Class action e associazioni di consumatori

Redazione 17/05/11
Scarica PDF Stampa
Con ordinanza del 28 aprile scorso, il Tribunale di Torino ha dichiarato inammissibile la class action proposta da alcuni consumatori per il tramite di un’associazione consumeristica contro un noto gruppo bancario italiano.

Secondo il Giudice, la procura conferiva all’associazione esclusivamente poteri di rappresentanza processuale in violazione del principio contenuto all’art. 77 c.p.c., in forza del quale non è possibile attribuire poteri di rappresentanza processuale ad un soggetto se lo stesso non è munito dei corrispondenti poteri di rappresentanza sostanziale.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento