Esame avvocato 2017, tutti i risultati completi

Redazione 19/07/17
Scarica PDF Stampa
Ci siamo: sono finalmente stati resi disponibili i risultati di tutte le sedi delle prove scritte dell’esame avvocato 2017. Gli ultimi dati che mancavano all’appello, quelli della sede di Lecce, sono stati resi noti ieri: 553 concorrenti ammessi all’orale su un totale di 922 partecipanti, con una media del 59,57%. È quindi ora possibile presentare tutti i dati e tutte le percentuali degli aspiranti avvocati che hanno passato gli esami scritti e che a breve dovranno confrontarsi con il colloquio orale necessario per l’abilitazione forense.

 

Esame avvocato, arrivano gli ultimi dati: molto bene Lecce

Con l’arrivo dei dati della Corte d’Appello di Lecce, quindi, abbiamo i risultati completi di tutte le 26 sedi delle prove scritte dell’esame avvocato. E la città di Lecce, come accennato, non si posiziona affatto male nella classifica delle sedi con la percentuale di ammessi all’orale più alta: il 59,57% di candidati che hanno superato la prova scritta fa entrare Lecce tra le quattro città che hanno fatto meglio in tal senso, dopo le sole Brescia (prima con percentuale del 65,23%), Firenze e Caltanissetta.

Seguono, con risultati tutti intorno al 55%, le sedi di Cagliari, Catania, Palermo e Bologna. Da segnalare comunque che, tra le sedi con percentuali di ammessi all’orale alte o abbastanza alte, hanno visto partecipare un numero molto alto di candidati totali (superiore a 1.000) solo Firenze, Palermo e Bologna.

 

Volume consigliato:

Riforma penale guida commentata alla Legge 103/2017

Con la Legge 23 giugno 2017, n. 103 (G.U. n. 154 del 4 luglio 2017), il legislatore ha apportatosignificative modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario.  Attraverso un’analisi puntuale e tabelle di raffronto tra vecchia e nuova disciplina, questo nuovissimo Manuale fornisce un primo commento sistematico delle disposizioni contenute nella Riforma penale e approfondisce le numerose novità legislative introdotte sia dal punto di vista sostanziale che processuale, che hanno inciso su: • estinzione del reato per condotte riparatorie • modifiche ai limiti di pena per i delitti di scambio elettorale politico mafioso, furto, rapina ed estorsione • disciplina della prescrizione • incapacità dell’imputato a partecipare al processo, domicilio eletto, indagini preliminari, archiviazione • udienza preliminare, riti speciali, istruzione dibattimentale e struttura della sentenza di merito • semplificazione delle impugnazioni • organizzazione dell’ufficio del pubblico ministero. Chiarisce inoltre i temi più significativi della Riforma contenuti nelle deleghe al Governo sulla riforma della procedibilità per taluni reati, per il riordino di alcuni settori del codice penale e per una revisione della disciplina del casellario giudiziale penale, per la riforma del processo penale e dell’ordinamento penitenziario. Un’indispensabile Guida per il Professionista che deve orientarsi tra nuovi istituti e procedure.Nicola D’AngeloMagistrato, autore di testi di diritto, collabora su tematiche giuridiche con diverse riviste tra cui “Progetto sicurezza”, “Rivista Giuridica di Polizia” e “L’Ufficio Tecnico”, tutte pubblicate da Maggioli Editore.Antonio Di Tullio D’ElisiisAvvocato in Larino, autore di pubblicazioni cartacee e numerosi articoli su riviste giuridiche telematiche.

Antonio Di Tullio D’Elisiis, Nicola D’Angelo | 2017 Maggioli Editore

25.00 €  23.75 €

 

Le città più grandi sotto il 50%

Meno positivi, invece, i dati proveniente dalle città più grandi: Roma, Milano, Napoli e Torino.

Complice anche la partecipazione molto più massiccia che in altre sedi, Milano si assesta sul 50,15% di ammessi all’orale, Torino scende al 47,08% e Roma e Napoli addirittura al 39,90% e al 37,31%. Da un candidato su due a un candidato su tre, quindi: a Milano passano gli scritti 1.538 candidati su 3.067, a Torino 443 su 941, a Roma 1.190 aspiranti avvocati su 2.983 e a Napoli solo 1.643 su 4.403. Numeri assoluti più alti, quindi, ma su un livello di partecipazioni ben maggiore rispetto a quello dei centri più piccoli.

Chiudono Potenza, Trento e Campobasso

Fanno ancora peggio, in percentuale e in numeri assoluti, le sedi di Genova, Potenza, Trento e Campobasso. Se a Genova e Potenza  passano agli orali rispettivamente 172 candidati su 467 e 127 su 356, a Trento e Campobasso la partecipazione è stata davvero minima. A Trento, in particolare, hanno partecipato agli esami scritti solo 125 concorrenti, e sono stati ammessi agli orali solo in 40 (percentuale del 32%). A Campobasso, invece, i partecipanti sono stati 161 e gli ammessi 44, per una percentuale davvero bassa del 27,32%.

Elenchi ammessi all’orale, disponibile Genova

Presentiamo infine, per la visualizzazione e il download in formato PDF, gli elenchi già disponibili dei candidati ammessi agli orali nelle varie sedi. Negli ultimi giorni alle liste che già avevamo pubblicato si è aggiunta quella di Genova. Ecco i file:

  • Genova, 172 candidati ammessi;
  • Napoli, 1.643 candidati ammessi;
  • Firenze, 764 candidati ammessi;
  • Bologna, 921 candidati ammessi;
  • Palermo, 671 candidati ammessi;
  • Salerno, 521 candidati ammessi;
  • Catania, 535 candidati ammessi;
  • Bari, 507 candidati ammessi;
  • Caltanissetta, 185 candidati ammessi.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento