Continui allagamenti nel palazzo non comunicati dal venditore: l’acquirente può annullare il contratto?

Scarica PDF Stampa
L’acquirente di un appartamento facente parte di un caseggiato con gravi problemi che incidono sul piano della staticità dell’edificio può chiedere l’annullamento del contratto di compravendita se il venditore ha omesso di comunicare le reali condizioni del palazzo.

Riferimenti normativi: artt. 1427 c.c.; 1429 c.c.

Precedenti giurisprudenziali: Cass. civ., Sez. II, Sentenza n. 21094 del 27/11/2012

La vicenda

L’acquirente di un appartamento in condominio solo in occasione della prima assemblea condominiale scopriva l’esistenza di un vizio dello stabile; infatti il palazzo era interessato da un significativo e permanente allagamento dei due piani interrati di proprietà di una società, allagamento di gravità tale da compromettere la staticità dell’intero edificio. Del resto l’autorità comunale aveva ordinato diversi interventi da eseguire (mai realizzati). L’acquirente era convinta che, in palese violazione degli obblighi di buona fede contrattuale, parte venditrice in occasione della conclusione della compravendita avesse volutamente omesso di far presente la grave situazione. Successivamente avviava un procedimento di A.T.P. nell’ambito del quale emergeva come la permanenza continua in acqua di falda da più di trent’anni delle strutture di fondazione del palazzo richiedesse l’intervento di opere di rinforzo e di risanamento. Alla luce di quanto sopra, l’acquirente citava la venditrice ed il condominio richiedendo, tra l’altro, l’annullamento del contratto di compravendita per errore essenziale con conseguente condanna della parte venditrice alla restituzione della somma versata a titolo di prezzo di acquisto dell’immobile, delle spese notarili e di quelle di agenzia; in via subordinata ed in accoglimento dell’azione di riduzione, la condanna alla restituzione di una somma, a titolo di riduzione del prezzo di acquisto dell’immobile; in ogni caso, la condanna dei convenuti al pagamento delle spese relative al procedimento di ATP.

La questione

Se il venditore non comunica i continui allagamenti a cui è soggetto il palazzo dove si trova l’appartamento oggetto di compravendita l’acquirente può chiedere la risoluzione del contratto?

La soluzione

Il Tribunale ha accolto la richiesta di annullamento del contratto.

Secondo lo stesso giudice l’acquirente è caduto in un errore essenziale circa le qualità del bene oggetto di trasferimento, ossia circa le qualità delle parti comuni dello stabile in cui risulta ubicato l’immobile compravenduto. In altre parole il giudice piemontese è convinto che se l’acquirente avesse saputo dei gravi fenomeni di allagamento continuo, protraentesi da oltre trent’anni, di alcune parti comuni dell’edificio, tali da rendere necessari ed indispensabili interventi di rinforzo e di risanamento delle strutture portanti dell’edificio, nonché dei numerosissimi provvedimenti adottati dall’autorità comunale con cui erano state impartite prescrizioni ed erano stati ordinati interventi da eseguire, non avrebbe perfezionato l’atto di acquisto; del resto l’errore, oltre che essenziale, era anche riconoscibile dall’altro contraente (cioè dalla venditrice), adoperando la normale diligenza. A tale proposito il Tribunale sottolinea che, in una riunione assembleare, a cui era presente, seppur per delega, la convenuta (la quale, peraltro, non risulta abbia mai impugnato o contestato, nelle opportune sedi, detto verbale assembleare), era stata appunto discussa, tra le altre, proprio la problematica relativa alle falde acquifere ed alle ordinanze ingiunzioni delle autorità amministrative.

Le riflessioni conclusive

Merita di essere aggiunti che la convenuta venditrice aveva sua volta, chiamato in causa il condominio per farsi manlevare dalle conseguenze eventualmente negative dell’azione subita. In particolare ha rilevato a l’inerzia dei condomini, protratta negli anni, nel provvedere alla esecuzione degli interventi necessari ad eliminare il fenomeno di allagamento continuo, interessante alcune parti comuni del fabbricato e la proprietà di un condomino.

Tuttavia la conseguenza dell’annullamento del contratto è dipesa non già, di per sé, dalle problematiche riscontrate nel fabbricato che rendono obbligatori e necessari, tra gli altri, interventi di rinforzo e di risanamento delle strutture portanti dell’edificio (non eseguiti in precedenza), quanto piuttosto per non aver informato il compratore di tali circostanze così a incidere, alterando, sul processo di formazione della volontà.

