Pubblicata la relazione sulla riforma dell’Ordinamento giudiziario: novità sul concorso in magistratura

di Redazione

Pubblicata la relazione finale della Commissione ministeriale di studio presieduta dal professor Massimo Luciani, insieme alle proposte di emendamenti al Disegno di legge A.C 2681 sulla riforma dell’Ordinamento giudiziario e Csm.

Importanti novità sul concorso in magistratura

All’articolo 4 si propone di apportare due essenziali modificazioni.

i) La prima riguarda la Scuola superiore della magistratura. Per coerenza complessiva con l’impianto della riforma, nella quale essa assume una posizione di centralità quanto all’accesso alla magistratura e alla formazione dei magistrati, si propone di esplicitare la necessità che la Scuola sia dotata delle necessarie risorse logistiche, finanziarie e organizzative e che tali risorse siano disponibili anche per le sue sedi decentrate.

ii) La seconda riguarda la prova scritta del concorso per l’ingresso  in magistratura, per la quale si propone che essa:

a) abbia la prevalente (ancorché non esclusiva) funzione di accertare la capacità teorico-sistematica del candidato, onde evitare che ci si limiti alla verifica della capacità risolutiva di casi pratici, sovente sul modello di precedenti arresti giurisprudenziali, anche recenti;

b) sia oggetto di una sua parte l’intero diritto pubblico, nei suoi profili tanto amministrativistici quanto costituzionalistici;

c) contempli anche le istituzioni del diritto processuale civile e le istituzioni del diritto processuale penale.

A quest’ultimo proposito, nondimeno, nella Commissione si è a lungo discusso sul rischio che la previsione delle materie processualistiche, sebbene limitata ai loro profili istituzionali, possa comportare un eccessivo aggravio del carico sopportato dai candidati in occasione della preparazione delle prove scritte, pur se va segnalato che tale preparazione dovrebbe essere adesso significativamente sorretta dai corsi tenuti dalla Scuola superiore della magistratura.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!