Gratuito patrocinio, compenso all'avvocato in base al suo impegno
Home » News » Focus

Gratuito patrocinio, compenso del legale da rapportare all’impegno

Redazione

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - II sez. civ. - ordinanza n. 14485 del 6-06-2018

Versione PDF del documento

Nella liquidazione del compenso all’avvocato – chiamato a svolgere attività di patrocinio a spese dello Statoil Giudice non può limitarsi ad utilizzare il modulo all’uopo predisposto, contenente un generico richiamo, quale criterio di liquidazione, alla tariffa professionale vigente, senza anche esternare la necessaria valutazione circa le effettive attività professionali indicate, nonché la valutazione dell’impegno professionale richiesto dalla questione giuridica trattata.

E’ questo il principio fatto proprio dalla Corte di Cassazione, seconda sezione civile, con ordinanza n. 14485 del 6 giugno 2018, accogliendo il ricorso di un legale, che aveva svolto attività in regime di patrocinio a spese dello Stato.

L’avvocato,  in particolare, si era opposto alla liquidazione del proprio compenso effettuata dal Giudice di pace, ritenuta riduttiva rispetto all’impegno professionale profuso, stante anche il mancato riconoscimento delle spese borsuali effettuate in favore del cliente. Si era dunque rivolto al Tribunale, che accolse la sua opposizione, aumentando l’ammontare del compenso. Il legale propose tuttavia ricorso in Cassazione, lamentando come il Tribunale, sebbene accogliendo la sua domanda, non avesse affatto motivato la decisione, senza peraltro nulla disporre sulle spese di lite del procedimento di opposizione, addossate al legale medesimo.

Liquidazione del compenso, non basta rinviare alle tariffe

Gli Ermellini hanno accolto la presente censura, poiché in effetti il Tribunale si era limitato a modificare il compenso senza illustrare le ragioni a fondamento della propria decisione, effettuando la liquidazione semplicemente sulla base di un modulo all’uopo predisposto – che a sua volta rinviava alla tariffa vigente – senza opportunamente valorizzare l’impegno profuso dal legale, le singole attività da esso indicate e la complessità delle questioni giuridiche trattate, con il relativo impegno richiesto. Il decreto in questione, conclude la Corte, va dunque cassato con rinvio al medesimo Tribunale in diversa composizione.

Volume consigliato

Guida al patrocinio a spese dello stato

Guida al patrocinio a spese dello stato

Santi Bologna, 2018, Maggioli Editore

Con formulario e giurisprudenza, aggiornata al decreto 16 gennaio 2018 (G.U. 28 febbraio 2018, n. 49), di adeguamento dei limiti di reddito per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, l’opera è una guida di sicura utilità per Avvocati e Magistrati.Per i primi,...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it