Psicoterapia per elaborare il lutto: no alla maggiorazione del risarcimento per le spese delle sedute

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - sez. III civ. - sentenza n. 14549 del 09-05-2022

Affinché la maggiorazione del risarcimento del danno sia legittima, occorre motivare la ragione per cui il ricorso alle sedute di psicoterapia costituisce un’eccezionale condizione rispetto a quelle che normalmente conseguono all’illecito. Lo ha stabilito la III Sezione Civile della Corte di Cassazione, Sentenza 09 maggio 2022, n. 14549.

La maggiorazione statuita del giudice d’appello

Una compagnia di assicurazione, che in grado d’appello si era vista condannare alla maggiorazione del risarcimento del danno, già liquidato in primo grado, per la morte di un uomo avvenuta in una battuta di caccia, adisce la Cassazione denunciando la violazione delle norme che dettano i principi in tema di personalizzazione del danno biologico.

La necessità della psicoterapia secondo la perizia

Più precisamente, il giudice d’appello aveva riconosciuto una maggiorazione del 50% del danno, in favore della vedova, in base a una relazione peritale la quale aveva previsto la necessità, per la stessa danneggiata, di elaborare il lutto ricorrendo a delle sedute di psicoterapia.

L’elaborazione del lutto quale conseguenza della perdita di un congiunto

Per la tesi difensiva della compagnia, l’elaborazione del lutto rappresenta una conseguenza normale della perdita di un congiunto e, pertanto, non giustifica una maggiorazione del risarcimento, il quale, invece, presuppone conseguenze particolari o anormali dell’illecito. Inoltre, la compagnia ha ritenuto che alcuna specifica allegazione, o prova, era stata addotta a dimostrazione dell’eccezionalità di tale evento nel caso concreto, ovvero della sua particolare o speciale rilevanza.

La violazione delle regole di personalizzazione del danno

La Cassazione ha giudicato il motivo fondato, accogliendo le doglianze della compagnia, in quanto la Corte d’appello aveva ritenuto anormale il recupero del lutto, rispetto a ciò che ordinariamente avviene, in base a una indicazione del consulente tecnico che aveva previsto che il superamento di tale stato non potesse avvenire col semplice trascorrere del tempo, bensì solo tramite l’aiuto di una psicoterapia. Così facendo, però, lo stesso giudice d’appello ha violato le regole di personalizzazione del danno poiché, al contrario, il ricorso alla terapia in questione non comporta un eccezionale rimedio al danno, integrando piuttosto una tipica situazione di elaborazione del lutto. Era invece necessario motivare la ragione per cui il ricorso alle sedute di psicoterapia costituisse, nella specie, un’eccezionale condizione rispetto a quelle che normalmente conseguono all’illecito (in tal senso, Cassazione n. 25164/2020).

Sul tema del risarcimento del danno consigliamo il volume:

Manuale del risarcimento per il danno alla persona

Manuale del risarcimento per il danno alla persona

Giuseppe Cassano (a cura di), 2017, Maggioli Editore

Aggiornata con la cd. Legge sulla Concorrenza (L. 4 agosto 2017, n. 124) e la riforma della responsabilità medica (L. 8 marzo 2017, n. 24), la II edizione di questa Guida esplica la disciplina del danno alla persona e fornisce al Professionista gli strumenti conoscitivi e operativi...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e