Il Metaverso: la nuova frontiera del diritto del lavoro

Scarica PDF Stampa

Un approfondimento sulle questioni aperte e sul ruolo dell’avvocato in relazione al Metaverso e al diritto del lavoro.
(A cura di Avv. Giuseppe Sant’Elia e Avv. Sergio Cupellini)

Volume consigliato: Metaverso

Indice

1. Introduzione

Il Metaverso rappresenta certamente una rivoluzione nell’ambito digitale, un universo parallelo costruito su piattaforme di realtà virtuale e aumentata, dove gli utenti interagiscono attraverso avatar. Questo spazio, che fonde realtà fisica e virtuale, offre un’esperienza immersiva che va oltre la semplice navigazione su internet. Nel Metaverso, le persone possono lavorare, socializzare, fare acquisti, studiare e partecipare a varie attività in ambienti digitali, quali:
– uffici, che creano ambienti di lavoro interattivi;
– sale riunioni, che facilitano incontri in tempo reale con clienti e collaboratori;
– aule, che offrono esperienze didattiche immersive;
– store, spazi espositivi e gallerie virtuali, che consentono la presentazione, la vendita e l’esplorazione di prodotti e servizi in un formato interattivo;
– centri di simulazione e formazione, dove vengono replicate situazioni lavorative specifiche per l’addestramento e lo sviluppo delle competenze professionali; 
– aree di networking e socializzazione, progettate per favorire la costruzione di relazioni professionali e la collaborazione a distanza.
Il mondo virtuale del Metaverso, quindi, viene giustamente percepito come una nuova frontiera, un territorio inesplorato, ricco di opportunità ma non scevro di rischi, sia per le imprese che decidono di utilizzarlo sia per i lavoratori adibiti a svolgere la prestazione, tramite un loro avatar, nell’universo digitale. A fronte di innumerevoli opportunità di business per le aziende, il Metaverso presenta, dunque, un rovescio della medaglia costituito dalle tante – e ancora poco chiare – implicazioni giuslavoristiche.
Con questo articolo ci proponiamo di individuare le principali sfide legali che le aziende, i lavoratori e le organizzazioni sindacali potrebbero dover affrontare nel nuovo mondo virtuale, cercando di fornire una bussola per la navigazione.

Potrebbero interessarti:

2. Il Metaverso e il diritto del lavoro

Nel Metaverso, la rappresentazione dell’identità del lavoratore attraverso avatar solleva questioni inedite nel panorama giuslavoristico. Gli avatar si configurano come estensioni dei lavoratori, la cui prestazione si svolge in un contesto che supera i tradizionali confini fisici.
Questa nuova modalità lavorativa può interessare sia una sola parte della prestazione – ad esempio per seguire corsi di formazione o partecipare a riunioni di lavoro – sia l’intera prestazione oggetto del contratto di lavoro.
È proprio in questo caso, quando il Metaverso diviene il luogo esclusivo dello svolgimento del rapporto e dell’espletamento delle mansioni, che il diritto del lavoro si trova ad affrontare per la prima volta questioni inedite e complesse.

3. Le questioni aperte

Elenchiamo di seguito alcune di queste problematiche, senza pretesa di esaustività e rinviando a successivi scritti per il loro approfondimento.
Giurisdizione e normativa applicabile – Trattandosi di un luogo di lavoro che trascende le frontiere nazionali, uno dei primi nodi da sciogliere è quello di determinare quali siano la giurisdizione e la normativa applicabili. In assenza di una disciplina specifica, potrebbe essere ragionevole applicare il diritto nazionale del luogo in cui il lavoratore si trova fisicamente mentre opera nel Metaverso con il suo avatar, ma la giurisdizione potrebbe anche essere determinata diversamente nei contratti di lavoro.
– Orario di lavoro e diritto alla disconnessione – La solida nozione di orario di lavoro, tipicamente associata a un ambiente fisico, diviene fluida nel Metaverso. In un contesto nel quale si potrebbe rimanere connessi 24 ore su 24, diventa fondamentale il diritto alla disconnessione per prevenire il rischio di stress e burnout. Sotto diverso aspetto, si pone poi il problema di determinare l’orario di lavoro effettivo e dei metodi utilizzabili dal datore di lavoro per valutare la produttività dei dipendenti. Si tratta di temi richiedono un’attenzione immediata da parte dei datori di lavoro, delle organizzazioni sindacali e del legislatore.
Privacy e sorveglianza – La tecnologia del Metaverso consente un livello di sorveglianza senza precedenti. Ogni attività dell’avatar può essere monitorata, sollevando questioni sul controllo e sulla privacy dei lavoratori e necessitando, pertanto, di un adeguamento della legislazione attuale, specialmente rispetto allo Statuto dei Lavoratori.
Salute e sicurezza – L’uso prolungato dei dispositivi di realtà virtuale può comportare rischi fisici e psichici, dall’affaticamento visivo all’isolamento sociale. Per assolvere all’obbligo di garantire un ambiente lavorativo sicuro e di tutelare la salute del lavoratore, le imprese sono chiamate ad adottare misure come la valutazione dei rischi, la formazione dei lavoratori e la loro corretta informazione sui potenziali pericoli per la salute.
Accessibilità e discriminazione – Anche nel Metaverso si pongono le delicate questioni dell’accessibilità per i lavoratori con disabilità e della discriminazione. Barriere tecniche e sensoriali – anche legate alla disponibilità e alla qualità degli strumenti tecnologici impiegati – possono limitare l’accesso all’universo digitale, integrando una nuova forma di discriminazione che va ad aggiungersi a quelle tradizionali.
Tutela della proprietà intellettuale nel Metaverso – La generazione di contenuti intellettuali all’interno del Metaverso presenta complesse questioni sulla loro titolarità. Il particolare contesto lavorativo rende necessaria la regolamentazione contrattuale tra i lavoratori, le piattaforme e le aziende per attribuire chiaramente la proprietà dei contenuti e dei prodotti digitali realizzati in un ambiente dove la linea di demarcazione tra personale e professionale può essere ambigua e, soprattutto, dove l’opera dell’ingegno realizzata dal lavoratore resta nella disponibilità del gestore dello spazio virtuale.
– Responsabilità del lavoratore e del datore di lavoro nell’ambiente virtuale – Le azioni degli avatar nel Metaverso sollevano interrogativi sulla responsabilità diretta dei lavoratori e sulla responsabilità dei datori di lavoro. In assenza di una normativa specifica, l’interprete è chiamato ad adattare le norme esistenti a questo nuovo contesto, individuando con chiarezza chi è chiamato a rispondere per le azioni compiute dagli avatar dei lavoratori nello svolgimento delle loro mansioni.
– Rivoluzione di professionalità e retribuzione nel Metaverso – La facilità di esternalizzare il lavoro al livello internazionale – i lavoratori possono collegarsi da qualsiasi parte del mondo e ritrovarsi, ciascuno con il proprio avatar, nel medesimo spazio virtuale – apre questioni di classificazione del lavoro, di livelli minimi retributivi, di protezione dei lavoratori e di determinazione della giurisdizione applicabile. Si evidenzia la necessità di un’attenta revisione e di un aggiornamento delle normative lavoristiche, per garantire che i diritti dei lavoratori siano adeguatamente tutelati.

