Mancanza dei referiti medici: impedisce la prova del nesso di causalità

Mancanza dei referiti medici: impedisce la prova del nesso di causalità

di Muia' Pier Paolo, Referente per le sezioni dedicate a privacy, IP e internet law , responsabilità medica e civile, e condominio

Qui la sentenza: Tribunale di Roma - XIII sez. civ. - sentenza del 06-10-2018

Versione PDF del documento

Riferimenti normativi: artt. 1218, 1228, 2043 Codice Civile
Precedenti giurisprudenziali: Cass. S.U. 577/2008

Fatto

A seguito dell’aggravamento della patologia di cui era affetto il paziente si rivolgeva al Tribunale per vedersi riconosciuto il diritto al risarcimento del danno subito a causa dell’imperizia del medico e della casa di cura ove era stato ricoverato.

In particolare il paziente aveva sostenuto che a causa di tre diversi interventi eseguiti nel 2001, 2003 e 2008 per la risoluzione di patologie oculari aveva subito un peggioramento della situazione clinica con l’insorgenza di una ectasia post chirurgica.

Si costituivano in giudizio sia il medico specialista che la casa di cura chiedendo il rigetto della domanda per assenza di responsabilità. Secondo i convenuti, infatti, non vi era stata da parte loro alcuna condotta colposa né tantomeno esisteva un nesso di causalità tra il loro operato e la patologia sviluppata dal paziente. Il disconoscimento di una possibile responsabilità da parte della casa di cura trovava radici anche nel fatto che il medico specialista non figurava come suo dipendente.

Nelle more della causa interveniva una dichiarazione di fallimento della casa di cura, che veniva affidata alle cure di un amministratore straordinario.

La decisione del Tribunale

Il Giudice di primo grado limitatamente alla domanda di risarcimento proposta nei confronti della casa di cura ha dichiarato l’improcedibilità della domanda, mentre con riguardo a quella proposta nei confronti del medico specialista, il Tribunale ha ritenuto la domanda infondata, non avendo ravvisato alcuna responsabilità nell’operato del medico.

Il Giudice di primo grado nell’approcciarsi all’esame della causa, come prima, cosa ha delineato i profili entro i quali incasellare l’eventuale responsabilità del medico, ritenendo che questa dovesse essere intesa come responsabilità contrattuale, derivante da un’obbligazione direttamente assunta dal medico con il paziente.

Stabilita la natura della responsabilità, il Giudice è passato poi a verificare l’esistenza del contratto tra le parti, del nesso di causalità e della condotta colposa, non mancando di ricordare il principio sancito dalle Sezioni Unite circa l’onere probatorio. Secondo consolidata giurisprudenza, infatti, è onere del paziente provare sia l’esistenza del contratto, sia il nesso causale tra l’insorgenza, o l’aggravamento della patologia, e il danno lamentato, rimanendo, poi, a carico del debitore dimostrare che l’inadempimento non vi è stato oppure che pur esistendo esso non è stato eziologicamente rilevante.

In riferimento al primo aspetto, ovverosia all’esistenza del contratto, il Giudice valutata la documentazione prodotta ha ritenuto dimostrata, e non contestata, l’esistenza del contratto tra il paziente ed il medico specialista.
Accertato ciò, è passato ad esaminare l’eventuale esistenza del nesso causale, verificando l’inesistenza dello stesso. Infatti, esaminata la perizia eseguita dalla CTU, il Giudice ha escluso la riconducibilità causale dell’aggravamento della patologia, e insorgenza di ulteriore pregiudizio, lamentata dal paziente, ad una condotta omissiva, negligente ed imperita del medico.

A tal proposito, ha giocato un ruolo decisivo sul convincimento del giudice circa l’inesistenza del nesso causale, la carenza della documentazione depositata dal paziente, in quanto priva dei referti clinici relativi agli interventi subiti dal paziente prima del 2001. Ed è proprio uno di questi interventi, precisamente quello del 1998 che il consulente d’ufficio ha ritenuto quale causa primaria dei danni subiti dal paziente.

L’assenza della documentazione riferita ai precedenti interventi ha determinato l’impossibilità della verifica della sussistenza del nesso causale tra prestazione sanitaria e i danni lamentati.

Volume consigliato

Responsabilità del medico e risarcimento del danno dopo la riforma Gelli-Bianco

Responsabilità del medico e risarcimento del danno dopo la riforma Gelli-Bianco

Gianluca Pascale, 2017, Maggioli Editore

La presente opera è aggiornata alla riforma della responsabilità professionale del personale sanitario di cui  alla legge Gelli-Bianco. La tanto attesa novella affronta e disciplina, tra gli altri, i temi della sicurezza delle cure e del rischio sanitario, della...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Muia' Pier Paolo

Muia' Pier Paolo

Co-founder dello Studio Legale "MMP Legal", svolge la professione di avvocato in Firenze, Prato e Pistoia, occupandosi in via principale con il suo staff di responsabilità professionale e civile; internet law, privacy e proprietà intellettuale nonchè diritto tributario. In particolare, svolge attività di assistenza e difesa sia di professionisti destinatari di richieste di risarcimento  danni per inadempimento professionale sia di soggetti danneggiati da sinsitri, soprattutto per malpractice medica; consulenza relativamente alla gestione e alla tutela dei dati personali in ogni area e settore di attività nonché assistenza e difesa, stragiudiziale e giudiziale, per quanto riguarda i contratti e i rapporti tramite internet ed in generale tutte le problematiche relative ai servizi on line ed ai correlati diritti; redazione di accordi di licenza e cessione di marchi, dei diritti di sfruttamento economico delle opere dell'ingegno, di know-how e di brevetti; difesa giudiziale per la tutela dei diritti d'autore e di brevetti, marchi e disegni, nonché avverso attività di concorrenza sleale; difesa e rappresentanza nei giudizi dinanzi alle commissioni tributarie. Per Diritto.it è Referente delle sezioni dedicate a privacy, IP e internet law , responsabilità medica e civile, e condominio. Pagina Facebook: https://www.facebook.com/studiolegalemasimuia/?ref=br_rs Pagina Instagram: https://www.instagram.com/mmp_studiolegale/


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it