Violazione degli obblighi di assistenza familiare Violazione degli obblighi di assistenza familiare
Home » News » Focus

Violazione degli obblighi di assistenza familiare

Redazione

Versione PDF del documento

In conformità al principio della riserva di codice, l’art. 2, comma 1, lett. c), d. lg. 21/2018 ha sostituito l’art. 12-sexies l. 898/1970 con l’art. 570-bis c.p., inserendo nel Codice penale il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione o scioglimento del matrimonio, in precedenza previsto all’interno della l.898/1970 che è legge complementare al Codice civile. Le due disposizioni corrispondono: l’art. 570-bis c.p., come l’art. 12-sexies l. 898/1970, opera un rinvio alle pene previste all’art. 570 c.p., il quale sanziona la violazione degli obbli-ghi di assistenza familiare.

La fattispecie del reato omissivo permanente

L’art. 570-bis c.p. integra un reato omissivo permanente. Il reato si perfeziona dunque solo con l’integrale adempimento dell’obbligo di assistenza familiare. La Cassazione ha tuttavia ribadito che, qualora l’obbligato si trovi in uno stato di indigenza assoluta per causa a lui non imputabile, il mancato adempimento degli obblighi di assistenza familiare non costituisce reato. L’oggettiva indisponibilità dei mezzi rileva quale scriminante . Ovviamente, in difetto di questo presupposto, il reato è da considerarsi perfetto in relazione al periodo in cui la condotta omissiva non risulti giustificata.

Le potrebbe interessare anche:” Nuovo principio di riserva di codice”

L’art. 2 c.p.

La disciplina sulla successione delle leggi nel tempo ex art 2 c.p. non pone qui particolari problemi poiché, come detto, l’art. 570-bis c.p. corrisponde, sia nella formulazione della fattispecie che nel trattamento sanzionatorio, all’art. 12-sexies l. 898/1970. Nell’ipotesi in cui la condotta fosse stata posta in essere prima dell’introduzione dell’anzidetta fattispecie penale, di cui all’art. 570 bis c.p., ricadrebbe nell’alveo dell’art. 570, comma 2, n. 2, c.p. e risulta assorbita per consunzione nella successiva violazione dell’art. 570-bis c.p.. Anche in questo caso, il trattamento sanzionatorio è il medesimo.

Importante ribadire che tale fattispecie penale non punisce le condotte poste in essere dai conviventi more uxorio, poiché non espressamente richiamati. Pertanto, vigente il principio di divieto di analogia in malam partem, tali soggetti sono esclusi dalle sanzione della fattispecie in oggetto.

Volume consigliato

Le tutele legali nelle crisi di famiglia

Le tutele legali nelle crisi di famiglia

Michele Angelo Lupoi, 2018, Maggioli Editore

L’opera si struttura in tre volumi tra loro coordinati, affrontando in modo pragmatico le tematiche relative alla crisi dei rapporti familiari. Nel primo tomo viene esposta con commento dettagliato la disciplina sostanziale. Nel secondo tomo si espone, con risvolti operativi, la...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it