Parliamo di polizia marittima

Parliamo di polizia marittima

di Conti Daniele

Versione PDF del documento

L’attività di Polizia Marittima è una materia tanto complessa nel suo profilo generale quanto articolata relativamente ai molteplici ambiti in cui vi si opera.
Occorre premettere che per Polizia Marittima s’intende quell’attività volta a garantire un pacifico e ordinato, nonché sicuro, svolgimento delle attività nell’ambito portuale, demaniale e del mare territoriale (art.524 RCN); si sostanzia in una funzione a carattere preventivo ed una repressiva. Nella seconda emergono le attività connesse all’attribuzione di poteri di PG agli operatori del settore.
Le “fonti” da cui attingere ciò sono il CN all’art.1235 e dalle leggi speciali per la pesca (legge 963/65), diporto (legge 50/71), inquinamento marino da navi (legge 979/82), difesa del mare (ad es. il tema dei rifiuti connesso all’ecomafia) ed il Codice della Strada (per quanto attiene l’ambito portuale).
La competenza attribuita agli agenti ed ufficiali di PG del settore è piena per i reati previsti dal CN e dalle succitate leggi speciali.
E’ pur vero che la qualifica di pubblico Uff., impone a questi ultimi l’obbligo di denuncia in caso si venisse a conoscenza di reati comuni.
È sostanzialmente una competenza limitata per materia ed a volte per territorio (si riporta l’esempio del personale delle Capitanerie di Porto nell’attività di controllo alle filiere della pesca nell’entroterra o per l’antinquinamento nell’ambito costiero).
L’attività delle Capitanerie di Porto è precipua nell’esercizio della Polizia Marittima assieme alla collaborazione delle altre forze dell’ordine e corpi dello Stato competenti.
L’opera di PG (accertamento e repressione) si esplica in ambito penale (ad es. con “informativa di reato”) e amm., limitata per materia (art.13 689/81: una sorta di cpp per gli illeciti amm.). Nell’ambito portuale ove spesso si riscontra un complesso riparto di competenze con l’autorità portuale, da cui scaturiscono responsabilità, la figura del Comandante del porto esplica anche un’attività di normazione (nell’accezione specifica), soprattuto per quelle attività legate alla quotidiana pratica marittima non contemplate da leggi vigenti.
Il Capo del Circondario marittimo può emanare regolamenti e ordinanze (art.59 RCN), escluso per quanto concerne i limiti di navigazione dalla costa di competenza del Capo del Compartimento. Questi succitati sono atti formalmente amministrativi ma sostanzialmente normativi (erga omnes); il regolamento è impiegato per attività a carattere continuativo mentre l’ordinanza regola fatti occasionali.
Il Capo del Compartimento può emanare concessioni (art36 CN) e decreti.
L’Autorità Marittima in generale può emettere ordini (atti dispositivi per specifici soggetti).
Tra le attività che il Comandante del porto può regolamentare vi sono qulle portuali: manovra delle navi (art.62,63 CN), movimentazione merci (art.65 CN), guardiania (art.74 CN), uso fiamma, ecc.; solitamente norme condensate nel Regolamento di Sicurezza Generale.
Per la rimozione di relitti (art.72,73 CN) l’Autorità Marittima sensibilizza gli enti con risorse economiche mentre dell’escavazione dei fondali (art.76,78 CN) se ne occupa l’Autorità Portuale. Inoltre il Comandante può disporre per le attività in caso di pericolo (ad es. uso di unità per soccorso; art.69,70 CN) e l’accensione di fuochi (art.80 CN). Poiché trattasi, quest’ultima, di attività autorizzata dalla PS, dal comune per l’uso dell’area designata e verso persona abilitata da licenza, l’Autorità Marittima si limita all’aspetto attinente la sicurezza della navigazione per quanto concerne il servizio di segnalamento, l’interdizione e la sicurezza dell’area.
Il Comandante del porto può vigilare sui soggetti che operano nell’ambito portuale e che il Capo del Compartimento può sottoporre ad iscrizione in appositi registri (art.68 CN); in effetti si tratta oggi di una comunicazione di “inizio attività”.
Per concludere il profilo di Polizia Marittima è opportuno dare un cenno ai c.d. “punitivi”: art.1174 CN (inosservanza di provvedimenti), art.1231 CN (inosservanza di norme di sicurezza della navigazione), art.1164 CN (demanio).
 
Daniele Conti
 
*nota: CN sta per Codice della Navigazione; RCN per Regolamento al Codice della Navigazione.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!