Bici senza campanello? Fino a 100 euro di multa

di Redazione
PDF
bicicletta multa

Attenzione a rispettare tutte le regole del Codice della strada, anche quando si va in bici: viaggiare su due ruote senza campanello può infatti costare dai 25 ai 100 euro di multa. Questo, come ha scoperto suo malgrado un ciclista di Riccione, anche se si subisce un incidente. Sono in realtà, a ben vedere, diverse le norme a cui i ciclisti devono attenersi se vogliono evitare sanzioni: è sbagliato pensare che gli obblighi riguardino solo automobili e moto. Vediamo allora a cosa bisogna stare attenti.

 

Sanzioni per chi viaggia senza campanello

Ha suscitato stupore in questi giorni il caso di un anziano ciclista, membro del Velo Club di Riccione, che ha dovuto pagare una multa di 25 euro perché stava viaggiando in bici senza campanello. A maggior ragione per il fatto che l’uomo aveva appena subito un incidente nello scontro con un automobilista che lo aveva investito. Il torto dell’incidente è dell’automobilista, che ha tagliato la strada alla bici, ma il ciclista ha dovuto comunque pagare la sanzione di 25 euro.

E molto sorpresa, incidente o meno, sarebbe anche la grande maggioranza degli altri ciclisti italiani, di fronte a una simile contestazione. Eppure la norma, per quanto poco nota, esiste e va rispettata.

 

Volume consigliato:

Manuale pratico di infortunistica stradale

Manuale pratico di infortunistica stradale

Un manuale dal taglio pratico e operativo che, con formulario e giu- risprudenza, risponde alle esigenze dei professionisti quotidianamente alle prese con la composita e complessa disciplina della responsabilità da circolazione stradale. Avvocati, Magistrati, Periti, Consulenti e Assicuratori troveranno in questo volume un supporto utile nell’esercizio della propria attività, anche attraverso le risposte che la giurisprudenza ha fornito ai molti dubbi interpretativi sorti in materia nel corso degli anni. L’opera risulta infatti aggiornata alle più recenti pronunce giurisprudenziali e novità legislative, tra le quali si segnala il decreto ministeriale 19 luglio 2016 di aggiornamento delle tabelle del danno biologico di lieve entità. I primi due capitoli sono dedicati alla procedura stragiudiziale e alla procedura giudiziale per il risarcimento danni. A seguire sono trattati i seguenti temi:
- rilevazione dell’incidente stradale e precostituzione della prova;
- responsabilità ex art. 2054 c.c.;
- sistema dell’assicurazione obbligatoria;
- risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale;
- prescrizione del diritto al risarcimento danni;
- tutela del terzo trasportato.

La seconda parte del testo esamina singole fattispecie di rilevante interesse, quali:
- sinistri stradali occorsi in Italia con veicoli immatricolati all’estero;
- sinistri occorsi all’estero;
- Fondo di garanzia per le vittime della strada;
- responsabilità del produttore per i difetti di costruzione. L’ultimo capitolo è una trattazione chiara ed esauriente dei profili penali e processualpenalistici connessi alla circolazione stradale. Ciascun capitolo è completato da un formulario che permette l’im- mediata traduzione sul piano pratico degli argomenti affrontati. 

Tutte le formule sono anche disponibili sul Cd-Rom allegato, in for- mato editabile e stampabile.

Maurizio De Giorgi, Avvocato, ha pubblicato numerosi volumi, saggi e note di approfondimento. È stato docente nei corsi di alta formazione della European School of Economics. 

 

 

 

 

 

 

 

Volumi collegati

Roberto Cataldi - Paolo Storani Francesca Romanelli - Valeria Zeppilli Elisa Barsotti

Insidie stradali e responsabilità della PA e di altri soggetti,

II ed., 2017

 

 

 

 

 

Requisiti hardware e software

  • Sistema operativo:

Windows® 98 o successivi

  • Browser: Internet
  • Programma capace di editare documenti in formato RTF

(es. Microsoft Word)

Leggi descrizione
a cura di Maurizio De Giorgi, 2016, Maggioli Editore
65.00 € 52.00 €

 

Il campanello deve essere udibile fino a 30 metri

L’articolo 68, comma 1 del Codice della strada prevede infatti che tutte le biciclette siano munite “per le segnalazioni acustiche di un campanello”. La sanzione per chi non si adegua consiste appunto in una multa che va dai 25 ai 100 euro. A ben vedere, dunque, il ciclista di Riccione ha ottenuto il minimo della sanzione.

Ma non è finita: lo stesso Codice della strada stabilisce che il campanello della bicicletta deve necessariamente essere in grado di emettere un suono “di intensità tale da poter essere percepito ad almeno 30 metri di distanza”.

Le altre multe per i ciclisti

I ciclisti, come si accennava in apertura, devono in realtà stare attenti a rispettare diverse altre norme che spesso non vengono considerate.

Chi va in bicicletta, ad esempio, non può sostare sulle strisce pedonali o sui passaggi pedonali senza prima essere sceso dal mezzo. I ciclisti non possono poi circolare in mezzo alla carreggiata (devono tenere la destra), né ovviamente viaggiare nella corsia riservata ai mezzi pubblici. Più frequente, ma non meno pericoloso, il caso di ciclisti che non rispettano il semaforo rosso.

Per tutti questi comportamenti esistono specifiche sanzioni previste dalla legge. Meglio fare attenzione, non solo per evitare multe ma anche e soprattutto per viaggiare in sicurezza.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e