Approvata la nuova class action
Home » News » Focus

Nuova class-action: il testo approvato

Redazione

Versione PDF del documento

Il testo approvato presenta alcune differenze rispetto a quello originario, anche se l’obiettivo rimane lo stesso ed è quello di potenziamento ed estensione dell’azione di classe attualmente disciplinata dall’art. 140-bis del Codice del consumo (d.lgs. n. 206 del 2005). L’idea è quella di estendere il raggio di azione della class action sia relativamente all’ambito soggettivo che a quello oggettivo.

La c.d. class action vuole transitare nel c.p.c.

La proposta è volta a far transitare la disciplina in commento nel codice di procedura civile, inserendo un nuovo titolo VIII-bis, composto dagli articoli da 840-bis a 840-sexiesdecies.

Con la nuova ricollocazione si estendere l’ambito di applicazione a tutti i soggetti che vantino pretese risarcitorie in relazione a lesione di “diritti individuali omogenei”. In particolare, la legittimazione a proporre l’azione è attribuita a organizzazioni e associazioni iscritte in un elenco pubblico istituito presso il Ministero dello sviluppo economico. Per quanto riguarda i destinatari dell’azione di classe, questi saranno imprese ed enti gestori di servizi pubblici o di pubblica utilità, relativamente ad atti e comportamenti posti in essere nello svolgimento delle rispettive attività.

Quando sarà esperibile l’azione de qua

L’ azione potrà essere esperita da parte di soggetti legittimati a fronte di condotte lesive, per l’accertamento della responsabilità e la condanna al risarcimento del danno e alle restituzioni.

Rispetto alla precedente versione approvata in Commissione è stato previsto l’accantonamento della retroattività. Il punto, estremamente controverso, avrebbe esposto le imprese a possibili contestazioni relative a un periodo passato tra 5 e 10 anni, a seconda dell’illecito fatto valere.

La riforma prevede di entrare in vigore trascorsi 12 mesi dall’approvazione della legge. Agli illeciti commessi anteriormente continueranno ad applicarsi le disposizioni del Codice del Consumo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it