Il parere del Garante sulla presentazione delle istanze di indennizzo

Il parere del Garante sullo schema di decreto che fissa i termini per la presentazione delle istanze di indennizzo al FIR

di Muia' Pier Paolo, Referente per le sezioni dedicate a privacy, IP e internet law , responsabilità medica e civile, e condominio

Versione PDF del documento

Garante per la protezione dei dati personali: provvedimento n. 155 del 30 luglio 2019

Premessa

Il “Garante per la protezione dei dati personali” è intervenuto con un parere del 30 Luglio del 2019 sullo schema di decreto del Ministero dell’economia e delle finanze recante “Decorrenza del termine per presentazione delle istanze di indennizzo al FIR (cioè il Fondo indennizzo risparmiatori).

In particolare, con la Legge di bilancio del 2018 è stato istituito un Fondo indennizzo risparmiatori (il cd. FIR), avente il compito di indennizzare i risparmiatori che hanno subìto un pregiudizio ingiusto da parte delle banche che hanno la sede legale in Italia, in considerazione delle loro violazioni ripetute e costanti degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza, buona fede oggettiva e trasparenza nei rapporti con i propri clienti, per il caso in cui dette banche siano state messe in liquidazione coatta amministrativa dopo il 16 novembre 2015 e prima del 1° gennaio 2018.

Detta Legge stabilisce, poi, le modalità con cui i risparmiatori debbono presentare le domande di indennizzo e quelle con cui devono essere effettuati i piani di riparto delle risorse disponibili”, affidando il compito di individuare tali modalità ad un decreto del Ministro dell’economia e delle finanze. Inoltre, la Legge di bilancio prevede anche l’istituzione di una Commissione tecnica avente la funzione di esaminare le domande dei risparmiatori e ammetterli all’indennizzo del FIR nonché di verificare le violazioni commesse dalle banche e la sussistenza del nesso di causalità tra dette violazioni e il danno subito dai risparmiatori. La norma precisa che le verifiche possono avvenire anche attraverso la preventiva tipizzazione delle violazioni massive e la corrispondente identificazione degli elementi oggettivi e/o soggettivi in presenza dei quali l’indennizzo può essere direttamente erogato.

Dopo di che la Commissione si occupa di procedere alla erogazione dell’indennizzo ai risparmiatori da parte del FIR.

Avendo, quindi, il 10 maggio 2019, il Ministro dell’economia e delle finanze adottato uno schema del suddetto Decreto previsto dalla citata Legge di bilancio e recante “Modalità di accesso alle prestazioni del Fondo indennizzo risparmiatori (FIR)”, il Garante ha espresso il proprio parere con il provvedimento in commento.

Approfondisci con:” Privacy e GDPR: Manuale applicativo con esempi e casistiche settoriali”

Il parere del Garante

Il Garante ha espresso parere favorevole al suddetto decreto, ritenendolo conforme alla normativa in materia di protezione dei dati personali delle persone fisiche.

Per quanto riguarda la specifica disciplina prevista dal decreto, questo indica i tempi delle procedure di definizione delle istanze presentate e stabilisce che la domanda di indennizzo deve essere inviata entro il termine di centottanta giorni decorrenti dalla data individuata con apposito decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, previo accertamento da parte della Commissione tecnica. Coloro che hanno diritto all’erogazione da parte del FIR dell’ indennizzo forfettario sono:

I risparmiatori persone fisiche

Imprenditori individuali, anche agricoli, coltivatori diretti, in possesso delle azioni e delle obbligazioni subordinate delle banche (aventi le caratteristiche di cui si è detto in premessa: cioè sede legale in Italia, commissione delle violazioni massive e accesso alla procedura di liquidazione coatta amministativa) – ovvero i loro successori mortis causa o il coniuge, il soggetto legato da unione civile, il convivente more uxorio o di fatto, i parenti entro il secondo grado in possesso dei suddetti strumenti finanziari a seguito di trasferimento con atto tra vivi – che soddisfano una delle seguenti condizioni:

A) patrimonio mobiliare (posseduto al 31 Dicembre del 2018) di proprietà del risparmiatore di valore inferiore a 100.000 euro;

B) ammontare del reddito complessivo del risparmiatore ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche inferiore a 35.000 euro nell’anno 2018, al netto di eventuali prestazioni di previdenza complementare erogate sotto forma di rendita.

