Le varianti in corso d'opera alla luce delle novità normative

Le varianti in corso d’opera dopo il decreto correttivo del 2017

Redazione

Versione PDF del documento

di Arrigo Varlaro Sinisi

Il d.lgs. n. 56/2017 ha introdotto, al comma 2 dell’art. 106 del Codice dei contatti pubblici, una significativa novità in tema di varianti: la possibilità, per l’ente appaltante, di adottare una “variante” in corso d’opera e ciò a prescindere dalla circostanza che quest’ultima sia stata o meno determinata da una circostanza “sopravvenuta”, “imprevista ed imprevedibile” al momento dell’affidamento del contratto.

Come noto, nel nostro ordinamento la possibilità di introdurre una variante in corso d’opera è stata sempre ritenuta ammissibile solo in presenza di circostanze “sopravvenute”, impreviste ed imprevedibili al momento dell’affidamento. In tal senso, il comma 1 lett. c) del medesimo art. 106 – in linea con quanto previsto dal previgente art. 132 del d.lgs. n. 163/2006 e, prima ancora, dall’art. 25 della Legge n. 109/1994, recante la legge quadro sui lavori pubblici – prevede che la variante in corso d’opera può essere determinata solo da circostanze “impreviste ed imprevedibili” al momento dell’affidamento (tra di esse, ad esempio, la sopravvenienza di disposizioni legislative o regolamentari o di provvedimenti delle autorità preposte alla tutela di interessi rilevanti).

Ebbene, in virtù di quanto previsto dal decreto correttivo del 2017, ora è possibile adottare una variante in corso d’opera, anche in assenza degli anzidetti presupposti. Ciò tuttavia a condizione che il valore della variante sia al di sotto di entrambi i seguenti valori:

  1. le soglie fissate all’articolo 35 (ossia, quelle di rilevanza comunitaria);
  2. il 10 per cento del valore iniziale del contratto per i contratti di servizi e forniture, ovvero il 15 per cento del valore iniziale per i contratti di lavori.

La stessa norma poi, in relazione alla medesima tipologia di varianti, pone ulteriori limiti “quantitativi” alle successive varianti. In tali casi, il valore è accertato sulla base del valore “complessivo netto delle successive modifiche”.

Continua a leggere

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it