Inserire come procuratori di una p.a. legali interni post cessazione dal servizio degli stessi integra il reato di falso ideologico e puo’ costituire un escamotage per consentire menomata difesa della amministrazione in giudizio- irrilevanza di elenchi n

Inserire come procuratori di una p.a. legali interni post cessazione dal servizio degli stessi integra il reato di falso ideologico e puo’ costituire un escamotage per consentire menomata difesa della amministrazione in giudizio- irrilevanza di elenchi n

Francaviglia Rosa

Versione PDF del documento

In una banca-dati di contenzioso inserire i nominativi di Avvocati interni ad una amministrazione pubblica che risultino gi? cessati dal servizio per pensionamento, dimissioni volontarie o per altra causa ?ovvero che siano assenti per legittimo impedimento o causale ( malattia-gravidanza-puerperio-congedi parentali-aspettativa per motivi di famiglia-permesso-studio- ferie ) ?per periodi ragionevolmente rilevanti ? integra ipotesi criminosa di falso ideologico. Laddove il Legale interno abbia formalmente comunicato la propria assenza e, comunque, allorquando il datore di lavoro pubblico ne sia reso edotto anche in via di fatto, giammai potranno essere incardinati giudizi in capo ad un Avvocato assente. Ci? sinanche si tratti di ufficio legale ove il contenzioso venga attribuito in base ad elenchi distinti per?? tipologia di? giudizi ovvero per Giudici e corrispondente Avvocato interno alla P.A.. Se gli elenchi vi sono ? di palmare evidenza che il loro aggiornamento alla luce delle assenze verificatesi ? incombente obbligato e dovra? essere individuato il Legale attributario in sostituzione anche in via meramente temporanea. Omettere detto aggiornamento rileva disciplinarmente e penalmente specie se sulla base di siffatti elenchi uffici legali distaccati od a stralcio trasmettano atti introduttivi di giudizio per il quali necessarimanete occorre individuare il Legale competente. E soprattutto se siano detti Uffici non solo a ricevere l? atto notificato ma anche a provvedere all? inserimento in banca-dati. Se il falso viene commesso, fermo restando che l? avvocato interno non piu? tale in quanto cessato dal servizio ovvero temporaneamente assente non incorre in alcuna responsabilit? professionale per l? illegittimo ??inserimento del suo nominativo, ne rispondono il Legale Coordinatore dell? Ufficio che ha la causa in carico, il Direttore o Dirigente della struttura per ?culpa in vigilando?, il Responsabile Amministrativo. Chi ha materialmente inserito i nominativi di avvocati cessati puo? altres? incorrere in responsabilit? laddove fosse a conoscenza ? come ? presumibile- o della cessazione o della temporanea assenza del Legale. L? Avvocato assente che rientri in servizio e venga a conoscenza dell? accaduto potr? legittimamente esigere la sostituzione del proprio nominativo indebitamente inserito e ? comunque- denunciare l? illecito perpetrato a suo danno. E? chiaro che tale inserzione puo? arrecare danni alla difesa in giudizio della amministrazione. Se non segue costituzione in giudizio in quanto pratica appesa ed incardinata a Legale assente o cessato, e l? ente risulti soccombente in giudizio per carente ?difesa e detta soccombenza si sarebbe potuta evitare mediante l? assolvimento degli adempimenti defensionali di rito, del danno all? erario risponderanno i soggetti sopraindicati sia per sorte che per oneri accessori che per spese e competenze di giudizio in disparte ogni conseguenza disciplinare che ne deriva e gli illeciti penali ravvisabili. ?Ancorch? l? inserimento fittizio dei nominativi sia seguito da effettivo ed in fatto attribuzione della controversia ad altro Avvocato in servizio, ci? non elide minimamente l? esistenza di falso ideologico in banca-dati e se non consta altrimenti ? quantomeno dagli atti defensionali- anche sul cartaceo. Ovviamente in tale ipotesi il legale attributario dovr? perlomeno avere sottoscritto gli atti difensivi. Ch? se fosse accertato anche sottoscrizione in luogo del cessato od assente si avrebbe anche falso materiale . Il demandare ad altro/i avvocato/i in sostituzione di legale assente temporaneamente tutti? i giudizi di nuova pervenienza o quelli pendenti per i quali occorra ? ad esempio- predisporre appello o note autorizzate od altri incombenti a breve termine di adempimento- ovvero parte? di essi? deve essere formalizzato con ordine scritto del Legale Coordinatore e lo stesso dicasi per l? attivit? procuratoria. L? attribuzione in luogo di legale cessato del contenzioso gi? in capo a lui incardinato ? a prescindere che sia intervenuto o meno passaggio delle consegne al Sostituto subentrante od, in sua assenza, al Coordinatore Legale o, se esso manchi, al Legale facente funzioni o reggente od, in ultima ipotesi, al Dirigente e/o all? apicale legale sovraordinato?? – comporta che per i giudizi per i quali adempimenti defensionali debbano intervenire ? dovr?? provvedersi alla apposita integrazione in banca-dati e sul cartaceo e sugli atti defensionali dovr? farsi mensione che la costituzione od il deposito dell? atto di cui trattasi avviene in sostituzione dell? Avvocato X cessato dal servizio a far data dal? .

Se un Legale cessato dal servizio per qualsivoglia causale venga a cognizione del falso in banca-dati e si attivi in tal senso scrivendo alla P.A. gi? datore di lavoro nella persona del legale Coordinatore e/o del responsabile della struttura e questi ultimi si limitino a rettificare i dati gi? inseriti incardinando le cause ad altri, omettendo di verificare che le evenienze illecite vengano ulteriormente ad integrarsi, siffatto comportamento dovr? essere valutato ai fini delle responsabilit? penali e contabili ravvisabili nella specie. Alla stessa stregua se costoro omettano di provvedere sollecitamente.

Qualsivoglia danno pubblico che possa insorgere dalla menomata difesa della P.A.? in ragione di tali fenomenologie comportamentali illecite deve ascriversi ai soggetti di cui sopra. ???Gli organi di controllo interno all? ente o gli apicali sovraordinati che vengano a conoscenza di ipotesi di tal fatta dovranno provvedere a quanto di competenza sia in sede ispettiva interna che in sede contabile e penale. Non sussiste alcun profilo di discrezionalit? in adempimenti vincolati quali quelli summenzionati. Ed analogo discorso vale per i dipendenti amministrativi cessati dal servizio ovvero assenti per legittimo impedimento o causale. Giammai ? difatti ? ad esempio- in sede di inserimento di un nuovo ricorso giudiziale di primo grado in banca-dati potr? risultare una matricola dell? impiegato X deceduto ovvero gi? pensionato. Pur tuttavia, risulta di maggiore gravit? se tali condotte ?riguardino i difensori della amministrazione per l? evidente portata che esse possono avere? in punto carente o menomata difesa in giudizio. Le rettifiche in sede di inserizione nominativi in via telematica o sul cartaceo devono sempre evidenziare la data in cui esse vengano effettuate in modo da tenere indenne da conseguenze anche erariali l? avvocato successivamente individuato come procuratore dell? ente laddove nessun adempimento defensionale sia stato effettuato in precedenza. E dovranno appalesare i nominativi di chi effettua le modifiche in procedura. Pertanto, se esistono campi nella maschera telematica sia relativi all? inserimento della pratica di contenzioso che di gestione di quest? ultima, in ogni caso cliccando sul numero di matricola ivi inserito dovr? risultare anche quello del pubblico dipendente che vi ha provveduto ai fini della esatta individuazione delle responsabilit? nell? espletamento degli adempimenti di competenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it