L’attività consistente nell’uso non autorizzato di prodotti televisivi di terzi

Redazione 16/11/17
Scarica PDF Stampa
L’attività consistente nell’uso non autorizzato di prodotti televisivi di terzi, finalizzata ad alimentare il proprio business pubblicitario e del tutto scollegata da attività strettamente giornalistica, integra gli estremi della concorrenza sleale parassitaria che erode la fetta di inserzionisti potenzialmente interessati alla vendita di spazi pubblicitari.

Consulta qui la sentenza

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento