Gli appalti verdi: l'economia circolare. Il nuovo approccio

Le frontiere dell’applicazione degli appalti verdi: economia circolare

Redazione

Versione PDF del documento

di Max Mauri

Gli appalti verdi sono il frutto di un approccio innovativo del Legislatore per la tutela dell’ambiente e degli aspetti sociali e si innestano sulle politiche europee di sostenibilità, fornendo alla p.a. uno strumento capace di generare un effetto leva sui sistemi di produzione e consumo, forte della dimensione economica della spesa pubblica per approvvigionamenti.

Criteri ambientali minimi

Da alcuni anni l’Italia ha introdotto nel codice appalti l’obbligo di utilizzare criteri ambientali minimi (CAM) per qualificare tutti gli approvvigionamenti pubblici, ponendosi in posizione pionieristica in testa a tutti gli altri Stati membri. I CAM si stanno adeguando alle nuove disposizioni e rendono più robusti e semplici i Criteri, soprattutto per quel che riguarda quelli che si applicano in modo trasversale a tutte o quasi le tipologie di appalti previste dal Piano d’azione nazionale GPP.
Due temi in particolare hanno avuto una considerevole evoluzione, e su di essi vale la pena di concentrare l’attenzione. Si tratta dell’Economia circolare e degli aspetti sociali, e questo articolo affronta il primo dei due temi demandando ad un successivo approfondimento l’analisi degli aspetti sociali legati alle acquisizioni delle stazioni appaltanti.

Approccio e normativa europea sulla circolarità

L’Unione europea sta lavorando da anni per la transizione dall’approccio economico classico (lineare o a crescita illimitata), a un sistema economico in cui le materie vengono costantemente riutilizzate.
Questo implica una logica circolar, a partire dalla Gerarchia dei rifiuti definita dall’Unione europea, che prevede misure secondo il seguente ordine di priorità:
· prevenzione;
· preparazione per il riutilizzo;
· riciclaggio;
· recupero di altro tipo, per esempio il recupero di energia;
· smaltimento.

Volume consigliato

L'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici

L'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici

Toni Cellura, 2018, Maggioli Editore

Con il “Collegato ambiente” alla legge di stabilità 2015, sono state introdotte nel nostro ordinamento una serie di novità in materia di appalti verdi e alcune modifiche al codice dei contratti pubblici. Le norme hanno previsto l’obbligo per le pubbliche...




(continua a leggere…)

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it