F24, a cosa serve e quali vantaggi offre il metodo di pagamento digitale

di Redazione
PDF

Quando parliamo di F24 facciamo riferimento a un documento molto speciale: rappresenta il modello che i contribuenti, titolari e non di partita IVA, sono chiamati a compilare per effettuare il versamento di tasse, tributi e contributi. La sua introduzione risale al 1997, quando si decise di offrire un sistema nuovo non soltanto per semplificare ma anche per unificare i vari moduli che in precedenza erano utilizzati dagli utenti per pagare le tasse.

Il modello F24 è infatti detto unificato, visto che – grazie a una sola operazione – consente di effettuare il versamento di ogni somma dovuta. I modelli di F24 a disposizione sono 5 in tutto e ciascuno di essi viene impiegato per il versamento di particolari tributi. C’è quello ordinario, il semplificato, il modello Elide, quello accise e il predeterminato (in genere indicato come precompilato).

Digitalizzazione dei servizi e semplificazione della gestione contabile

Sappiamo bene quanto sia importante semplificare e fluidificare la gestione contabile specialmente nella routine di lavoro, in modo tale da favorire la crescita e lo sviluppo armonico del business sul medio e lungo periodo. Tutto questo è possibile grazie a nuovi metodi di pagamento digitali, il cui accesso è sempre più facilitato oltre che veloce e sicuro. Un aspetto che riguarda appunto anche il versamento dei principali tributi tramite F24.

La domanda di digitalizzazione dei servizi, specialmente dopo l’avvio della pandemia che ha modificato in modo importante la nostra routine e spesso limitato gli spostamenti, è sempre in crescita. E’ condivisa in particolar modo da imprese e professionisti, ecco perché una realtà 100% digitale come Qonto ha lanciato il servizio che consente di pagare F24 online grazie all’home banking. Come funziona? Qonto permette di effettuare il pagamento in modo veloce e in tutta sicurezza sia dell’F24 ordinario, che è il modello più comune tra i 5 e che consente di versare la gran parte di tasse e tributi, che dell’F24 semplificato (basterà ricondurlo a quello ordinario). Si può inoltre ricondurre al modello ordinario anche l’F24 precompilato, mentre invece gli F24 Elide e Accise sono i meno utilizzati in assoluto.

Qonto offre la possibilità di effettuare i versamenti anche via app

Qonto consente come detto di effettuare le diverse operazioni in modalità home banking: basterà scaricare e accedere all’app Qonto, fornendo le proprie credenziali, direttamente da computer. Gli admin, i titolari del conto e gli altri soggetti che abbiano l’accesso al conto stesso con il profilo da contabile potranno provvedere al pagamento degli F24 online in pochi e semplici clic (sia a credito che a debito). I professionisti e le PMI, grazie a Qonto, potranno andare a sostituire del tutto il conto corrente tradizionale e provvedere alla gestione quotidiana delle finanze in totale autonomia. Per poter recuperare le info e le ricevute relative agli F24, infine, non sarà più necessario accedere dal sito dell’Agenzia delle Entrate al proprio cassetto fiscale. Sempre tramite l’app di Qonto, via computer si potrà visualizzare la lista dei pagamenti e delle relative quietanze.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!