Impeachment delle cariche politiche, origini dell'istituto ed illeciti
Home » News » Focus

L’Impeachment del Presidente della Repubblica

Alessandra Concas Referente Aree Diritto Civile, Commerciale e Fallimentare e Diritto di Famiglia

Versione PDF del documento

Cosa significa Impeachment e quali sono le origini?

Le cronache recenti hanno riportato alla ribalta questo termine, mutuato dall’Inglese. La messa in stato di accusa, meglio conosciuta come impeachment (dall’inglese “accusa”), è un istituto giuridico con il quale si prevede il rinvio a giudizio di titolari di cariche pubbliche se  si ritenga che abbiano commesso determinati illeciti nell’esercizio delle loro funzioni.

L’impeachment è un antico istituto del common law, che si sviluppò dapprima in Inghilterra in un arco di tempo che va dal 1376, anno nel quale il Parlamento inglese mise in stato d’accusa alcuni ministri di Edoardo III e la sua amante Alice Perrers per corruzione e incapacità, al XVIII secolo, quando è evoluto nella responsabilità ministeriale del gabinetto del Re.

Nella versione di memento “ai cittadini che il loro presidente è umano e può sbagliare come ogni altro cittadino” è stato previsto e disciplinato dai padri costituenti degli Stati Uniti d’America nella Costituzione di Filadelfia del 1784.

Al vertice delle questioni di giustizia politica, il diritto comparato degli Stati democratici sull’argomento “, può essere sintetizzato in tre congegni di garanzia della giusta tranquillità di chi è investito di potere. Autorizzazione a procedere, per i governanti spagnoli da parte degli organi parlamentari con possibilità di ricorso al Tribunale costituzionale, organismo istruttorio formato da alti magistrati per i governanti francesi prima del deferimento all’Alta Corte, Impeachment per il Presidente degli Stati Uniti e, con qualche adattamento, in Francia a seguito della revisione costituzionale del 2007”.

Nell’ordinamento giuridico statunitense, soggetti passivi dell’impeachment, sottoposti al procedimento, sono i componenti del potere esecutivo, dal presidente al vicepresidente sino ai funzionari delle amministrazioni statali, e i giudici, in qualità di membri delle giurisdizioni federali. Negli Stati Uniti d’America, soggetti attivi dell’impeachment, promotori del procedimento, sono la Camera dei Rappresentanti, investita della funzione di discutere i presupposti dell’accusa ed eventualmente elevarla (con voto a maggioranza semplice dei presenti), e il Senato investito del ruolo di giudice (con voto a maggioranza dei due terzi dei presenti). Se vi è sottoposto è il presidente degli Stati Uniti presiederà il senato il Presidente della Corte suprema. Le sanzioni contemplate sono la rimozione o destituzione dalla carica (removal from office) e l’interdizione dai pubblici uffici (disqualification).

È accettato nella giurisprudenza e nella letteratura giuridica statunitense che il soggetto passivo può essere sottoposto parallelamente a procedimento della giustizia ordinaria, anche in contemporanea a quello dell’impeachment.

Gli illeciti

La questione principale dell’impeachment è la definizione degli illeciti.

La costituzione statunitense tratta di tradimento (treason), corruzione (bribery) e di altri gravi crimini e misfatti (high crimes and misdemeanours). Su questi termini sono nate le controversie maggiori.

I primi sono facilmente definibili, mentre high crimes and misdemeanours è un’espressione molto vaga e generica, perciò il dibattito negli Stati Uniti, sia nella classe politica sia tra i giuristi, è sempre ruotato intorno a due visioni dell’impeachment, quella restrittiva e quella estensiva.

Secondo la prima, il soggetto passivo può essere condannato se il fatto o comportamento è inquadrabile in un illecito previsto da qualche norma, magari non scritta ma esistente, il diritto anglosassone non si basa unicamente sulle leggi scritte. In relazione alla seconda, i comportamenti sanzionabili corrispondono a un alto potere di giudizio del parlamento, che può colpire un membro dell’esecutivo anche per un abuso di potere, nonostante non sia esattamente definito da una norma giuridica.

L’impeachment così diventa una valvola di sicurezza per garantire la democrazia e la divisione dei poteri e da un ambito strettamente giuridico e penalistico, sconfina nelle complesse questioni della responsabilità politica dell’esecutivo.

Quando negli Stati Uniti si è fatto ricorso all’impeachment, di solito l’accusa ha fatto leva sulla concezione estensiva, mentre la difesa degli accusati si è appoggiata alla concezione restrittiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it