Esame avvocato 2017, risultati e liste ammessi: manca solo Lecce

Redazione 14/07/17
Scarica PDF Stampa
Sono ormai disponibili quasi tutti i risultati per ogni sede delle prove scritte dell’esame avvocato 2017, incluse le percentuali dei candidati che sono stati ammessi agli orali. L’unica eccezione è costituita dalla sede di Lecce, esaminata dalla commissione di Salerno, che è in ritardo nella comunicazione rispetto agli anni passati. Mentre si attende la pubblicazione degli ultimi dati, vediamo allora la situazione aggiornata per ogni sede, con allegate dove disponibili le liste dei candidati ammessi agli orali.

 

Roma, Milano, Napoli e Torino: passa meno di un candidato su due

Nelle sedi delle città più grandi, quelle che attirano il maggior numero di candidati, le percentuali di aspiranti avvocati ammessi alle prove orali non sono particolarmente alte. A Milano hanno superato gli scritti circa la metà dei candidati, 1.538 su 3.067, con una percentuale del 50,15%. A Torino la percentuale scende al 47,08%, leggermente in calo rispetto all’anno scorso. Fanno peggio Roma e Napoli, che scendono sotto la soglia del 40%: poco più di un candidato su tre.

Da segnalare, comunque, che in numeri assoluti Napoli, Milano e Roma restano comunque le sedi che porteranno più candidati all’orale. A Napoli sono stati ammessi alle prove finali ben 1.643 aspiranti avvocati, a Milano 1.538 e a Roma 1.190.

Migliori risultati a Brescia, peggiori a Campobasso e a Trento

Per quanto riguarda il resto d’Italia mancano, come accennato, solo i risultati di Lecce. La Corte d’Appello della città aveva comunicato i dati dell’Esame avvocato l’anno scorso il 6 luglio, ma quest’anno si trova leggermente in ritardo rispetto alle altre sedi.

Al di fuori delle grandi città, comunque, le percentuali migliori si fanno registrare a Brescia, dove sono stati ammessi ben 394 candidati su 604, con una percentuale del 65,23%. Molto bene anche Firenze, seconda con 764 candidati ammessi su 1.220, e Caltanissetta, che si piazza terza con percentuale del 62,08%. Seguono Cagliari, Catania, Palermo e Bologna.

Negativi, invece, i risultati di Genova, Potenza, Trento e Campobasso, tutti abbondantemente sotto il 40% di ammessi all’orale. A Campobasso e a Trento, in particolare, superano gli scritti solo 44 e 40 candidati.

Scarica gli elenchi degli ammessi all’orale

Rendiamo infine disponibili per il download gli elenchi dei candidati ammessi agli orali che sono già stati pubblicati dalle Corti d’Appello delle varie sedi.

  • Napoli, 1.643 candidati ammessi;
  • Firenze, 764 candidati ammessi;
  • Bologna, 921 candidati ammessi;
  • Palermo, 671 candidati ammessi;
  • Salerno, 521 candidati ammessi;
  • Catania, 535 candidati ammessi;
  • Bari, 507 candidati ammessi;
  • Caltanissetta, 185 candidati ammessi.

 

Volume consigliato:

Riforma penale guida commentata alla Legge 103/2017

Con la Legge 23 giugno 2017, n. 103 (G.U. n. 154 del 4 luglio 2017), il legislatore ha apportatosignificative modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario.  Attraverso un’analisi puntuale e tabelle di raffronto tra vecchia e nuova disciplina, questo nuovissimo Manuale fornisce un primo commento sistematico delle disposizioni contenute nella Riforma penale e approfondisce le numerose novità legislative introdotte sia dal punto di vista sostanziale che processuale, che hanno inciso su: • estinzione del reato per condotte riparatorie • modifiche ai limiti di pena per i delitti di scambio elettorale politico mafioso, furto, rapina ed estorsione • disciplina della prescrizione • incapacità dell’imputato a partecipare al processo, domicilio eletto, indagini preliminari, archiviazione • udienza preliminare, riti speciali, istruzione dibattimentale e struttura della sentenza di merito • semplificazione delle impugnazioni • organizzazione dell’ufficio del pubblico ministero. Chiarisce inoltre i temi più significativi della Riforma contenuti nelle deleghe al Governo sulla riforma della procedibilità per taluni reati, per il riordino di alcuni settori del codice penale e per una revisione della disciplina del casellario giudiziale penale, per la riforma del processo penale e dell’ordinamento penitenziario. Un’indispensabile Guida per il Professionista che deve orientarsi tra nuovi istituti e procedure.Nicola D’AngeloMagistrato, autore di testi di diritto, collabora su tematiche giuridiche con diverse riviste tra cui “Progetto sicurezza”, “Rivista Giuridica di Polizia” e “L’Ufficio Tecnico”, tutte pubblicate da Maggioli Editore.Antonio Di Tullio D’ElisiisAvvocato in Larino, autore di pubblicazioni cartacee e numerosi articoli su riviste giuridiche telematiche.

Antonio Di Tullio D’Elisiis, Nicola D’Angelo | 2017 Maggioli Editore

25.00 €  23.75 €

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento