Digital Services Act approvato in via definitiva: nuove regole

di Luisa Di Giacomo, Avv.
PDF

Finalmente, dopo gli accordi raggiunti tra Parlamento e Consiglio nel mese di aprile scorso, la nuova legge sui servizi digitali (Digital Services Act) è stata approvata in via definitiva. Ora è sufficiente attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale Europea perché finalmente siano stabilite regole chiare per le modalità di fornitura dei servizi digitali in tutto il territorio dell’Unione.

Si tratta di un Regolamento, che pertanto avrà carattere self executive, non necessitando di recepimento dagli Stati membri, ma presentandosi come direttamente e immediatamente applicabile.

I punti cardine del Regolamento sono in sintesi i seguenti:

  • Maggiori controlli e tracciabilità sugli operatori nei mercati online per garantire la sicurezza dei prodotti e dei servizi; nell’ambito di questi controlli verranno eseguite verifiche a campione e in modalità casuale per verificare la presenza di contenuti illegali;
  • Maggiore trasparenza e responsabilità delle piattaforme, che non potranno più farsi scudo di algoritmi misteriosi, ma al contrario dovranno effettuare disclosure per quanto riguarda la moderazione dei contenuti e le modalità di proposizione di contenuti mirati (algoritmi di profilazione degli utenti), nonché maggiore possibilità per gli utenti di contestare le decisioni delle piattaforme, che non saranno più insindacabili;
  • Divieto di pratiche ingannevoli e di alcuni tipi di pubblicità mirata, come quella rivolta ai minori e quella basata su dati appartenenti a categorie particolari e divieto dell’utilizzo di dark pattern, ovvero pratiche manipolatorie per orientare le scelte degli utenti senza trasparenza.
  • Prevenzione di rischi sistemici, quali la diffusione di contenuti illegali, e obbligo di sottoporsi ad audit indipendenti.

In sostanza e alla buon’ora, ciò che è illecito ed illegale nel mondo reale lo diventerà anche nel mondo online, con buona pace di chi ritiene che quello che succede sul web rimanga sul web e non esista o non abbia conseguenze nella vita vera. Il regolamento, si auspica, dovrebbe contribuire a rendere internet un posto non solo migliore, ma anche più sicuro per i propri utenti, specie se minori di età, con maggiore facilità di individuazione e denuncia di reati o comportamenti illeciti.

Inoltre, il Regolamento introduce un serie di innovazioni che riguardano le autorità amministrative, e per quanto riguarda il nostro Paese è presumibile che il controllo e la vigilanza sugli obblighi delle piattaforme venga affidato ad Agcom, l’Autorità Garante delle Comunicazioni, autority indipendente, a cui è affidato il duplice compito di assicurare la corretta competizione degli operatori sul mercato e di tutelare i consumi di libertà fondamentali degli utenti.

L’approvazione del Digital Services Act è un passo fondamentale per il percorso di responsabilizzazione intrapreso dalle Istituzioni europee nell’ambito dei servizi digitali e costituisce una garanzia per tutti gli utenti, non perché porti ad un controllo preventivo sui contenuti, che sarebbe intollerabile in una società veramente democratica e dove vige il diritto alla libertà di parola, di espressione e di ideologia, ma perché introduce il concetto di moderazione.

Inserendo regole e leggi, che valgono tanto per il mondo reale quanto per quello virtuale dove sempre più spesso si svolge la nostra quotidianità, sarà più facile tenere sotto controllo fenomeni odiosi quali il cyber bullismo, l’incitamento all’odio, il revenge porn ed altri utilizzi della rete abusanti, nocivi quando non proprio illegali.

Ebook consigliato

Dall'e-commerce al punto vendita on-line - e-Book in pdf

Dall'e-commerce al punto vendita on-line - e-Book in pdf

L’ebook affronta la nuova tematica della cybersecurity connessa al mondo privacy in relazione al web, approfondendo sia gli aspetti giuridici che quelli tecnici propri del marketing, offrendo un chiaro quadro della normativa e spunti interessanti per ,muoversi al meglio in rete.

 

Coordinatore Damiano Marinelli
Avvocato cassazionista, mediatore ed arbitro. Già Docente universitario, è Presidente dell’Associazione Legali Italiani (www.associazionelegaliitaliani.it) e Consigliere Nazionale dell’Unione Nazionale Consumatori. Specializzato in Diritto civile e commerciale, è autore di numerose pubblicazioni, nonché relatore in convegni e seminari (www.areaconsulenze.it - marinelli@areaconsulenze.it).

Damiano Marinelli, Chiara Gambelunghe, Daniele Giancola, Michele Spigarelli, 2021, Maggioli Editore
14.90 € 12.67 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

luisa-di-giacomo

Luisa Di Giacomo

Laureata in giurisprudenza a pieni voti nel 2001, avvocato dal 2005, ho studiato e lavorato nel Principato di Monaco e a New York. Dal 2012 mi occupo di compliance e protezione dati, nel 2016 ho conseguito il Master come Consulente Privacy e nel 2020 ho conseguito il titolo Maestro per la Protezione dei Dati e Data Protection Designer dell’Istituto Italiano per la Privacy. Mi occupo di protezione dei dati e Cybersecurity, sono docente e formatore per Maggioli s.p.a. e coordino la sezione Cybersecurity della pagina diritto.it. Sono Data Protection Officer e consulente per la protezione e sicurezza dei Dati in numerose società nel nord Italia. Ho una pagina Instagram e un Canale YouTube in cui parlo dell’importanza dei Dati e della Cybersecurity, con l'obiettivo di contribuire a diffondere una maggiore cultura e consapevolezza digitale. Mi piace definirmi Cyberavvocato. I miei social: LinkedIn Instagram YouTube


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e