Il tradimento coniugale: procedura di risarcimento danni

Il tradimento coniugale: procedura di risarcimento danni

di Dott.ssa Conte Sissy

Versione PDF del documento

Continui e stravolgenti sono i cambiamenti e le novità in merito alla tematica del risarcimento danni richiesto a seguito di una infedeltà.

La branca in questione abbraccia un diritto di famiglia ormai in continua evoluzione rispetto ad ordinanze e leggi emanate in anni addietro.

Recente è la ordinanza n. 6598/2019 con la quale viene data la possibilità per il marito tradito di formulare efficacemente una richiesta di risarcimento danni all’amante della moglie o viceversa.

E’ bene specificare che, l’infedeltà sia un’azione infelice per il partner tradito è una cosa ovvia, ma la risarcibilità del danno non lo è.  Il tradimento ovviamente non può essere causa automatica per un’azione risarcitoria. Infatti, neppure comporta automaticamente l’addebito della separazione. La giurisprudenza negli anni ha sancito più volte che l’infedeltà può non essere causa della separazione tra due coniugi. Infatti, capita spesso che il legame tra i coniugi si rompa e si disgreghi prima dell’azione.

Tuttavia, dalla relazione extraconiugale intrattenuta dal coniuge non scatta automaticamente il risarcimento del danno, essendo necessario che l’afflizione superi la soglia della tollerabilità e che il tradimento, per le sue modalità o per la gravità dello sconvolgimento provocate nell’altro coniuge, si traduca nella violazione di un diritto costituzionalmente protetto.

La risarcibilità dell’infedeltà secondo tale ordinanza potrebbe trovare applicazione nel caso in cui  vengono violati alcuni diritti fondamentali:

-diritto alla dignità;

-diritto alla salute;

-diritto all’onere;

violati tali aspetti, definiti diritti costituzionalmente protetti, si può procedere per la richiesta di una pratica risarcitoria.

Leggi anche:”Le conseguenze in sede legale del tradimento”

L’assegno familiare

La nuova legge non fa più riferimento né al tenore di vita, né ai sacrifici fatti nel corso del matrimonio. «Conta solo la situazione al momento del divorzio. In particolare: reddito, patrimonio, possibilità di lavorare, età e salute. Quindi, se una donna non ha reddito e non lavora, avrà l’assegno. Se lavora e guadagna meno del marito, lo riceverà ma più basso. In entrambi i casi, non farà più fede il precedente tenore di vita. L’assegno sparisce in caso di nuova convivenza o matrimonio». Una radicale modifica del costume, perché fino a ieri tante donne che erano rimaste all’ombra del marito, facilitandogli vita e carriera, erano sicure che, in caso di divorzio, queste scelte venissero riconosciute e garantite.

Il matrimonio impone anche dei doveri:

-la coabitazione;

– il contribuire alle esigenze di famiglia;

– l’assistenza materiale;

-l’assistenza morale;

-la fedeltà;

se il tradito dimostra che il tradimento è la causa della separazione, allora questa può essere addebitata al traditore. Se, insomma, un marito/moglie può provare che il matrimonio è andato in crisi per il tradimento, anche chi è più debole economicamente perde il diritto a chiedere soldi. Vale anche per i tradimenti virtuali: nel caso di  una relazione platonica coinvolgente, e il coniuge si sente messo da parte, può essere comunque contestata una violazione della fedeltà. Con conseguenze economiche.

Una ulteriore novità è subentrata a  febbraio, il Consiglio dei Ministri ha approvato la proposta di disegno di legge delega sui patti prematrimoniali che poi è stata assegnata alla Commissione Giustizia del Senato, ed è in attesa di discussione. Lo scopo è allineare l’Italia agli altri Paesi, superando l’idea negativa che questi accordi possano incentivare i divorzi. Si spera che, una negoziazione prima dell’eventuale crisi coniugale dovrebbe permettere di raggiungere un accordo soddisfacente per entrambe le parti, in fase di separazione, evitando conflitti. Nello specifico ancora non si è a conoscenza di cosa conterranno, di sicuro si sa  che i patti possono essere stipulati sia prima, sia durante il matrimonio, quando la situazione familiare è meglio definita. Poi, che possono regolare sia i rapporti patrimoniali, sia quelli personali, mettendo nero su bianco i principi della vita familiare e dell’educazione dei figli, presenti e futuri. Si stabiliscono anche le regole per gestire una eventuale crisi.

Volume consigliato

Le tutele legali nelle crisi di famiglia

Le tutele legali nelle crisi di famiglia

Michele Angelo Lupoi, 2018, Maggioli Editore

L’opera si struttura in tre volumi tra loro coordinati, affrontando in modo pragmatico le tematiche relative alla crisi dei rapporti familiari. Nel primo tomo viene esposta con commento dettagliato la disciplina sostanziale. Nel secondo tomo si espone, con risvolti operativi, la...



 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Conte Sissy

Dott.ssa Conte Sissy

Laureata in Giurisprudenza, con tesi in Diritto di Famiglia intitolata ''Divorzio''. Conseguimento diploma Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali. Attualmente iscritta al corso di Magistratura Ordinaria presso l'Istituto Nazionale di Alta Formazione Giuridica Direkta. Praticante Avvocato presso il Tribunale di Benevento. Principalmente si occupa di diritto civile, diritto penale, diritto di famiglia. In possesso di tesserino Giornalista Pubblicista. Articolista giuridico e autrice di pubblicazioni su riviste giuridiche online.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!