Concorso Cancellieri, date: quando, dove e come

Concorso Cancellieri, date: quando, dove e come

di Redazione

Versione PDF del documento

Ieri, nel tardo pomeriggio, sono state pubblicate le date delle prove preselettive del Concorso Cancellieri 2017. Infatti, il Ministero della Giustizia ha finalmente rivelato le indicazioni relative a luogo e date del Concorso, nonché le istruzioni di partecipazione e compilazione della prova preselettiva. Altre informazioni utili verranno aggiunte prossimamente sul sito ufficiale https://www.giustizia.it.

 

Leggi qui l’articolo con le ultime novità sul Concorso Cancellieri.

 

Concorso Cancellieri date: quando?

Le prove preselettive del concorso pubblico si svolgeranno dall’8 al 24 maggio 2017: tutti i candidati sono stati ripartiti in diverse giornate, a fronte del loro elevato numero (più di 300 mila); è stato seguito l’ordine alfabetico dei cognomi, e la data in cui si risulta iscritti non può in alcun modo essere modificata. Chiunque si presenti in una data diversa da quella a cui è stato assegnato, infatti, non potrà sostenere la prova preselettiva, perdendo di fatto la possibilità di vincere il concorso.

 

Concorso Cancellieri: dove?

Grazie alla suddivisione in diverse giornate, il luogo di svolgimento della prova preselettiva sarà unico, presso la Fiera di Roma, Via A.G. Eiffel (traversa Via Portuense), ingresso Nord – ROMA. L’unica differenza è costituita dai padiglioni, diversi a seconda delle giornate. Inoltre, sul sito istituzionale del Ministero della Giustizia, all’indirizzo , saranno fornite ulteriori indicazioni di natura logistica e indicazioni per raggiungere la predetta sede.

 

Leggi qui l’importantissima sentenza del TAR sul Concorso Cancellieri: l’assenza di posti per i dipendenti del Ministero è discriminatoria?

 

Cosa portare all’esame

Come più volte ricordato, è necessario che il candidato sia munito di documento di identità valido o altri documenti identificativi (esplicitati all’interno della pubblicazione), nonché della ricevuta di invio della domanda di partecipazione. In caso contrario, gli sarà inibito non solo l’accesso alla sede d’esame, ma la complessiva partecipazione al concorso. A proposito di ciò, nonostante il sistema di stampa della ricevuta di iscrizione fosse stato chiuso, dal 4 aprile è nuovamente accessibile, solo ai fini di consultazione e, appunto, stampa della domanda. È assolutamente vietata l’introduzione di apparecchi informatici, di registrazione e trasmissione di dati, quali smartphone, tablet, registratori.

Particolari modalità d’accesso sono riservate ai soggetti diversamente abili, come riportato all’art. 2 del decreto di ieri.

 

La prova: come si svolgerà?

La prova preselettiva sarà esclusivamente svolta al computer, e consiste nella risposta a 50 quesiti che vertono su elementi di diritto pubblico ed elementi di diritto amministrativo. Il candidato avrà una rosa di tre soluzioni, di cui solo una sarà la risposta corretta. Per evitare copiature, un sistema informatico provvederà a porre in ordine diverso i 50 quesiti della prova per ciascun candidato. Complessivamente, l’esame durerà 45 minuti, con le sole eccezioni previste dalla legge e dal bando, ma comunque non oltre i 75 minuti. Per ogni risposta esatta sarà assegnato 1 punto; per ogni risposta errata saranno sottratti 0,35 punti; per ogni risposta non data saranno sottratti 0,15 punti. Solo una, delle tre possibilità, è la risposta corretta.

 

Anteprima dei quiz: la banca dati

Il Ministero metterà a disposizione sul proprio sito istituzionale una banca dati contenente numerose domande d’esame, dalle quali saranno estratte le 50 del concorso. Tuttavia, il sistema, consultabile dal candidato iscritto, sarà accessibile solo dal 20 aprile al 6 maggio 2017.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!