Protocollo tra Cnf e Csm per la migliore gestione delle impugnazioni

Razionalizzare la fase d’impugnazione: Intesa tra Cnf e Csm

di Redazione

Versione PDF del documento

Il 19 luglio 2018 è stato sottoscritto, dal Presidente del Consiglio nazionale forense Andrea Mascherin e dal Vice Presidente del Consiglio superiore della magistratura Giovanni Legnini, un Protocollo d’intesa in materia di scrutinio preliminare delle impugnazioniorganizzazione del lavoro, chiarezza e sinteticità nella redazione degli atti e dei provvedimenti nei giudizi di appello, nel rispetto del principio del contraddittorio e delle garanzie della difesa.

Si legge nel testo dell’Intesa, come la fase processuale in cui si accumulano i maggiori ritardi nella definizione dei procedimenti sia quella dell’impugnazione. Per cui Cnf e Magistratura, in collaborazione tra loro, ravvisano l’esigenza di individuare possibili strumenti organizzativi utili al miglioramento del servizio giustizia.

Tra questi strumenti, per l’appunto, rientrano: a. lo scrutinio preliminare dei gravami quale metodo per una razionale gestione dei giudizi d’appello; b. talune scansioni dei relativi procedimenti; c. le tecniche di redazione di atti e provvedimenti ispirate a criteri di sinteticità e chiarezza.

In allegato al Protocollo, i Modelli per la stesura delle varie tipologie di sentenze.

Volume consigliato 

Appello e cassazione come evitare gli errori

Appello e cassazione come evitare gli errori

Antonio Gerardo Diana, Gianluca Falco, Giuseppe Cassano, 2018, Maggioli Editore

Aggiornato con le più recenti novità legislative e giurisprudenziali, quale ad esempio la sentenza di novembre 2017 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione sulla specificità dei motivi di appello, il testo si configura come un supporto...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it