Affidamento dei figli, fratelli e sorelle non vanno divisi

Redazione 28/05/18
Scarica PDF Stampa
La tutela del diritto fondamentale di sorellanza e fratellanza impone che, in caso di separazione dei genitori, i fratelli e le sorelle debbano essere collocati presso il medesimo genitore, a meno che non emerga la contrarietà in concreto di tale collocamento al loro interesse.

E’ questo il principio espresso dalla Corte di Cassazione, prima sezione civile, con ordinanza n. 12957 del 24 maggio 2018, accogliendo il ricorso del Procuratore Generale nell’ambito di una causa di separazione tra coniugi, ove la residenza prevalente della figlia minore era stata fissata presso il padre.

Volontà espressa dal minore, disattesa solo con rigorosa motivazione

La Corte Suprema rammenta innanzitutto che nei giudizi di separazione tra i coniugi, l’audizione del minore infradodicenne capace di discernimento, come nel caso de quo, costituisce adempimento a pena di nullità ove si assumono provvedimenti che lo riguardino, salvo che il giudice non ritenga, con specifica e circostanziata motivazione, l’esame manifestamente superfluo ed in contrasto con l’interesse dello stesso minore.

E’ pur vero, in altre parole, che il giudice non è tenuto a recepire, nei suoi provvedimenti, le dichiarazioni di volontà che emergono dall’ascolto del minore, così come non è tenuto a recepire le conclusioni delle indagini peritali. Tuttavia, quando il medesimo giudice intenda disattendere tali dichiarazioni o tali conclusioni, ha l’obbligo di motivare tale decisione con particolare rigore e pertinenza.

Necessità di preservare il rapporto tra fratelli e sorelle

Ora nel caso in esame, motivano gli Ermellini, vi è stata una chiara volontà espressa dalla figlia di convivere con la madre e con la sorella, con la quale ha un rapporto affettivo importante e di reciproco sostegno. Una volontà che è stata apprezzata anche dal consulente nominato nel corso del giudizio, il quale ha ritenuto il legame con la sorella il maggior riferimento affettivo e stabilizzante per la minore. Ciò sulla base di una valutazione psicologica, che si aggiunge alla condivisibile considerazione del Procuratore Generale circa la necessità di preservare, nelle separazioni tra coniugi, il rapporto tra fratelli e sorelle, non adottando provvedimenti che comportino la loro separazione, se non per ragioni ineludibili e, comunque, sulla base di una motivazione rigorosa che evidenzi il contrario interesse del minore alla convivenza.

L’impugnata decisione sul collocamento della minore va pertanto cassata – concludono i giudici di legittimità – onde consentire alla Corte d’appello una nuova verifica su quale sia la residenza della bambina, se presso il padre o la madre, maggiormente rispondente al suo interesse. Una verifica che, partendo proprio dall’ascolto della stessa minore, prenda in esame il contesto dei due nuclei familiari, l’idoneità genitoriale e l’esigenza primaria della conservazione del legame e della condivisione di vita con la sorella.

Volume consigliato 

L’affidamento del minore

Con taglio pratico e utili formule, l’opera è un’analisi delle criticità legate all’affidamento del minore.Attraverso il supporto degli orientamenti giurisprudenziali e di consigli operativi, si offrono le soluzioni ai principali quesiti relativi al diritto alla bigenitorialità, all’affidamento in caso di disgregazione del nucleo familiare, all’assegnazione della casa coniugale e all’utilizzo di questa quale forma di tutela della prole.Si affrontano altresì le questioni del mantenimento e dei criteri per la sua determinazione, dell’ascolto del minore e dell’alienazione parentale.Damiano MarinelliAvvocato cassazionista (marinelli@areaconsulenze.it), arbitro e mediatore, docente di diritto privato e di diritto della mediazione e dell’arbitrato presso l’università eCampus e presso corsi attivati dalle università di Padova, Firenze e Siena. È anche formatore accreditato dal ministero della giustizia. È presidente dell’Associazione Legali Italiani (www.associazionelegaliitaliani.it)Luciano Natale VinciAvvocato del Foro di Matera, svolge la professione forense dall’anno 2005, dividendosi tra i due studi di cui è titolare, in Roma e in Policoro (MT). Impegnato nel diritto di famiglia e nella tutela dei minori sin dall’inizio dell’attività professionale, dall’anno 2011 è cultore di Diritto Privato presso l’Università eCampus.Dall’aprile 2016 è Presidente della Camera Minorile Distrettuale della Lucania e vanta la partecipazione, in qualità di relatore, a numerosi convegni in materia giuridica familiare e minorile.

Damiano Marinelli, Vinci Natale Luciano | 2017 Maggioli Editore

16.00 €  15.20 €

Sentenza collegata
59107-1.pdf 551kB
Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati Iscriviti
Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.
Redazione