Il Garante ha poi analizzato la restante parte del decreto attuativo del Ministro dell’economia e delle finanze relativo alle modalità di accesso alle prestazioni del Fondo indennizzo risparmiatori (FIR), che si occupa anche di:

– contenuto dell’istanza e documenti necessari (art. 4);

– misura degli indennizzi (art. 5);

– modalità di intervento del FIR (art. 6);

– funzioni e modalità di deliberazione della Commissione tecnica e i requisiti dei componenti (artt. 7, 8 e 9);

– attività affidate alla società Consap S.p.A., che deve sviluppare una piattaforma informatica per fornire al pubblico informazioni chiare e complete circa le modalità di presentazione della domanda e gli adempimenti a tal fine necessari, dotata anche di un sistema interattivo di ricezione e risposta alle domande provenienti dal pubblico e la presentazione formale dell’istanza e dei documenti (art. 10).

Secondo il Garante lo schema del decreto in esame tiene conto delle indicazioni fornite relativamente alla corretta indicazione della base giuridica del trattamento dei dati effettuato dalla Commissione tecnica e che sono state recepite alcune modifiche e integrazioni indicate dal Garante.

In particolare, il Decreto individua il responsabile del trattamento dei dati rispetto alla richiesta di indennizzo al FIR, prevedendo che il Consap S.p.A. deve essere nominato dalla Commissione tecnica attraverso un apposito regolamento, appunto quale responsabile del trattamento.

In secondo luogo, vengono i trattamenti di dati connessi alla procedura di richiesta di indennizzo al FIR vengono resi conformi al Regolamento europeo per la protezione dei dati personali (GDPR) e al Codice privacy italiano, sia sotto l’aspetto della base giuridica del trattamento con riferimento ai presupposti normativi perché la Commissione tecnica possa raccogliere i dati necessari per effettuare i controlli previsti dal Decreto e con riferimento alle informazioni e ai documenti allegati all’istanza, sia sotto l’aspetto delle modalità di realizzazione della piattaforma informatica da parte di Consap S.p.A.

Inoltre, viene previsto che i controlli possono essere effettuati consultando i dati contenuti nell’Archivio dei rapporti finanziari detenuto dalla Agenzia delle Entrate e che tali sati saranno accessibili soltanto nei casi tassativamente individuati dalla legge e secondo le modalità individuate in conformità alle prescrizioni del Garante.

In considerazione di ciò, il garante ha ritenuto che non vi fossero altri rilievi da formulare sullo schema di decreto sottoposto ad esame e conseguentemente ha espresso il proprio parere favorevole.

Volume consigliato

Privacy e GDPR: Manuale applicativo con esempi e casistiche settoriali

Privacy e GDPR: Manuale applicativo con esempi e casistiche settoriali

Monica Mandico, 2019, Maggioli Editore

Il volume si distingue per il suo carattere multidisciplinare ponendosi quale strumento pratico e immediato per rispondere in modo corretto alle finalità della legge.Per ogni tipologia di attività, dalla sanità, alle assicurazioni, dalle banche, alle PMI fino ad...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Muia' Pier Paolo

Muia' Pier Paolo

Co-founder dello Studio Legale "MMP Legal", svolge la professione di avvocato in Firenze, Prato e Pistoia, occupandosi in via principale con il suo staff di responsabilità professionale e civile; internet law, privacy e proprietà intellettuale nonchè diritto tributario. In particolare, svolge attività di assistenza e difesa sia di professionisti destinatari di richieste di risarcimento  danni per inadempimento professionale sia di soggetti danneggiati da sinsitri, soprattutto per malpractice medica; consulenza relativamente alla gestione e alla tutela dei dati personali in ogni area e settore di attività nonché assistenza e difesa, stragiudiziale e giudiziale, per quanto riguarda i contratti e i rapporti tramite internet ed in generale tutte le problematiche relative ai servizi on line ed ai correlati diritti; redazione di accordi di licenza e cessione di marchi, dei diritti di sfruttamento economico delle opere dell'ingegno, di know-how e di brevetti; difesa giudiziale per la tutela dei diritti d'autore e di brevetti, marchi e disegni, nonché avverso attività di concorrenza sleale; difesa e rappresentanza nei giudizi dinanzi alle commissioni tributarie. Per Diritto.it è Referente delle sezioni dedicate a privacy, IP e internet law , responsabilità medica e civile, e condominio. Pagina Facebook: https://www.facebook.com/studiolegalemasimuia/?ref=br_rs Pagina Instagram: https://www.instagram.com/mmp_studiolegale/


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it