Giudizio elettorale: accolto il ricorso di Cota "stop" al riconteggio dei voti

Giudizio elettorale: accolto il ricorso di Cota “stop” al riconteggio dei voti

di Matranga Alfredo

Versione PDF del documento

Con ordinanza 19.12.2010, n. 4791 la Quinta Sezione del Consiglio di Stato ha accolto l’istanza cautelare connessa all’appello principale, proposto dal Presidente della Regione Piemonte, ************, sospendendo l’efficacia della sentenza impugnata con cui il TAR Piemonte aveva ordinato il riconteggio dei voti relativi all’ultima tornata elettorale dell’aprile 2010.

In particolare, per il massimo organo della Giustizia amministrativa “….., all’esito della decisione in camera di consiglio, è emersa la fondatezza dell’appello principale e l’infondatezza degli appelli incidentali proposti da *************** e dagli altri suoi litisconsorti….., con conseguente improcedibilità degli appelli incidentali”.

 

 

Avv. ****************

N. 04791/2010 REG.ORD.SOSP.

N. 06586/2010 REG.RIC.           

 

REPUBBLICA ITALIANA

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)


ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 6586 del 2010, integrato da motivi aggiunti, proposto da:

 

************, quale Presidente ********************** della Regione Piemonte, rappresentato e difeso dagli avv. ***************, *************, con domicilio eletto presso *************** in Roma, via Principessa Clotilde, 2;

contro

Mercedes Bresso, rappresentata e difesa dagli avv. *****ò ********, ****************, **************, con domicilio eletto presso **************** in Roma, via B. Tortolini, 34; **************, ****************, ******************************, rappresentati e difesi dagli avv. *****ò ********, **************, ****************, con domicilio eletto presso **************** in Roma, via B. Tortolini, 34; Ministero dell’Interno, Ufficio Centrale Regionale Presso La Corte D’Appello di Torino, rappresentati e difesi dall’**************, domiciliata per legge in Roma, via dei Portoghesi, 12;

nei confronti di

******************, *************, ********************, ****************, *****************, *************, **************, *****************, *****************, *****************, *****************, **************, rappresentati e difesi dall’avv. ***********, con domicilio eletto presso Segreteria Sezionale Cds in Roma, piazza Capo di Ferro, 13; *****************, *************, **************, Regione Piemonte, ******************************** Presso i Tribunali della Regione Piemonte; ***********, *****************, *****************, ************, ***************, ******************, ****************, ************, *******************, ******************, ***************, ***********************, ****************, **************, ******************, *************, ****************, ******************, *************, **************, ***************, *************, ***************, ***************, **************, ************************, **************, rappresentati e difesi dagli avv. ********************, **************, con domicilio eletto presso ************** in Roma, ******************, 1; ***************, rappresentato e difeso dagli avv. ***************, *************, ******************, con domicilio eletto presso ************* in Roma, via Emilia N. 88; Associazione Italiana ************************** (Wwf), rappresentato e difeso dagli avv. ****************, ******************, con domicilio eletto presso **************** in Roma, via degli Scipioni, 268/A;

e con l’intervento di

ad adiuvandum:
Sara Franchino, rappresentato e difeso dagli avv. ***************, *************, ******************, con domicilio eletto presso ************* in Roma, via Emilia N. 88;

per la riforma

della sentenza del T.A.R. PIEMONTE – TORINO: SEZIONE I n. 3136 del 28 luglio 2010, resa tra le parti, concernente VERBALE PROCLAMAZIONE DEGLI ELETTI RELATIVO ALLE ELEZIONI PER IL CONSIGLIO REGIONE PIEMONTE 28/29 MARZO 2010

Visti il ricorso in appello, i motivi aggiunti e i relativi allegati;

Visto l’art. 98 cod. proc. amm.;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di Mercedes Bresso e di ************** e di **************** e di ****************************** e di ****************** e di ************* e di ******************** e di **************** e di ***************** e di ************* e di ************** e di ***************** e di ***************** e di ***************** e di ***************** e di *********** e di ***************** e di Cristiano Bussola e di ************ e di *************** e di ****************** e di **************** e di ************ e di ******************* e di ****************** e di *************** e di *********************** e di **************** e di ************** e di ****************** e di ************* e di **************** e di ****************** e di ************* e di ************** e di *************** e di ************* e di *************** e di *************** e di ************** e di ************************ e di ************** e di *************** e di Associazione Italiana World Wide Fund For Nature (Wwf) e di Ministero dell’Interno e di Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d’Appello di Torino e di **************;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Vista la domanda di sospensione dell’efficacia della sentenza del Tribunale amministrativo regionale del Piemonte, sez. I, n. 3136 del 28 luglio 2010, presentata in via incidentale dalla parte appellante;

Relatore nell’udienza pubblica del giorno 19 ottobre 2010 il Cons. ************** e uditi per le parti gli avvocati ********, ********, ********, su delega dell’ avv. ********, Di ********, *******, *******, *****, ****** e ********;

Rilevato che, dopo la rituale discussione all’odierna udienza pubblica, la causa è stata trattenuta in decisione anche per il merito;

Considerato che all’esito della decisione in camera di consiglio è emersa la fondatezza dell’appello principale e l’infondatezza degli appelli incidentali proposti da *************** e dagli altri suoi litisconsorti nonché dall’ Associazione Italiana ************************** (Wwf), con conseguente improcedibilità degli appelli incidentali;

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

Accoglie l’istanza cautelare (Ricorso numero: 6586/2010) e, per l’effetto, sospende integralmente l’efficacia della sentenza impugnata.

Spese compensate.

La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 19 ottobre 2010 con l’intervento dei magistrati:

*****************, Presidente

Marzio Branca, Consigliere

********************, Consigliere

Carlo Saltelli, ***********, Estensore

 

 

 

 

 

 

L’ESTENSORE

 

IL PRESIDENTE

 

 

 

 

 

 

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 19/10/2010

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!