Concorso Referendario Tar: banditi 40 posti

Concorso Referendario Tar: banditi 40 posti

di Redazione

Versione PDF del documento

Approvato con decreto del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri  del 12 Agosto 2019, il bando di Concorso Giustizia Amministrativa per l’assunzione di 40 referendari di Tribunale Amministrativo Regionale del ruolo della magistratura amministrativa è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale .

Vediamo chi partecipa, quando inviare la domanda e le prove di selezione.

Novità sui Concorsi Pubblici

Concorso Giustizia Amministrativa 2019: chi partecipa

Sono ammessi a partecipare al Concorso gli appartenenti alle seguenti categorie:

  • Magistrati ordinari, nominati a seguito di concorso per esami, con 18 mesi di tirocinio valutati positivamente;
  • Magistrati contabili e della Giustizia Militare con qualifica equiparata al precedente;
  • Avvocati dello Stato e Procuratori dello Stato alla II classe di stipendio;
  • dipendenti dello Stato con laurea in Giurisprudenza e ufficiali militari con almeno 5 anni di anzianità di servizio nelle suddette categorie;
  • Docenti universitari di ruolo nelle materie giuridiche e ricercatori con almeno 5 anni di servizio;
  • dipendenti delle Regioni, Enti Pubblici a carattere nazionale ed Enti Locali con laurea in Giurisprudenza e almeno 5 anni di anzianità nelle qualifiche dirigenziali ammesse;
  • Avvocati iscritti al relativo albo da almeno 8 anni;
  • Consiglieri Regionali, Provinciali e Comunali con laurea in Giurisprudenza ed esperienza di 5 anni.

Leggi il bando

I requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande. La verifica sulla veridicità dei titoli e delle dichiarazioni verrà fatta successivamente alle prove: i candidati verranno ammessi con riserva alla procedura di selezione.

Concorso Giustizia Amministrativa 2019: invio domande

La domanda di partecipazione e i relativi documenti devono essere inviati entro le ore 17 del 9 Novembre 2019 mediante la procedura telematica attivata sul sito concorsionline.corteconti.it.

Candidati qui

Differenti modalità di trasmissione della domanda sono previste solamente nei casi di cui all’art. 2 comma 3 del bando.

In fase di compilazione ogni candidato dovrà dichiarare la propria volontà a sostenere la prova facoltativa di lingua straniera.

Concorso Giustizia Amministrativa 2019: prove

La procedura selettiva prevede lo svolgimento di 4 prove scritte e una prova orale.

Le prove scritte mirano a verificare la conoscenza del candidato su diritto privato, diritto amministrativo, scienza delle finanze e diritto finanziario.

In particolare, ogni prova si concentrerà su un diverso tema. Tre saranno i temi teorici e uno pratico:

  1. diritto privato (teorico)
  2. diritto amministrativo (teorico);
  3. scienza delle finanze e diritto finanziario (teorico);
  4. diritto amministrativo (pratico).

La prova orale invece, verte sulle materie delle prove scritte e sulle seguenti:

  • diritto costituzionale;
  • diritto penale;
  • diritto processuale civile e penale;
  • diritto internazionale pubblico e privato;
  • diritto del lavoro;
  • economia politica.

Anche la prova facoltativa di lingua straniera, di cui si deve dichiarare la partecipazione in fase di domanda, consisterà in un orale.

Nella Gazzetta Ufficiale 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» del 10 dicembre 2019 verranno resi noti il diario e la sede delle prove scritte.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it