Le Dat: chiarimenti sulle modalità di comunicazione e consegna

Dat: le modalità di comunicazione e gli adempimenti dei Comuni

Redazione

Versione PDF del documento

Dat: i chiarimenti del Ministero dell’Interno

Il Ministero dell’Interno è intervenuto con una circolare in materia di Dat in quanto, dopo le novità introdotte con la legge sul biotestamento, molte perplessità sono sorte sulle questioni di carattere pratico e operativo, cui sono tenuti gli uffici pubblici deputati al ricevimento delle disposizioni anticipate di trattamento terapeutico. La circolare è la numero 1 del 2018 con cui il Ministero ha chiarito che i Comuni sono tenuti a ricevere solo le dichiarazioni dei propri residenti. Le disposizioni devono essere presentate personalmente dall’interessato e da questo sottoscritte. Peraltro, gli uffici non hanno alcun ruolo nella stesura delle dichiarazioni ma devono limitarsi a riceverle, dopo aver verificato l’identità e la residenza della persona che le presente in consegna.

Al momento della presentazione, l’ufficio è tenuto a rilasciare una ricevuta contenente le generalità dell’interessato, timbro e firma dell’ufficio stesso; la ricevuta potrà essere rilasciata altresì in copia, con consegna dell’originale al funzionario pubblico.

Dichiarazioni anticipate di trattamento e diritto alla privacy

Le dichiarazioni anticipate, nel momento in cui vengono consegnate ad un soggetto pubblico, entrano nella disponibilità di un soggetto diverso dal titolare e, dunque, sono sottoposte ad un trattamento che deve rispettare le previsioni normative in materia di diritto alla riservatezza. La legge sul biotestamento e le Dat nulla prescrive né in relazione a uno specifico registro da tenere, né in riferimento alle modalità di trattamento delle stesse. E’ rimessa dunque al singolo Comune, l’organizzazione in tal senso delle attività da espletare in relazione a questi nuovi compiti attribuiti agli uffici di stato civile.

La circolare richiede inoltre collaborazione tra le diverse anagrafi, soprattutto in relazione alle ipotesi di trasferimento del soggetto interessato e delle possibilità di revoca e modifica delle disposizione precedentemente rilasciate. Le amministrazioni dovranno garantire la conservazione delle dichiarazioni ultime e aggiornate alla volontà del titolare delle dichiarazioni stesse.

Infine, si è a doggi in attesa del regolamento del Ministero della Salute per quanto concerne la trasmissione delle Dat alle strutture sanitarie; sul punto sarà attivata la conferenza Stato-regioni ed è previsto il parere favorevole del Garante per la privacy.

Potrebbe interessarti anche Biotestamento e consenso: le disposizioni anticipate di trattamento

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!