Legge di stabilità 2014, chiarimenti nella circolare della Fondazione Studi

Legge di stabilità 2014, chiarimenti nella circolare della Fondazione Studi

di Redazione

Versione PDF del documento

Lilla Laperuta

Nella circolare n. 1 del 13 gennaio 2014 la Fondazione Studi dei consulenti del lavoro ha esaminato  e commentato le diverse disposizioni della legge di stabilità 2014, analizzando, fra l’altro, le misure per il cuneo fiscale, la deduzione IRAP, la riduzione dei premi INAIL, l’ASpI per i contratti a tempo determinato e il contributo di solidarietà. In particolare si è soffermato sull’intervento relativo all’IRAP, contenuto al comma 80 dell’articolo 1 del provvedimento. La disposizione prevede che, a decorrere dal periodo di imposta 2014, venga concessa una deduzione della base imponibile ai fini IRAP a favore dei datori di lavoro che aumentano la base occupazionale attraverso l’assunzione di lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato.

L’agevolazione spetta a condizione che l’assunzione avvenga dal 1° gennaio 2014 e matura nel periodo di imposta di assunzione e per due successivi, nella misura di 15 mila euro per ciascun soggetto neoassunto. La norma prevede infatti che l’incentivo spetta ” a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2014, per i soggetti di cui all’articolo 3, comma 1, lettere da a) ad e), che incrementano il numero di lavoratori dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato rispetto al numero dei lavoratori assunti con il medesimo contratto mediamente occupati nel periodo d’imposta precedente”.

Sono dunque necessari i seguenti requisiti:

a) l’assunzione deve essere a tempo indeterminato;

b) il nuovo rapporto di lavoro deve risultare ad incremento della forza lavoro e quindi deve rappresentare un incremento della base occupazionale media del periodo precedente.

La deduzione, si ribadisce nel documento,  compete esclusivamente  per i contratti a tempo indeterminato evidentemente solo di lavoro subordinato. Teoricamente, ad avviso della Fondazione,  rientrano anche i contratti di apprendistato, ma nei fatti il costo del lavoro relativo a tali lavoratori risulta già deducibile a prescindere da altri requisiti alla luce della disciplina generale in materia di imposta regionale sulle attività produttive.

Rientrano anche i lavoratori assunti a tempo parziale, mentre per quanto concerne le eventuali trasformazioni di contratti che siano originariamente stati stipulati ad esempio a termine, nella circolare si  ricorda l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate fornita con la nota n.26 del 12 luglio 2006 ove si è chiarito che la trasformazione di un contratto a tempo determinato in un contratto a tempo indeterminato realizza una nuova assunzione a tempo indeterminato potenzialmente idonea ad attribuire la deduzione per la nuova assunzione.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!