Canone Rai: l’autocertificazione va inviata entro dicembre 2016

Canone Rai: l’autocertificazione va inviata entro dicembre 2016

di Redazione

Versione PDF del documento

Cerchi un commercialista? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!

 

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto ieri con un comunicato stampa che l’autocertificazione per l’esonero dal pagamento del canone Rai andrebbe presentata entro la fine di dicembre 2016, anche se scade solo il 31 gennaio 2017. Chi non possiede una televisione in casa, in sostanza, dovrebbe affrettarsi a dichiararlo entro la fine dell’anno o potrebbe essere costretto a pagare prima e chiedere il rimborso dopo.

Vediamo allora cosa bisogna fare per essere esonerati dal pagamento del canone Rai.

 

Scarica il modulo di autocertificazione per l’esenzione dal canone Rai.

 

Qual è la data di scadenza dell’autocertificazione?

La dichiarazione di non detenzione della televisione che permette di essere esonerati dal pagamento del canone Rai va inviata entro la scadenza del 31 gennaio 2017.

Tuttavia, il comunicato stampa diffuso dall’Agenzia delle Entrate invita caldamente i contribuenti interessati a inviare la dichiarazione entro la fine di dicembre 2016. Questo perché, come si specifica nella nota, chi paga troppo a ridosso della scadenza potrebbe non essere incluso nell’esenzione in prima battuta e sarebbe dunque costretto a chiedere il rimborso.

Il comunicato specifica anche che in caso di invio della dichiarazione tramite posta ordinaria i contribuenti dovrebbero provvedere entro il 20 dicembre.

 

Come funziona l’autocertificazione per l’esonero dal canone?

I contribuenti che non possiedono un apparecchio televisivo, così come coloro che hanno ricevuto la bolletta per errore due volte perché intestata a due membri della stessa famiglia e i cittadini ultra 75enni con reddito inferiore a 6713,98 euro non sono obbligati a pagare il canone Rai.

I cittadini che non sono tenuti al pagamento del canone Rai devono comunicarlo all’Agenzia delle Entrate inviando l’autocertificazione in allegato, tramite internet o raccomandata a.r., tra il 1° luglio dell’anno precedente e il 31 gennaio dell’anno per il quale si vuole essere esentati.

Ricordiamo che la certificazione di non possesso della televisione deve essere inviata ogni anno.

 

A che indirizzo va inviata l’autocertificazione?

L’autocertificazione può essere inviata direttamente online sul sito internet dell’Agenzie delle Entrate, utilizzando le credenziali personali Fisconline o Entratel.

In alternativa, è possibile inviare l’autocertificazione per l’esonero, unitamente a un documento di riconoscimento, tramite posta in plico raccomandato senza busta all’indirizzo “Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino”.

 

Come funziona il pagamento del rimborso?

I contribuenti ai quali l’Agenzia delle Entrate ha addebitato per errore il pagamento del canone Rai, e che sono stati costretti a saldare l’addebito in prima istanza, per riottenere la somma spesa devono compilare l’apposito modello messo a disposizione sul sito dell’Agenzia.

Il modello è diviso in tre parti principali: una prima relativa ai dati del dichiarante, una seconda che concerne più direttamente la richiesta di rimborso e una terza nel quale bisogna indicare la motivazione specifica della richiesta.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!