La bozza del DL Rilancio e le procedure concorsuali per l’accesso al pubblico impiego : tra conferme e novità

La bozza del DL Rilancio e le procedure concorsuali per l’accesso al pubblico impiego : tra conferme e novità

di Antonia De Santis

Versione PDF del documento

Quello che traspare dalla bozza del DL Rilancio è la conferma della linea di tendenza già anticipata: digitalizzazione e delocalizzazione delle prove concorsuali. Tra i 258 articoli di cui si compone il decreto  vi sono disposizioni ( artt. 237 e ss.) che disciplinano l’ambito dei concorsi pubblici, specificamente il Capo XII Min. P. A. – Accelerazione concorsi, Sezione I rubricata Decentramento e digitalizzazione delle procedure. Preliminarmente, in questi giorni erano trapelate talune indiscrezioni, ‘voci di corridoio’ che avevano generato il malcontento di tanti perché si parlava di limitazioni, del possesso di titoli o requisiti specifici per l’accesso alle procedure concorsuali, che avrebbero senz’altro tagliato fuori ‘a priori’ una buona fetta di partecipanti. Lo stesso ministro della P. A. Dadone è intervenuta per placare gli animi.

Si legga anche:”Decreto rilancio: pdf della bozza ministeriale”

Requisiti di ammissione ai concorsi, nessun sbarramento.

Il problema è che, forse anche prima che l’emergenza Covid-19 mettesse in ginocchio la nostra economia, in un lago di precarietà dilagante il c.d. ‘posto fisso’ è un miraggio perseguito da molti,  quello che sembra offrire una maggiore sicurezza e stabilità. A confermarlo è, ancora una volta, la forte affluenza ai concorsi. Il ministro Dadone ha asserito di non voler porre alcun limite alla partecipazione alle procedure concorsuali e  ha sottolineato il suo interesse per i c.d. Soft skills, quelle competenze trasversali richieste nell’ambito del lavoro privato, che non possono essere esenti da critiche e destare perplessità. In sostanza, si tratta di requisiti ‘soggettivi’ e nelle procedure concorsuali per l’accesso al pubblico impiego bisogna tener a mente quanto disposto dall’art 35 Co. 3 lett b) d. Lgs. 165/2001, secondo il quale “le procedure di reclutamento nelle pubbliche amministrazioni si conformano ai seguenti principi: (…) b) adozione di meccanismi oggettivi e trasparenti, idonei a verificare il possesso dei requisiti attitudinali e professionali richiesti in relazione alla posizione da ricoprire”.  Di certo non esiste una procedura di reclutamento standard valida per ogni concorso, la scelta del modello concorsuale deve tener conto del livello e dell’ambito di competenza richiesto per la professionalità da reclutare. Senz’altro nella definizione dei requisiti di ammissione bisogna tener conto della domanda e dell’offerta, ovvero  da un lato, del profilo messo a bando, dall’altro,  del prevedibile numero di potenziali candidati. Conseguentemente, per profili elevati sarà ragionevole richiedere una particolare competenza nella materia o esperienza nel settore, adeguatamente documentata, se è probabile che vi siano un numero adeguato di candidati che la possiedano. Nella definizione dei requisiti non bisogna però tralasciare le conseguenze del tipo di selezione scelta: se ad esempio si privilegia l’esperienza professionale bisogna “mettere in conto” che a farne le spese saranno inevitabilmente i candidati più giovani. In ogni caso la richiesta di requisiti ‘aggiuntivi’ per l’accesso alle procedure concorsuali deve essere ragionevole, ovvero per profili particolarmente qualificati o specialistici, si pensi al reclutamento di figure professionali di altissima specializzazione e competenza, non sarebbe ‘iniquo’ elevare i requisiti di accesso.

Parola chiave: Digitalizzazione e decentramento

Nella bozza del DL Rilancio (si consiglia la lettura artt. 237, 238 e 239) è confermata la linea di tendenza già illustrata dal ministro della P. A., quindi vi sono disposizioni le quali prevedono che  in via sperimentale dall’entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 dicembre 2020 le prove concorsuali si svolgeranno su supporti informatici e, in un’ottica di delocalizzazione, saranno decentrate in base alla provenienza geografica dei candidati, al riguardo si prevede l’uso di idonei locali degli istituti scolastici, sedi universitarie e ogni altro istituto pubblico o privato. La Sezione II del decreto recante Disposizioni per la velocizzazione e per la conclusione delle procedure sospese, art 240 contiene una espressa menzione al Corso-concorso della Scuola Nazionale dell’amministrazione , nessun riferimento invece al tanto discusso Concorso 2700 Cancellieri esperti. Per quanto riguarda la Scuola nazionale dell’amministrazione,  già la Gazzetta Ufficiale n. 114 del 5 maggio 2020 (con annessa tabella delle amministrazioni e posti messi a concorso, se ne consiglia la consultazione p. 17-18) annunciava l’indizione dell’VIII corso-concorso selettivo di formazione dirigenziale per un totale di 210 posti. L’art 240 del DL Rilancio prevede l’uscita del bando di tale corso-concorso entro il 30 giugno 2020.

 Volume consigliato

Concorso 2329 Funzionari Giudiziari 2019. Prova preselettiva RIPAM Manuale e Quiz

Concorso 2329 Funzionari Giudiziari 2019. Prova preselettiva RIPAM Manuale e Quiz

Giuseppe Cotruvo, 2019, Maggioli Editore

Il volume è un utile strumento di preparazione alla prova preselettiva del concorso per 2329 funzionari presso il Ministero della Giustizia, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 59 del 26 luglio 2019 e gestito dalla Commissione RIPAM.La prova preselettiva, prevista dal bando, consiste...



 

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!