Inaugurazione dell’anno giudiziario della Corte costituzionale: il Presidente Quaranta si sofferma sul rapporto tra la Corte e il sistema di informazione giornalistica

Inaugurazione dell’anno giudiziario della Corte costituzionale: il Presidente Quaranta si sofferma sul rapporto tra la Corte e il sistema di informazione giornalistica

di Redazione

Versione PDF del documento

Biancamaria Consales

Anche quest’anno si è tenuto al Palazzo della Consulta l’inaugurazione dell’anno giudiziario, nel quale ci è stato, altresì, il consueto incontro con la stampa, che rappresenta l’unico momento di contatto ufficiale del presidente della Corte costituzionale con i rappresentanti del mondo dell’informazione, nel quale sia possibile avere un dialogo costruttivo.

Il presidente, Alfonso Quaranta, ha ribadito la posizione di centralità della Corte costituzionale nel sistema delle garanzie costituzionali ed il ruolo non solo di tutela della legalità costituzionale, ma anche di mediazione di conflitti sociali.

“La Corte – ha affermato il Presidente – esercita le sue funzioni, nel ruolo di organo di garanzia, in modo indipendente dalla politica, in conformità alla sua istituzionale posizione di terzietà e neutralità, pur trovandosi, proprio per la peculiarità delle sue attribuzioni, in una condizione di contiguità, oltre che con le altre istituzioni di garanzia, anche con gli organi costituzionali politici. Tale contiguità, tuttavia, non esclude affatto l’imparzialità della Corte e dei suoi componenti; imparzialità assicurata, da un lato, dalla rigorosa osservanza del principio di collegialità, che caratterizza l’intera attività della Corte, e, dall’altro, dalla trasparenza del suo agire. La garanzia della trasparenza è assicurata dalla necessaria motivazione delle sue decisioni, sicché queste sono sottoposte ad un controllo pubblico diffuso. Allo stesso modo, la collegialità, che connota tutta intera l’attività della Corte, e la connessa garanzia del contraddittorio tra le parti del processo costituzionale, rappresentano strumenti volti ad assicurare non solo l’esercizio del diritto di difesa di cui all’art. 24 Cost., ma, in definitiva la trasparenza della sua attività. Inoltre, nell’esercizio delle sue peculiari funzioni, la Corte garantisce la tutela dei diritti fondamentali, che ricevono riconoscimento sia nella Costituzione, sia in fonti normative internazionali e sovranazionali. Non a torto, dunque, permane il convincimento chela Corte debba essere definita come la Corte dei diritti e non solo dei conflitti. La Corte, quindi, è garante della legalità costituzionale”.

Il Presidente, poi, prima di concludere il suo intervento, ha esposto alcune considerazioni utili per un sereno e corretto rapporto tra la Corte e il sistema di informazione giornalistica.

“In questi ultimi tempi – ha dichiarato – si è assistito al ripetersi di attacchi alla Corte nel suo complesso o a singoli giudici, nonché alla pubblicazione di ricostruzioni, tra l’altro generalmente inesatte, delle discussioni che si svolgono all’interno della camera di consiglio. A questo proposito, intendo precisare che:

a) le decisioni della Corte sono sempre frutto di una valutazione collegiale, basata esclusivamente sul confronto dialettico di argomentazioni giuridiche;

b) nessuno è in condizione di conoscere o predeterminare l’esito di una discussione in camera di consiglio e, tanto meno, prevedere il contenuto di future decisioni;

c) insinuazioni aventi ad oggetto la Corteo singoli suoi componenti non hanno avuto, non hanno e non avranno mai alcuna incidenza sul sereno ed indipendente esercizio della giurisdizione costituzionale.

Pertanto, è auspicabile che gli organi di stampa, la cui funzione è certamente essenziale nell’ordinamento democratico, si basino sempre su dati controllati e verificati, pur nell’esercizio del sacrosanto diritto di critica, anche aspra, delle decisioni della Corte; critiche che ben possono essere utili alla Corte stessa per le sue successive valutazioni e decisioni”.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!