Indennità economica per malattia: i chiarimenti del Ministero del lavoro

di Redazione

Biancamaria Consales

Con interpello n. 14 del 17 aprile 2013, il Ministero del Lavoro ha fornito risposta al quesito posto da Federambiente, volto a sapere se le imprese a capitale misto sono tenute a versare, ai sensi dell’art. 20, comma 2, D.L. 112/2008 (conv. da L. 133/2008), la contribuzione per malattia agli impiegati.

Al riguardo, il Ministero ha preliminarmente precisato che, ai sensi della predetta norma, a decorrere dal 1° gennaio 2009, le imprese dello Stato, gli enti pubblici e gli enti locali privatizzati e a capitale misto devono versare all’Inps, oltre alla contribuzione per maternità, “la contribuzione per malattia per gli operai”. Con riferimento ai soggetti destinatari della disposizione, il Ministero, poi, ha evidenziato come la stessa disposizione abbia armonizzato gli obblighi contributivi delle imprese pubbliche privatizzate e a capitale misto uniformandoli a quelli previsti per la generalità dei datori di lavoro privati i quali sono tenuti, in via generale, al versamento contributivo relativo ai dipendenti con qualifica di operai appartenenti al settore dell’industria, dell’artigianato e dell’agricoltura e con la qualifica di impiegati appartenenti al settore terziario e dei servizi.

Sebbene una prima lettura dell’art. 20, comma 2, del D.L. 112/2008 lascerebbe intendere che solo in relazione ai dipendenti con qualifica di operaio sia prevista la contribuzione per malattia, proprio le evidenziate esigenze di armonizzazione consentono di ritenere applicabile l’obbligo di versamento in questione anche per i dipendenti delle imprese dello Stato privatizzate e a capitale misto con qualifica di impiegato.

Va, infatti, rilevato che la stessa disposizione di legge rinvia direttamente alla “normativa vigente” e quindi, per la contribuzione per malattia, deve valere quanto sopra detto circa la sussistenza, per i datori di lavoro privati, dell’obbligo contributivo per gli impiegati in considerazione del settore di appartenenza.

Laddove dunque si tratti del settore terziario e dei servizi, sia che si tratti di datori di lavoro privati che di aziende pubbliche privatizzate o a capitale misto, l’indennità di malattia si applica pertanto anche ai dipendenti con qualifica di impiegati.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!