Termini e udienze nel processo: il vademecum per gli avvocati

Termini e udienze processuali: cosa devono fare gli avvocati?

di Redazione

Versione PDF del documento

Termini e udienze processuali: cosa prevedono i DPCM

L’ultimissima bozza di decreto ha previsto un nuovo quadro con riferimento al differimento delle udienze processuali e alla sospensione dei procedimenti.

Infatti, mentre fino a ieri era previsto il rinvio d’ufficio delle udienze civili e penali sino al 22 marzo, tale termine è stato ora prorogato sino al 15 aprile; ciò significa che i Capi degli uffici giudiziari dovranno predisporre un nuovo calendario a partire dal successivo 23 marzo.

Questa decisione è stata determinata dal repentino mutamento de quadro sanitario, che impone l’adozione di misure restrittive per un tempo più lungo.

L’iter è iniziato nella notte dell’8 marzo, quando è stato emanato il primo DPCM per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Con riferimento alla professione forense, le disposizioni per gli avvocati prevedono:

In relazione alle udienze: “A decorrere dal giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto (9 marzo) e sino al 22 marzo 2020 le udienze dei procedimenti civili e penali pendenti presso tutti gli uffici giudiziari, con le eccezioni indicate all’articolo 2, comma 2, lettera g) sono rinviate d’ufficio a data successiva al 22 marzo 2020”.

Iscriviti gratuitamente all’evento Emergenza Coronavirus: il vademecum per avvocati

Quindi, dal 9 marzo al 22 marzo 2020, sono rinviate tutte le udienze civili; i giudici dovranno comunicare alle parti le date dei rinvii, anche alla luce di quanto verrà stabilito dai Capi ufficio per il periodo successivo, vale a dire a partire dal 23 marzo e sino al 31 maggio.

Occorre precisare che il rinvio delle udienze vale comunque solo per i procedimenti che hanno un’udienza fissata tra il 9 e il 22 marzo; ciò significa che, ad esempio, una causa con udienza prevista per il 23 marzo proseguirà nel rispetto delle regole generali.

Per quanto riguarda i termini processuali, sia relativamente ai giudizi civili che a quelli penali: “A decorrere dal giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto (9 marzo) e sino al 22 marzo 2020, sono sospesi i termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti indicati al comma 1, ferme le eccezioni richiamate”.

Anche in questo caso, occorre considerare che la sospensione vale solo per i procedimenti che hanno un’udienza fissata tra il 9 e il 22 marzo.

L’interpretazione del CNF

Il Consiglio Nazionale Forense ha fornito chiarimenti sulle disposizione dei regolamenti, chiedendo però un intervento normativo in sostituzione di quanto sinora stabilito, in modo da fare chiarezza e aiutare gli avvocati nell’espletare le attività possibili, senza incorrere in un’errata interpretazione, che comporti l’omissione di atti dovuti in forza dei mandati ricevuti dai propri clienti.

Quali reati si prescrivono oggi? Approfondisci:

LA PRESCRIZIONE DEL REATO IN VIGORE DAL 1° GENNAIO 2020 - Ebook

LA PRESCRIZIONE DEL REATO IN VIGORE DAL 1° GENNAIO 2020 - Ebook

Antonio Di Tullio D’Elisiis, 2020, Maggioli Editore

Il presente ebook affronta la nuova normativa in materia di prescrizione del reato, in vigore dal 1° gennaio 2020. Nonostante le incertezze politiche sul tema, il quadro normativo è vigente e, dunque, si intende fornire all’operatore un testo di facile consultazione e di...




Infatti, le disposizioni non sono chiare relativamente a quali atti e a quali procedimenti siano sospesi. Alcuni ipotizzano che, per quanto riguarda i giudizi civili, siano sospesi i termini per le iscrizioni a ruolo, le comparse di costituzione, le memorie e le chiamate di terzo, che scadono nel periodo tra il 9 e il 22 marzo 2020; mentre, per i procedimenti penali, occorre distinguere: a) i procedimenti relativi a reati che possono prescriversi, il corso della prescrizione rimane sospeso per il tempo in cui il procedimento è rinviato ai sensi del DPCM e, in ogni caso, non oltre il 31 maggio 2020. Invece, per i procedimenti relativi all’applicazione di una misura di prevenzione, non opera la sospensione.

Nell’incertezza, è intervenuto il CNF: scarica la scheda di analisi del DPCM.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!