4. Il ruolo dell’avvocato giuslavorista

Nel Metaverso, dunque, emergono sfide inedite per il diritto del lavoro. Gli avvocati giuslavoristi diventano figure chiave in questo contesto, dove sono chiamati ad armonizzare le normative esistenti con le necessità del lavoro digitale, e a fornire alle aziende, ai lavoratori e alle organizzazioni sindacali le indicazioni operative per muoversi correttamente in questa nuova realtà, posizionandosi in un punto cruciale dove si intersecano la tutela dei diritti dei lavoratori e le esigenze di organizzazione ed efficienza aziendale. La loro competenza, quindi, deve  necessariamente integrare il diritto del lavoro tradizionale con la conoscenza delle nuove tecnologie e delle loro implicazioni, per rispondere  efficacemente alle esigenze e alle domande portate da questa nuova era digitale.

Volume consigliato

Una panoramica agile, aggiornata agli ultimi sviluppi e al contempo approfondita sul nuovo fenomeno digitale e immersivo che sta cambiando e cambierà il modo in cui ci relazioniamo e interagiamo.
Gli autori ci guidano alla scoperta del Metaverso, ne descrivono le caratteristiche, le modalità di accesso e di fruizione.
Come si entra nelle piattaforme già esistenti? Quali valute occorrono per gli acquisti? Vi sono rischi per la nostra sicurezza e la privacy? Come tutelare i nostri dati?
In particolare il testo illustra in quale modo le aziende di molti e diversi settori potranno (e possono già) trarre opportunità e vantaggi dall’utilizzo del Metaverso: dal gaming, alla moda, all’arte, alla formazione, al turismo.
Completano il volume gli interventi di esperti di vari campi delle tecnologie digitali, che ci permettono di approfondire con casi reali i diversi temi.

FORMATO CARTACEO

Metaverso

Una panoramica agile, aggiornata agli ultimi sviluppi e al contempo approfondita sul nuovo fenomeno digitale e immersivo che sta cambiando e cambierà il modo in cui ci relazioniamo e interagiamo.Gli autori ci guidano alla scoperta del Metaverso, ne descrivono le caratteristiche, le modalità di accesso e di fruizione.Come si entra nelle piattaforme già esistenti? Quali valute occorrono per gli acquisti? Vi sono rischi per la nostra sicurezza e la privacy? Come tutelare i nostri dati?In particolare il testo illustra in quale modo le aziende di molti e diversi settori potranno (e possono già) trarre opportunità e vantaggi dall’utilizzo del Metaverso: dal gaming, alla moda, all’arte, alla formazione, al turismo.Completano il volume gli interventi di esperti di vari campi delle tecnologie digitali, che ci permettono di approfondire con casi reali i diversi temi.Domenico Di RosaDopo la qualifica professionale come Fashion Designer e in seguito a diverse esperienze lavorative nel settore approfondisce le sue competenze in Digital & Social Media Marketing. A fine 2020, nasce Fashioning, un’agenzia di fashion marketing e comunicazione per la moda, che offre servizi per raggiungere obiettivi di crescita, visibilità e vendita.Francesca RizziÈ consulente manageriale e digital marketing specialist. Libera professionista, segue startup nel processo di sviluppo, aiuta imprenditori e aziende nella crescita con un approccio strategico e personalizzato. È ricercatrice presso l’Università degli Studi dell’Insubria

Domenico Di Rosa – Francesca Rizzi | Maggioli Editore 2023

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento