Nuovo algoritmo anti-evasione fiscale: approvazione del garante privacy

di Luisa Di Giacomo, Avv.
PDF

È stato approvato e firmato il decreto che permetterà all’Agenzia delle Entrate di incrociare i dati dei contribuenti dell’anagrafe tributaria con i dati riportati nelle dichiarazioni dei redditi, quelli relativi al patrimonio, agli immobili, ed allo stile di vita, allo scopo di “stanare” il maggior numero di evasori fiscali potenziali o conclamati.

Il software anti evasori VERA (Verifica dei Rapporti Finanziari) è stato “licenziato” a seguito dell’approvazione espressa dall’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, che si è assicurata che vengano rispettati i principi del Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati (GDPR) ovvero che i dati vengano anonimizzati per tutta la fase iniziale di analisi, e che vengano poi ricondotti alle persone fisiche identificate solo nella fase successiva e finale, per cui la base giuridica del trattamento sarà appunto il provvedimento di lotta contro l’evasione fiscale.

L’intelligenza artificiale che supporta il sistema VERA dispone di un elevato livello di precisione, ma per evitare errori le operazioni saranno sempre supportate dal controllo umano. Ogni intervento umano verrà opportunamente tracciato con registrazione dei log e i soggetti deputati a trattare i dati verranno debitamente formati e autorizzati al trattamento.

      Indice

  1. Ma come funziona in pratica questo algoritmo?
  2. Altre misure di sicurezza

1. Ma come funziona in pratica questo algoritmo?

Grazie all’intelligenza artificiale di VERA, sarà possibile incrociare i dati che emergono dalle dichiarazioni dei redditi con i dati presenti sul web, proprio quel patrimonio di informazioni che volontariamente, ogni giorno, diamo in pasto ai social ed a piattaforme di cui non sappiamo sostanzialmente nulla e che invece di noi sanno tutto, al fine di comporre un identikit del contribuente. Il fine è di stabilire se i redditi dichiarati siano congrui e compatibili con lo stile di vita condotto, incrociando anche i dati delle app di pagamento (Satispay, Apple pay e simili), i registri immobiliari e gli acquisti registrati in qualsiasi banca dati digitale.

VERA concentrerà i controlli verso i comportamenti fraudolenti e in caso di incongruità segnalerà il caso (anonimo) all’Agenzia delle Entrate. Solo dopo la segnalazione si potrà accedere al nominativo reale del contribuente, per effettuare i dovuti controlli e per permettere all’interessato di esercitare i suoi diritti (ivi compresi quelli di difesa e di rettifica).

L’inevitabile compressione del diritto alla privacy è stata oggetto di giudizio di bilanciamento, che tuttavia vede le attività di prevenzione e contrasto all’evasione fiscale come prevalenti in quanto obiettivi principali dell’ordinamento, in nome e in ragione delle quali alcuni diritti dei cittadini possono essere limitati e compressi, anche per le esigenze di attuazione del PNRR.

2. Altre misure di sicurezza

Oltre alla misura dell’anonimizzazione fino al momento della segnalazione, è stato imposto all’Agenzia delle Entrate ed alla Guardia di Finanza di trattare esclusivamente i dati personali indispensabili al raggiungimento delle finalità di analisi del rischio di evasione ai sensi della legge n. 190/2019 (principio di minimizzazione) e di mettere in atto azioni e misure finalizzate ad evitare l’utilizzo di dati non aggiornati o inesatti, nonché idonee misure di sicurezza tecnica e organizzativa, per garantire la riservatezza e l’integrità delle informazioni elaborate.

Per quanto riguarda le policy di conservazione dei dati, questi non potranno essere conservati oltre il secondo anno successivo a quello in cui matura l’accertamento ed in nessun caso, comunque, la conservazione potrà estendersi dopo la chiusura di eventuali contenziosi che dovessero instaurarsi.

Infine, per quanto attiene l’accesso ai propri dati da parte dei contribuenti, ferma restando la possibilità per ciascun interessato di fare rettificare i propri dati inesatti (diritto garantito dal GDPR), sono diverse al momento le ipotesi di procedura.

Il contribuente potrebbe aver diritto di accesso dal momento della consegna del processo verbale di constatazione, dalla notifica dell’atto istruttorio ovvero dal momento dell’atto di verifica per gli interessati sottoposti a controllo vero e proprio.

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

luisa-di-giacomo

Luisa Di Giacomo

Laureata in giurisprudenza a pieni voti nel 2001, avvocato dal 2005, ho studiato e lavorato nel Principato di Monaco e a New York. Dal 2012 mi occupo di compliance e protezione dati, nel 2016 ho conseguito il Master come Consulente Privacy e nel 2020 ho conseguito il titolo Maestro per la Protezione dei Dati e Data Protection Designer dell’Istituto Italiano per la Privacy. Mi occupo di protezione dei dati e Cybersecurity, sono docente e formatore per Maggioli s.p.a. e coordino la sezione Cybersecurity della pagina diritto.it. Sono Data Protection Officer e consulente per la protezione e sicurezza dei Dati in numerose società nel nord Italia. Ho una pagina Instagram e un Canale YouTube in cui parlo dell’importanza dei Dati e della Cybersecurity, con l'obiettivo di contribuire a diffondere una maggiore cultura e consapevolezza digitale. Mi piace definirmi Cyberavvocato. I miei social: LinkedIn Instagram YouTube


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e