La Cassazione seleziona 60 tirocinanti, ecco il Bando 2018

Bando 2018 per 60 tirocinanti in Cassazione

Redazione

Versione PDF del documento

E’ stato indetto un Bando, datato 20 giugno 2018, per la procedura di selezione 2018 di 60 tirocinanti da immettere presso le Sezioni civili e penali della Corte di Cassazione. Trattasi di tirocinio formativo ai sensi dell’art. 73 D.l. n. 69/2013, conv. nella Legge n. 98/2013.

Requisiti di accesso alla selezione

Questi i requisiti per partecipare alla procedura:

  1. Possesso dei requisiti di onorabilità ex art. 42 ter R.d. n. 12/1942 (ovvero, non aver riportato condanne penali per delitti non colposi o a pena detentiva per contravvenzioni e non essere stati sottoposti a misure di sicurezza o prevenzione).
  2. Aver riportato una media di almeno 27/30 negli esami di diritto costituzionale, privato, processuale civile, commerciali, penale, processuale penale, del lavoro e amministrativo, ovvero un punteggio di laurea non inferiore a 105/110;
  3. Non aver ancora compiuto i trenta anni di età.

Costituiscono titolo preferenziale, nell’ordine: la media dei punteggi degli esami suindicati, il punteggio di laurea, la minore età anagrafica, nonché la partecipazione a corsi di perfezionamento in materie giuridiche. Non sono prese in considerazione le domande degli ammessi al tirocinio in occasione di precedenti bandi o che lo stiano al momento svolgendo presso altro ufficio giudiziario.

Svolgimento del tirocinio

Il tirocinio in questione, avente durata complessiva di 18 mesi (da ottobre 2018 ad aprile 2020), consiste in un periodo di formazione teorico – pratica presso la Corte di Cassazione.

Ciascun tirocinante si vedrà affidato ad un presidente o ad un consigliere della Corte che ne abbia disponibilità, e lo assisterà/coadiuverà nello svolgimento delle attività del singolo affidatario e della sezione ove è inserito. Il tirocinante parteciperà ad ogni settore dell’organizzazione della Corte, assistendo alle udienze del processo, procedendo allo studio dei fascicoli ed alla predisposizione degli elaborati richiesti dagli affidatari

Diritti ed obblighi dei tirocinanti

I tirocinanti dovranno garantire la loro presenza lavorativa per almeno due giorni a settimana. Non potranno svolgere contemporaneamente attività professionale né pratica forense presso le Sezioni della Corte di Cassazione, dovranno attenersi all’obbligo di riservatezza e segretezza circa i dati e le informazioni apprese durante il periodo di formazione.

Potranno invece iniziare o proseguire, durante lo svolgimento del presente tirocinio, il dottorato di ricerca, la pratica forense o da notaio, la frequenza di corsi nelle scuole di specializzazione per le professioni legali; il tutto, purché con modalità compatibili a garantire un proficuo periodo di formazione presso la Suprema Corte. Il tirocinio de quo, si precisa inoltre, non da diritto ad alcun compenso e non determina il sorgere di alcun rapporto di lavoro subordinato o autonomo, né di obblighi previdenziali o assicurativi a carico dell’Amministrazione.

Esito del percorso formativo

I tirocinanti sono soggetti a valutazione semestrale. Al termine del tirocinio, il Presidente di Sezione o il magistrato formatore redigeranno una relazione sull’esito del periodo di formazione, che verrà poi trasmessa al Primo Presidente, il quale eventualmente rilascerà l’attestato di positivo svolgimento.

L’esito positivo di detto tirocinio:

  1. Costituisce titolo per l’accesso al concorso per magistrato ordinario.
  2. È valutato per un periodo pari ad una anno di pratica forense e notarile.
  3. È valutato per un periodo pari ad un anno di frequenza delle scuole di specializzazione per professioni legali.
  4. Costituisce titolo di preferenza per la nomina a giudice onorario di tribunale e a vice procuratore onorario.
  5. Costituisce titolo di preferenza nei concorsi indetti dall’amministrazione della giustizia, dalla giustizia amministrativa e dall’Avvocatura di Stato.
  6. Costituisce titolo di preferenza anche negli altri concorsi indetti da altre amministrazioni dello Stato.

Come presentare domanda

Gli interessati devono compilare la domanda allegata e presentarla entro il 10 settembre 2018, ore 14:00, presso l’Ufficio del Segretario Generale nel palazzo della Corte di Cassazione, in Piazza Cavour – Roma, insieme ai documenti comprovanti il possesso dei titoli richiesti ed una copia del documento di identità. La domanda può essere anche scannerizzata, sottoscritta ed inviata a mezzo e-mail all’indirizzo: tirocini.cassazione@giustizia.it.

Scaduto il termine per presentare domanda, verrà redatta una graduatoria provvisoria degli ammessi, che sarà pubblicata nel sito istituzionale della Corte di Cassazione (www.cortedicassazione.it) entro il 20 settembre 2018. Il tirocinio avrà inizio ad ottobre 2018, in una data che verrà comunicata agli ammessi.

Consulta anche la sezione dedicata alla pratica d’Avvocato

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it