Il rimborso delle spese di lite nel caso di rinuncia agli atti
Home » News » Focus

Rimborso spese di lite: quando si rinuncia agli atti

Redazione

Versione PDF del documento

Il rimborso delle spese di lite quando si rinuncia agli atti

Con l’ordinanza n. 23620 dello scorso 9 ottobre, la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di spese processuali, pronunciandosi sulla possibilità di rimborso delle stesse, nel caso di notifica dell’atto di rinuncia prima che la controparte proceda alla propria costituzione in giudizio. L’interrogativo è infatti se, nel provvedimento di estinzione del processo per rinuncia agli atti, il giudice debba o meno statuire sulle spese processuali.

La Suprema Corte ha stabilito che, in questa ipotesi, il giudice non è tenuto a statuire sulle spese, a carico della parte che rinuncia. Invero, la legge stabilisce che ciò deve avvenire solo qualora la rinuncia agli atti intervenga successivamente alla costituzione in giudizio della controparte (Art. 306, comma 4, c.p.c.).

Volume consigliato

Inadempimenti e responsabilità civile, penale e disciplinare dell'avvocato

Inadempimenti e responsabilità civile, penale e disciplinare dell'avvocato

Alessio Anceschi, 2011, Maggioli Editore

Negli ultimi anni, la professione forense è stata interessata da rilevanti riforme, sia sotto il profilo legislativo (cd. riforma Bersani) che deontologico, le quali ne hanno in buona parte mutato la disciplina. Il presente volume approfondisce il tema della responsabilità professionale...



L’applicazione dell’art. 306, comma 4 c.p.c.

Nella pronuncia in esame può leggersi che “l’ordinamento processuale non prevede un’espressa disciplina della rinunzia agli atti nel giudizio di impugnazione, limitandosi l’art. 338 c.p.c. a disporre che l’estinzione del procedimento d’appello (o di revocazione di cui ai numeri 4 e 5 dell’art. 395 c.p.c.) fa passare in giudicato la sentenza impugnata, salvo che ne siano stati modificati gli effetti nel procedimento estinto, di tal che anche nel giudizio di appello deve farsi ricorso all’art. 306 c.p.c., sulla base del generale rinvio di cui all’art. 359 c.p.c.“.

Sentenza cassata con rinvio

Nel caso di specie, i giudici di legittimità hanno rilevato come la parte destinataria dell’atto di rinuncia, ben avrebbe potuto comunque costituirsi in giudizio e richiedere una pronuncia nel merito, avendone interesse. L’aver accertato la mancanza di tale interesse, in quanto la parte ha accettato la rinuncia, giustifica l’applicazione dell’art. 306 c.p.c. e, dunque, il giudice non deve disporre nulla in merito alle spese del giudizio.

Al contrario, il giudice del gravame aveva emesso il provvedimento sulle spese; la sentenza è stata dunque cassata e gli atti rinviati ad altra sezione della Corte, in quanto i giudici di legittimità rilevavano la necessità di un’ulteriore indagine nel merito.

Potrebbe interessarti anche Responsabilità processuale aggravata

Consulta anche la sezione dedicata alla pratica d’Avvocato! 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it