Danno non patrimoniale: le nuove tabelle di Roma del 2019

Danno non patrimoniale: le nuove tabelle di Roma

di Redazione

Versione PDF del documento

Il Tribunale di Roma ha pubblicato le nuove tabelle per la valutazione e quantificazione del risarcimento del danno non patrimoniale.

La sentenza n. 7197 del 2018

Con la pronuncia n. 7197 del 28.12.2018, il Presidente del Tribunale romano ha motivato quali sono le ragioni per cui non è più possibile utilizzare le tabelle dell’Osservatorio di Milano sul calcolo del danno non patrimoniale.

Nella stessa nota, il Tribunale ordinario di Roma ha chiarito che non è in contestazione l’utilizzazione del punto tabellare base, fissato dal Tribunale di Milano, bensì le modalità di costruzione della tabella relativamente; motivando in maniera analitica tutte le diverse ipotesi di danno.

Ecco l’elenco di alcuni punti trattati nella sentenza:

a) incremento del valore del punto in considerazione;
b) gravità dei postumi;
c) parametro impiegato per la determinazione del danno morale;
d) criterio utilizzato per la determinazione della personalizzazione, oltre ai criteri utilizzati per il danno parentale o il danno da morte per altra causa che appaiono contrastare l’esigenza di prevedibilità della decisione a cui si era ispirata anche la sentenza della Cassazione del 2011 n. 12408
.

Il danno biologico

Il calcolo del danno biologico di tipo permanente, è stato aumentato fino al 40%, ovvero la stessa percentuale prevista dal tribunale , eliminando così la precedente disparità di trattamento tra le due tabelle e determinando in tal modo, un sistema omogeneo di conteggio a livello nazionale.Vengono indicati, inoltre nelle tabelle, i criteri applicati alle categorie di: danno biologico permanente e temporaneo, danno morale o soggettivo, danno parentale, decesso per causa diversa, danno catastrofale biologico e morale.

Sono state, altresì, aggiunte le categorie di danno catastrofale biologico e di danno morale, prima non contemplate, con l’indicazione di precisi criteri di calcolo ai fini del risarcimento.

Il tutto aggiornato con la rivalutazione Istat per il danno biologico permanente e temporaneo.

Via libera dell’Inail alla nuova Tabella di indennizzo del danno biologico in capitale approvata, per il triennio 2019-2019, dal decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali 23 aprile 2019, n. 45 (sotto allegato), che sostituisce quella in vigore ai sensi del D.M.del 12 luglio 2000.
Come precisato dall’Inail nella circolare n. 27/2019 (sotto allegata), la nuova tabella per gli indennizzi in capitale fa seguito al decreto ministeriale 22 novembre 2016, con cui sono state approvate le tabelle dei nuovi coefficienti di capitalizzazione delle rendite di inabilità e di quelle a favore dei superstiti che hanno sostituito quelle approvate con decreto ministeriale del 1° aprile 2008 e alla legge di bilancio di quest’anno (n. 145/2018), che ha regolato gli effetti sulla finanza pubblica della revisione delle Tariffe dell’Istituto e i miglioramenti delle prestazioni.

Volume consigliato

I danni non patrimoniali

I danni non patrimoniali

Gianluca Pascale, 2019, Maggioli Editore

Nel tempo, la normativa in materia di risarcimento del danno non patrimoniale è stata interpretata dalla giurisprudenza per adeguare la disciplina prevista dal Legislatore alle necessità concrete delle aule di giustizia. I Giudici, con le loro sentenze, hanno dovuto colmare i vuoti...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it