Non può essere coperta da giudicato l’eccezione di usurarietà degli interessi

Scarica PDF Stampa
La legge antiusura si applica anche ai titoli passati in giudicato

Accade, non di rado, che un consumatore o un’azienda non riusca più a pagare le rate del prestito o del leasing e perciò l’ente creditore richiede ad ottiene dal Tribunale un decreto ingiuntivo per il pagamento della somma dovutogli.

Il debitore per le più svariate ragioni non  propone opposizione nei termini di legge (40 giorni) e il decreto ingiuntivo passa in giudicato, cioè diventa incontestabile e non può essere più impugnato.

Il contratto affetto da usura

Tuttavia, questo principio può trovare eccezione se il contratto posto alla base della pretesa creditoria è affetto da usurarietà.

Ad affermarlo è il Giudice dell’esecuzione del  Tribunale di Macerata che, con ordinanza del 01/03/2019, ha ritenuto che  “…non può essere coperta dal giudicato l’eccezione di usurarietà degli interessi” anche perchè gli opponenti erano venuti a conoscenza dell’usurarietà del contratto solo con la perizia contabile di parte successivamente all’inizio dell’esecuzione.

Sulla base di tale motivazione il predetto Tribunale ha dichiarato l’esecuzione improcedibile.

In effetti, afferma l’avv. Vincenzo Vitale, la rilevanza penale della pretesa usuraria  sembra consentire di ritenere esistente nel nostro ordinamento un principio assoluto che impone di non dar corso alla dazione di interessi usurari, neppure sulla base di un decreto ingiuntivo  passato in giudicato, essendo evidente che in nessun caso la pretesa di tali interessi può prescindere dalla legittimità del rapporto sottostante con la conseguenza che se quest’ultimo risulta illecito, non può che essere ingiusto il profitto che da esso si voglia trarre.

Può quindi ritenersi che, anche se il provvedimento è coperto da giudicato, se il rapporto è usurario, è possibile riaprire la controversia e ciò anche dopo che la Banca ha sottoposto a pignoramento i beni del debitore.

Il volume di approfondimento

L’usura nel contenzioso bancario

La seconda edizione della presente opera ha un accentuato taglio operativo ed è aggiornata alla più recente giurisprudenza. Il testo, oltre ad un’analisi delle principali pronunce e delle contrapposte tesi, offre spunti di riflessione al fine di verificare la compatibilità di alcuni argomenti difensivi con la normativa vigente.Ai fini di una più agevole comprensione delle problematiche in oggetto, si affrontano anche i seguenti temi:-la determinazione del tasso effettivo  globale;-l’usura nei rapporti di apertura di credito in conto corrente;-l’usura nei contratti di mutuo e nella locazione finanziaria (leasing);-le principali argomentazioni a sostegno dell’esclusione degli interessi moratori ai fini della verifica di usurarietà (tesi frequentemente utilizzate dalle banche) o in merito alle conseguenze sanzionatorie;-le principali argomentazioni a sostegno della rilevanza degli interessi moratori ai fini della verifica dell’usura rietà e della non debenza di interessi;-i costi per polizze assicurative o per estinzione anticipata;-riflessioni in merito alle diverse formule divulgate dalla Banca d’Italia a fini statistici o ai fini della rilevazione dei tassi medi ai sensi della normativa  antiusura.Nel testo sono riportate le serie storiche del tasso effettivo globale medio e della commissione di massimo scoperto, oltre a delle utili tabelle di raffronto tra il TEGM e i tassi ex art. 51  TUB.Il volume è completato da una ricca appendice giurisprudenziale, cui si accede collegandosi alla pagina www.approfondimenti.maggioli.it e servendosi del codice presente alla fine del testo.Roberto Di NapoliAvvocato in Roma, abilitato al patrocinio dinanzi alla Corte di Cassazione. Esercita la professione forense prevalentemente in controversie a tutela degli utenti bancari e del consumatore. Collabora con varie associazioni anti-usura. Docente in corsi di formazione e autore di articoli di commento su riviste giuridiche telematiche.

Roberto Di Napoli | 2017 Maggioli Editore

39.00 €  37.05 €