Concorso Consiglio di Stato: banditi 2 posti

Concorso Consiglio di Stato: banditi 2 posti

Redazione

Versione PDF del documento

 

è stato bandito e pubblicato in Gazzetta Ufficiale un concorso per due posti presso il Consiglio di Stato.

La Commissione esaminatrice

La  Commissione esaminatrice  è composta dal Presidente del Consiglio di Stato, che la presiede, da due Presidenti di Sezione del Consiglio di Stato, da un Presidente di Sezione della Corte Suprema di Cassazione e da un professore ordinario di diritto privato di  una delle Università statali di Roma.

Per le prove facoltative di lingue straniere, la  commissione  e’ integrata, ove occorra, con membri aggiunti esperti in ciascuna delle lingue che sono oggetto di esame.

I componenti ed il segretario della Commissione saranno nominati con successivo provvedimento.

La Commissione esaminatrice procede,  previa  determinazione  dei criteri di massima, all’esame dei titoli per la valutazione dei quali ogni commissario dispone di dieci punti. Non  può partecipare  alle prove di esame il candidato che non abbia ottenuto almeno venticinque punti nella valutazione del complesso dei titoli.

Completa la preparazione con i nostri volumi aggiornati

Il contenzioso su appalti e contratti pubblici

Il contenzioso su appalti e contratti pubblici

Elio Guarnaccia, 2019, Maggioli Editore

Il testo intende fornire un quadro completo di tutti i rimedi, giurisdizionali e non, alle controversie nascenti in materia di appalti pubblici, sia nel corso di svolgimento della procedura di gara e fino all’aggiudicazione, sia nella successiva fase di esecuzione del contratto di appalto....



La responsabilità amministrativa degli enti

La responsabilità amministrativa degli enti

Vincenzo Apa, Giovanni Caruso, Piercarlo Felice, Damiano Marinelli, 2019, Maggioli Editore

Il modello di organizzazione e gestione (o “modello ex D.Lgs. n. 231/2001”) adottato da persona giuridica, società od associazione privi di personalità giuridica, è volto a prevenire la responsabilità degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti...



Le prove di esame

Gli esami comprendono cinque prove scritte e una prova orale.

Le prove scritte consistono nello  svolgimento  di  cinque  temi, quattro teorici ed uno pratico, sulle seguenti materie:

1) diritto civile e commerciale, con riferimenti al diritto romano;

2)  diritto  internazionale  pubblico e  privato e diritto dell’Unione europea;

3) diritto amministrativo (prova teorica);

4) diritto amministrativo (prova pratica);

5) scienza delle finanze e diritto finanziario.

Durante le prove scritte sarà consentita ai  candidati  soltanto la consultazione di codici, leggi ed altri atti normativi in edizione senza note, richiami dottrinali o giurisprudenziali, che siano  stati preventivamente consegnati alla Commissione esaminatrice e da questa verificati.

Si applicano le norme relative al concorso per l’accesso alla magistratura ordinaria di cui all’art. 1 del decreto  del  Presidente della Repubblica 31 maggio 1965, n. 617 e all’art. 1 del decreto del Presidente della Repubblica  7  febbraio  1949,  n.  28,  per  quanto concerne il raggruppamento in un’unica busta delle buste contenenti gli elaborati stessi e l’assegnazione contemporanea a  ciascuno del singolo punteggio.

Ai fini della valutazione delle prove scritte, ogni commissario dispone di dieci punti per ciascuna delle prove scritte.

Sono ammessi alla prova orale i candidati i quali abbiano riportato una media di almeno quaranta cinquantesimi  nel complesso delle prove scritte, purchè in nessuna di  esse  abbiano conseguito meno di trentacinque cinquantesimi.

La prova orale obbligatoria verte, oltre che sulle materie  delle prove scritte, sul diritto costituzionale, sul diritto ecclesiastico, sul diritto del  lavoro,  sul  diritto  pubblico  dell’economia,  sul diritto penale, sul  diritto  processuale  civile,  amministrativo  e penale, sul diritto  della  navigazione,  sulla  storia  del  diritto italiano con riferimenti al diritto comune, sull’economia politica  e sulla politica economica e finanziaria.

La prova orale facoltativa verte su due lingue straniere a scelta del candidato tra le lingue francese, inglese, tedesca e spagnola.

Nella prova orale, i  candidati  devono  riportare  non  meno  di quaranta punti.

Con  apposito  avviso,  che  sara’  pubblicato   nella   Gazzetta Ufficiale  della  Repubblica  italiana  n.  86 del  29  ottobre  2019 verranno resi noti la sede, i giorni e l’ora in cui si svolgeranno le prove scritte.

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it