In altre parole in tal senso, non si comprende per quale ragione la collettività condominiale possa essere ritenuta responsabile delle conseguenze derivanti dal comportamento della venditrice la quale, in ragione del principio di buona fede, avrebbe potuto e dovuto semplicemente informare la propria controparte della grave situazione del palazzo. Si comprende quindi perché il Tribunale di Torino abbia rigettato la domanda di manleva svolta dalla convenuta.

Volumi consigliati:

Manuale operativo del condominio

Il volume risulta essere unico nel suo genere nel panorama editoriale. Nella filosofia Maggioli il testo è stato concepito per essere fruito rapidamente da operatori del settore e non, fino a fornire nozioni giuridiche sempre con finalità pratiche. La tematica condominiale è solita essere analizzata con poca attenzione ma oggi è stata trattata come una vera e propria branca del diritto civile e come tale merita di essere esaminata completamente. Dalla lettura dei singoli capitoli emergono chiari i concetti e lo stile esplicativo raggiunge l’obiettivo di implementare la conoscenza individuale. L’opera riesce a dare una nozione completa e non vi è argomento che sia trattato parzialmente. Infatti dopo l’inquadramento del condominio e delle proprietà dello stesso si passa alla trattazione dei rapporti tra condominio e terzi e tra i condomini, fino ad avere chiarezza sulla ripartizione delle spese e sulle tabelle millesimali, con la esaustiva trattazione della figura dell’amministratore, sui vizi delle assemblee e sulla modalità della videosorveglianza. L’appendice a cura del Presidente della ASS.I.A.C., Concetta Cinque, esamina le possibilità che l’ordinamento concede ai condomini per svolgere le assemblee sotto l’emergenza sanitaria legata al Covid-19. Il testo risulta un vero e proprio strumento indispensabile per chi vuole o deve essere sempre aggiornato sul condominio. La formula unica dell’esposizione delle tematiche fa di quest’opera un fondamentale compagno per il “viaggio lavorativo” ed un prezioso testo formativo, necessario ad ogni livello di conoscenza.   Massimo SerraCuratore e Coautore dell’opera, Avvocato Cassazionista del Foro di Roma, titolare e fondatore dello studio legale S.L.S., con esperienza ultra ventennale nel settore condominiale e dei diritti reali in genere. Cultore di diritto privato e formatore in seminari specialistici con riguardo alla figura dell’avvocato nella difesa del condominio e relazioni tra difesa, amministratore, controparte e condomini. Docente in scuole, centri di studi giuridici di diritto privato e penale e membro del comitato editoriale di rivistasul diritto dell’internet. Esperto di riscossione del credito con pubblicazioni sul credito condominiale e sulla solvibilità del condominio. Partecipazione in qualità di relatore aconferenze sulla mediazione e sulla negoziazione assistita in ambito condominiale. Partecipazione ad appuntamenti di studio. Ha curato il manuale del condominio oltre a pubblicare monografie ed edizioni scientifiche sullo stesso tema ed altri istituti collegati e connessi quali la multiproprietà, la comunione, la locazione, gli appalti e la responsabilità nel mandato.

Massimo Serra (a cura di) | 2020 Maggioli Editore

54.00 €  51.30 €

Il regolamento di condominio

Il presente volume si prefigge l’obiettivo di illustrare, in modo semplice e completo, la disciplina relativa al regolamento di condominio e alle tabelle millesimali e le conclusioni a cui è pervenuta la giurisprudenza più significativa, fornendo una pratica guida per quanti, per ragioni professionali, vogliono avere la piena comprensione della realtà condominiale.L’opera offre una esaustiva trattazione dell’argomento, dedicando, tra gli altri, capitoli specifici a questioni di stretta operatività quotidiana legate al regolamento, come la distinzione tra clausole contrattuali e clausole regolamentari, le parti comuni, le spese condominiali, la limitazione della proprietà esclusiva, immissioni moleste e decoro, sanzioni e risoluzione delle controversie.Al volume è associata, oltre a un dettagliato indice analitico per il facile reperimento delle informazioni, una ricca documentazione online che comprende gli schemi di regolamento condominiale e utili fogli di calcolo Excel per la determinazione delle tabelle millesimali e la relativa relazione di calcolo.Giuseppe BordolliMediatore e docente in corsi di formazione per le professioni immobiliari, è esperto di Diritto immobiliare con pluriennale esperienza in attività di consulenza per amministrazioni condominiali e società di intermediazione immobiliare. È collaboratore del Quotidiano condominio 24 ore, di Diritto.it e di varie riviste di diritto immobiliare. Autore di numerose pubblicazioni in materia.

Giuseppe Bordolli | 2020 Maggioli Editore

39.00 €  37.05 €

Sentenza collegata

116049-1.pdf 198kB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento