolto e alla partecipazione, del diritto a preservare le relazioni familiari, a non essere separati dai genitori contro la propria volontà, a meno che la separazione non sia necessaria nell’interesse preminente del minorenne. Ciò premesso, è doveroso evidenziare che i principi che regolano il diritto minorile sono materia d’interpretazione da parte dei magistrati, ma la loro conoscenza è necessaria anche nella formazione degli avvocati e in coloro che operano in questo settore.Cristina Cerrai, Avvocato in Livorno, patrocinante in Cassazione, ha una formazione specifica nell’ambito del diritto di famiglia e dei mi- nori. Ha ricoperto il ruolo di Coordinatore Nazionale dell’Osservatorio di Diritto di Famiglia e dei Minori della Giunta A.I.G.A. Attualmente, in qualità di Consigliera di Parità della Provincia di Livorno, è responsabile del centro di ascolto antiviolenza “Sportello VIS”.Stefania Ciocchetti, Avvocata formata nel diritto di famiglia, si occupa di mediazione familiare dal 1995; componente Comitato degli Esperti della Scuola di Aggiornamento c/o Fondazione Scuola Forense Barese; componente Commissione Famiglia c/o COA Bari, nomina a componente Consiglio Distrettuale di Disciplina (distretto di Corte Appello Bari) per il prossimo quadriennio.Patrizia La Vecchia, è avvocato in Siracusa con una formazione specifica nell’ambito del diritto civile ed in particolare del diritto di famiglia e dei minori; già relatrice in numerosi convegni e corsi di formazione in materia di tutela dei minori e violenza alle donne; già componente dell’osservatorio del Diritto di famiglia dell’AIGA, autrice e curatrice di diverse pubblicazioni in materia di diritto di famiglia e minorile. Oggi Vicepresidente della Sezione di Siracusa.Ivana Enrica Pipponzi, Avvocata cassazionista, ha una formazione specifica nell’ambito del diritto di famiglia e dei minori. A seguito della sua provata esperienza specifica, ha ricoperto le cariche di componente dell’Osservatorio Nazionale di Diritto di Famiglia e dei Minori di AIGA, di responsabile nazionale del Dipartimento “Diritto di Famiglia e Persone” e di coordinatrice del Dipartimento “Persona e Tutela dei Diritti Umani” della Fondazione AIGA “Tommaso Bucciarelli. Già Commissaria Regionale per le Pari Opportunità della Regione Basilicata, è l’attuale Consigliera Regionale di Parità per la Basilicata. Coautrice di numerosi volumi editi dalla Maggioli Editore in materia di Diritto di famiglia, dei minori e Successioni.Emanuela Vargiu, Avvocato cassazionista, formata nel diritto civile ed amministrativo; da dieci anni patrocinatore di cause innanzi alle Magistrature Superiori, esercita la professione a Cagliari. È autrice di diverse pubblicazioni giuridiche in materia di Diritto di famiglia e successioni.Contenuti on line L’acquisto del volume include la possibilità di accedere al sito https://www.maggiolieditore.it/approfondimenti, dove sono presenti significative risorse integrative, ovvero il formulario, in formato editabile e stampabile, la giurisprudenza e la normativa di riferimento. Le indicazioni per effettuare l’accesso sono all’interno del volume.

Cristina Cerrai, Stefania Ciocchetti, Patrizia La Vecchia, Ivana Enrica Pipponzi, Emanuela Vargiu | 2019 Maggioli Editore

34.00 €  32.30 €