Coronavirus, proroga stato di emergenza fino a marzo 2022

di Redazione

Si lavora a una ulteriore proroga dello stato di emergenza in scadenza il 31 dicembre 2021.

L’ipotesi sarebbe quella di prorogare l’emergenza fino a marzo 2022.

Il governo ha messo a punto una strategia per fronteggiare la quarta ondata dell’epidemia di Covid-19, cercando di evitare le misure restrittive introdotte in passato. Il piano prevede l’estensione della validità Green pass per 12 mesi fino all’estate, la riapertura degli hub vaccinali per la somministrazione della terza dose e chiusure “controllate” in base al cambio di fascia delle Regioni.

Zona gialla alle porte: le regioni a rischio.

Innanzitutto, l’emergenza necessita di una norma primaria per essere prorogata. E questo perché la sua durata “non può superare i 12 mesi, ed è prorogabile per non più di ulteriori 12 mesi“. Solo che la prima volta, il 31 gennaio 2020, la misura è stata deliberata per soli sei mesi e quindi confermata per un anno il 31 luglio successivo.

Cosa prevede lo stato di emergenza?

Cosa comporta lo stato di emergenza: dall’obbligo di mascherina al distanziamento, dai protocolli sul lavoro all’incentivo allo smartworking.

A livello giuridico, se viene prorogato il provvedimento la Protezione Civile potrà continuare a emettere ordinanze così poter agire con urgenza e con poteri straordinari per tutelare i cittadini.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it