Le agevolazioni sulla casa per il 2017

Le agevolazioni sulla casa per il 2017

Redazione

Versione PDF del documento

Cerchi un commercialista? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!

 

Chi vuole acquistare o ristrutturare una casa può attualmente godere di una serie di bonus e agevolazioni fiscali. La Legge di Bilancio 2017, che sarà approvata a breve, ha inoltre confermato per il prossimo anno numerosi dei benefici che già erano previsti per il 2016. Le agevolazioni fiscali sono varie e si riferiscono sia all’acquisto della prima casa che alle eventuali ristrutturazioni e alla riqualificazione energetica.

Vediamo allora in sintesi quali sono i bonus sulla casa per il 2017. 

 

La Legge di Bilancio 2017 è stata approvata: leggi tutte le novità.

 

Il bonus prima casa

Innanzitutto, chi vuole acquistare un immobile ha diritto al cosiddetto bonus prima casa. Le agevolazioni sulla prima casa, ricordiamo, consistono nella riduzione dell’IVA dal 20% al 4% se si acquista l’immobile da un’impresa e dell’imposta di registro dal 9% al 2% se lo si acquista da un proprietario privato.

Il bonus è disponibile solo per chi compri una nuova abitazione e al momento del rogito non possieda un altro immobile acquistato con agevolazioni in tutto il territorio nazionale, o in caso contrario che venda tale immobile entro un anno. L’acquirente non deve inoltre essere proprietario (anche solo insieme al coniuge) di alcuna altra abitazione nello stesso Comune nel quale si accinge a comprare una nuova casa, e deve infine avere residenza in tale Comune o dichiarare di volerla stabilire entro i suoi confini non oltre diciotto mesi dalla data d’acquisto.

L’immobile da comprare con il bonus, inoltre, non deve rientrare nella categoria delle abitazioni di lusso.

 

Gli sconti per chi acquista dal costruttore

I privati che acquistano la casa direttamente dall’impresa costruttrice entro il 31 dicembre 2016 possono detrarre inoltre dall’Irpef il 50% dell’Iva pagata. La misura mira a incentivare l’acquisto di abitazioni di nuova costruzione di elevata efficienza energetica, e si applica infatti solo agli immobili di classe energetica A e B. La detrazione dovrà essere ripartita in 10 anni.

 

I benefici per chi acquista tramite leasing immobiliare

Introdotti nel 2016 e confermati per l’anno prossimo anche gli sconti per chi decide di acquistare casa tramite leasing immobiliare. I contribuenti che, fino alla scadenza del 31 dicembre 2020, acquistano un immobile tramite leasing possono beneficiare di una detrazione dall’Irpef del 19% fino a un massimo di 8.000 euro all’anno per i canoni mensili e di 20.000 euro sul prezzo finale di riscatto.

Ma attenzione: possono beneficiare del bonus in misura piena solo i giovani fino a 34 anni con un reddito complessivo fino a 55.000 euro e non già proprietari di altri immobili. Chi ha più di 34 anni può invece beneficiare dell’agevolazione in misura ridotta (importi fino a 4.000 euro per i canoni mensili e fino a 10.000 per il riscatto finale.

 

Le agevolazioni 2017 sulle ristrutturazioni edilizie

Anche le agevolazioni sulle ristrutturazioni edilizie sono state confermate dalla Legge di bilancio 2017 per tutto il prossimo anno. Gli incentivi permettono ai contribuenti di detrarre dall’Irpef il 50% delle spese sostenute per gli interventi di ristrutturazione di immobili adibiti a uso residenziale, fino a un limite di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare. Come per gli ecobonus, le detrazioni devono essere ripartite in dieci rate annuali.

Possono accedere al bonus ristrutturazione non solo i proprietari dell’immobile, ma anche gli inquilini in affitto, gli usufruttuari e i nudi proprietari. Gli interventi detraibili sono le opere di manutenzione ordinaria delle parti comuni dell’edificio, la manutenzione straordinaria, la ristrutturazione edilizia e il risanamento conservativo.

 

Prolungato al 2017 anche il bonus mobili

Prolungato per un anno anche il bonus mobili, che permette di detrarre dall’Irpef il 50% dei costi sostenuti per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici per le abitazioni da ristrutturare. Il limite massimo di spesa è di 10.000 euro.

Per “grandi elettrodomestici” si intendono gli elettrodomestici di classe non inferiore alla A+. L’unica eccezione è il forno, per il quale è sufficiente la classe A.

 

L’ecobonus 2017: cos’è e come si ottiene?

L’ecobonus è il beneficio fiscale concesso ai contribuenti che investono nel miglioramento delle prestazioni energetiche dell’immobile. Può accedere all’agevolazione chi investe nella riduzione del fabbisogno energetico fino alla cifra massima di 30.000 euro per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione, 60.000 euro per i lavori di riqualificazione dell’involucro di edifici esistenti e per l’installazione di pannelli solari e 100.000 euro per chi effettua lavori di riqualificazione energetica globale.

I costi sostenuti per i lavori di efficientamento energetico sono detraibili dall’Irpef, in dieci rate di pari importo, nella misura del 65% e per ben cinque anni, dal 2017 al 2021.

Ma c’è di più: il bonus sale al 70% del costo sostenuto per gli interventi che hanno un’incidenza superiore al 25% della superficie dell’edificio e addirittura al 75% per i lavori finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it