Getto pericoloso di cose: l’offesa deve essere rivolta a persone e non ad altre cose

Scarica PDF Stampa Allegati

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 19605 del 16 maggio 2024, ha chiarito che l’offesa prevista dalla contravvenzione di getto pericoloso di cose, per integrare il reato, deve essere rivolta a persone e non ad altre cose.

Per approfondimenti si consiglia il seguente volume, il quale rappresenta un valido strumento operativo di ausilio per il Professionista: Formulario annotato del processo penale

Corte di Cassazione – Sez. V Pen. – Sent. n. 19605 del 16/05/2024

Cass-19605-2024.pdf 2 MB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Indice

1. I fatti

La decisione della Corte di Cassazione scaturisce dal ricorso presentato dall’imputato avverso la Corte di appello di Milano che ha confermato la sentenza di condanna del Tribunale di Sondrio per i reati di cui agli artt. 612, comma secondo, 674, 624, 625, n. 7 e 7-bis cod. pen.
In particolare, l’imputazione ex art. 624 c.p. (getto pericoloso di cose) era stata disposta per avere l’imputato versato della cenere non solo sulle piante di sua proprietà, ma anche su quelle del vicino di casa, con il quale sussiste un contesto di conflittualità.
Il ricorso era affidato a quattro motivi fra cui, quello che in questa sede rileva: violazione di legge, in riferimento all’art. 674 cod. pen., ai sensi dell’art. 606, lett. b) cod. proc. pen., in quanto le ceneri sono da considerarsi un fertilizzante, né risulta che le piante siano state danneggiate; in ogni caso, la condotta è stata posta in essere nei confronti di cose e non di persone.
Per approfondimenti si consiglia il seguente volume, il quale rappresenta un valido strumento operativo di ausilio per il Professionista:

FORMATO CARTACEO

Formulario Annotato del Processo Penale

Il presente formulario, aggiornato al D.Lgs. 19 marzo 2024, n. 31 (cd. correttivo Cartabia), rappresenta un valido strumento operativo di ausilio per l’Avvocato penalista, oltre che per i Giudici di pace o per gli aspiranti Avvocati, mettendo a loro disposizione tutti gli schemi degli atti difensivi contemplati dal codice di procedura penale, contestualizzati con il relativo quadro normativo di riferimento e corredati dalle più significative pronunce della Corte di Cassazione, oltre che dai più opportuni suggerimenti per una loro migliore redazione.La struttura del volume, divisa per sezioni seguendo sostanzialmente l’impianto del codice di procedura penale, consente la rapida individuazione degli atti correlati alle diverse fasi processuali: Giurisdizione e competenza – Giudice – Pubblico ministero – Parte civile – Responsabile civile – Civilmente obbligato – Persona offesa – Enti e associazioni – Difensore – Gli atti – Le notificazioni – Le prove – Misure cautelari personali – Riparazione per ingiusta detenzione – Misure cautelari reali – Arresto in flagranza e fermo – Indagini difensive e investigazioni difensive – Incidente probatorio – Chiusura delle indagini – Udienza preliminare – Procedimenti speciali – Giudizio – Procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica – Appello – Ricorso per cassazione – Revisione – Riparazione per errore giudiziario – Esecuzione – Rapporti giurisdizionali con le autorità straniere.Specifiche sezioni, infine, sono state dedicate al Patrocinio a spese dello stato, alle Misure cautelari nei confronti degli enti (D.Lgs. n. 231 del 2001) ed al Processo penale davanti al Giudice di pace (D.Lgs. n. 274 del 2000).L’opera è corredata da un’utilissima appendice, contenente schemi riepilogativi e riferimenti normativi in grado di rendere maggiormente agevole l’attività del legale.Valerio de GioiaConsigliere della Corte di Appello di Roma.Paolo Emilio De SimoneMagistrato presso il Tribunale di Roma.

Valerio De Gioia, Paolo Emilio De Simone | Maggioli Editore 2024

2. Getto pericoloso di cose: l’analisi della Cassazione

La Corte di Cassazione, nell’analizzare il ricorso, si sofferma sull’unico motivo considerato ammissibile (quello in commento) posto che “la contravvenzione di cui all’art. 674 cod. pen. non è configurabile quando l’offesa, l’imbrattamento o la molestia abbiano ad oggetto esclusivamente cose e non persone“.
Si ricorda che la contravvenzione di getto pericoloso di cose dispone che “chiunque getta o versa, in un luogo di pubblico transito o in un luogo privato ma di comune o di altrui uso, cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone, ovvero, nei casi non consentiti dalla legge, provoca emissioni di gas, di vapori o di fumo, atti a cagionare tali effetti, è punito con l’arresto fino a un mese o con l’ammenda fino a euro 206“.
Nel caso in esame, ad avviso della Corte, non risulta alcuna specifica circostanza da cui desumere un turbamento alla persona offesa.

3. La decisione della Cassazione

La Corte di Cassazione ha ripreso un consolidato principio di diritto emesso nel giudizio relativo all’imbrattamento di una pubblica via, cagionato dal riversamento a terra di cumuli di rifiuti nel corso di una manifestazione di protesta, nella quale la Suprema Corte ha proceduto a riqualificare la condotta, originariamente rubricata sotto l’art. 674 cod. pen., nella diversa fattispecie di cui agli artt. 639, comma secondo e 639-bis cod. pen. (Cass. sent. n. 19968/2017). Secondo i giudici di legittimità, dunque, la contravvenzione di getto pericoloso di cose non è configurabile quando l’offesa non sia rivolta esclusivamente a persone da cui possa emergere un turbamento.
Per ciò che riguarda gli altri motivi di ricorso, invece, questi sono stati considerati inammissibili, in quanto non si sono confrontati neanche con la motivazione delle sentenze di primo e secondo grado.
Alla luce di quanto finora esposto, la Corte di Cassazione ha disposto l’annullamento senza rinvio della sentenza impugnata, limitatamente alla citata fattispecie, perché il fatto non sussiste, con revoca delle statuizioni civili nei confronti della persona offesa e l’eliminazione della relativa pena inflitta, pari ad euro 66,00, così determinata per il rito.

Riccardo Polito

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento