Soggettività giuridica: l'annosa questione

Soggettività giuridica: l’annosa questione

di Redazione

Versione PDF del documento

Il nostro ordinamento riconosce soggettività giuridica sia alle persone fisiche che agli enti.

Le persone fisiche sono riconosciute dalle norme civili e dalla Costituzione. Il problema, al contrario, sussiste con la persona giuridica. La questione ha origini lontane, nasce nell’800 dai pratici e giuristi.

Le varie teorie

La teoria finzionalistica di Savigny (c.d. fictio) secondo cui gli enti sono creati fittiziamente dall’ordinamento, stabilisce che gli enti non esistono in natura e si muovono nel mondo di diritto con dei soggetti privati che li rappresentano.

La teoria del Savigny viene superata con l’entrata in vigore dello Stato di diritto e si abbandona con lo Stato assoluto, dove il monarca incarna lo Stato e pertanto non c’è quindi il problema di definirlo. Viceversa, con lo Stato liberale, lo Stato è un ente di diritto pubblico si sposa quella naturalistica, quindi gli enti si trovano in rerum natura.

Nella teoria della rappresentanza, il funzionario esprime la volontà dello Stato; questo soggetto viene inteso come un mero rappresentante. Questo modello nasce dall’istituto civilistico della rappresentanza.

Al contrario, secondo la teoria della immedesimazione organica non è un alterum, ma è egli stesso parte del corpo. Quindi il funzionario sarebbe esso stesso parte del corpo per immedesimazione organica. Lo Stato, pertanto, risponde degli atti compiuti dal funzionario, ex art 2043 c.c.; se invece dovessimo sposare la teoria finzionalistica la responsabilità sarebbe indiretta ex art. 2049 c.c.

Evoluzione storica delle associazioni, fondazioni e no profit

Con lo Statuto Albertino, troviamo una differenza tra Stato liberale e lo Stato costituzionale sociale. Per lo Stato liberale lo Stato di diritto è unicamente la persona fisica, l’individuo, essendoci un astio nei confronti delle figure intermedie.

Solo con la Costituzione del ‘48 si sviluppa la tematica dell’associazionismo. Esistono soggetti con finalità di lucro e non, ma questa distinzione viene superata con l’avvento del d.lgs. 155/2006 per cui il modello sociale risulta un’ ibridazione del I e V libro.

Per l’ art 2 Cost l’attenzione del giurista è la “libertà dell’associazione”( si contrasta l’art. 416 c.p. e l’art. 18 Cost relativamente alle associazioni segrete o sovversive). Le associazioni sono libere e possono avere personalità giuridica o non. Diverso discorso deve essere fatto per la “libertà nell’associazione”, per cui i diritti devono essere riconosciuti nell’associazioni (es. colui che appartiene a un’associazione è legittimato a far valere i diritti in giudizio).

Secondo altri orientamenti, invece, le associazioni e le società nascerebbero dall’autonomia negoziale ex 1322 c.c. con un sistema a porte aperte, cioè a tutti coloro che vogliono partecipare alla causa; divieto di discriminazione. Viceversa, le società sono a porte chiuse, perché agiscono a vantaggio dei soci.

Lo stesso art. 1322 c.c. pone dei limiti come l’ordine pubblico, buon costume e norme imperative, ad es. non si possono creare associazione fasciste.

Si approfondisca con:” La persona fisica e la persona giuridica”

Il regime di autonomia patrimoniale

  • Autonomia patrimoniale è piena quando i creditori non possono aggredire il patrimonio personale del socio, motivo per cui si costituiscono le società per capitali. Questo è il vantaggio delle società. Il legislatore per generare ricchezza ha riconosciuto questo vantaggio.
  • Autonomia patrimoniale è vuota, quando il socio risponde con il proprio patrimonio.
  • Autonomia patrimoniale semi-piena delle associazioni non riconosciute

I patrimoni possono essere separati: fondi pensionistici, fondi patrimoniali, trust, società con patrimonio separato per un’operazione.

Prima risponde il fondo, poi i rappresentanti del fondo, poi la società autonomia patrimoniale semi-piena.

Volume consigliato

Le strutture societarie: caratteristiche a confronto

Le strutture societarie: caratteristiche a confronto

Alessandra Concas, 2018, Maggioli Editore

La presente trattazione è incentrata sulle dinamiche societarie. Inizia con la definizione del contratto di società e prosegue con la disciplina giuridica e le caratteristiche di questi enti, elencando in modo dettagliato i caratteri dei vari tipi di società e...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!