Appalti pubblici: indicazioni alle stazioni appaltanti in materia di emissione dei certificati di esecuzione lavori

Appalti pubblici: indicazioni alle stazioni appaltanti in materia di emissione dei certificati di esecuzione lavori

Redazione

Versione PDF del documento

Biancamaria Consales

L’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, di lavori, servizi e forniture (AVCP), con deliberazione n. 24 del 23 maggio 2013, ha fornito alcune informazioni alle stazioni appaltanti, alle  SOA e alle imprese in materia di emissione dei certificati di esecuzione lavori (CEL) previsto, in tema di qualificazione per  eseguire lavori pubblici, quale requisito tecnico-organizzativo, dall’art. 40, comma 3, lett. b) del D.Lgs. 12  aprile 2006, n. 163.
Va premesso che l’art. 6 bis del predetto provvedimento ha disposto che, dal 1° gennaio 2013, le stazioni  appaltanti e gli enti aggiudicatori debbano verificare il possesso dei requisiti di  carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico-finanziario per le  procedure disciplinate dal Codice esclusivamente tramite la Banca Dati  Nazionale dei Contratti, istituita presso  l’Autorità.
Per ridurre il notevole rallentamento nell’attività di attestazione delle imprese provocato proprio dal mancato rilascio dei  CEL per via telematica, con le conseguenti gravi ripercussioni sul regolare  andamento del mercato dei contratti pubblici, l’AVCP ha deliberato
che l’impresa esecutrice di lavori  pubblici, interessata all’utilizzazione di CEL, ai fini della qualificazione, deve  avanzare apposita, formale richiesta di emissione alla stazione appaltante, tenuta, invece, ad  emettere i CEL secondo le modalità telematiche indicate dall’Autorità. L’emissione  deve avvenire entro trenta giorni dalla richiesta dell’impresa  esecutrice.    

L’impresa che intende avvalersi, ai  fini della qualificazione SOA, di un certificato relativo a lavori eseguiti  presso una determinata stazione appaltante, presenta alla SOA medesima copia  del CEL telematico ovvero comunica il numero di inserimento informatico del  CEL
La SOA, qualora nell’attività di  attestazione, riscontra che il CEL non è presente nel casellario  informatico, ne dà diretta comunicazione alla stazione appaltante e  all’Autorità per l’eventuale adozione del provvedimento sanzionatorio. 

Tale procedimento riguarda tutti i CEL utili ai fini della qualificazione  dell’impresa, indipendentemente dalla loro data di emissione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it